Magazine Cultura

Le frecce d’argento

Da Foscasensi @foscasensi

di Nicola Dal Falco

Le frecce d’argento
Il re non capì subito, perché la figlia avesse gettato la polvere grigia nel lago, glielo aveva annunciato come se fosse una cosa solenne, una cosa giusta da fare.

Cercò, quindi, di controllare il proprio disagio, aspettando che il racconto proseguisse e quando Dolasíla disse a tutti che il lago sarebbe fiorito, la osservò soddisfatto, credendo di vedere in lei un parte di sé.

La semina lo avrebbe reso potente, ma intanto occorreva fare la corazza.

La pelle di marmotta venne tirata e sagomata sul corpo della principessa. Le calzava come la sua stessa pelle.

Da bianca era diventata lattea, quasi trasparente.

In realtà, pareva che Dolasíla camminasse nella luce, rivestita e armata di raggi.

Lo si notava meglio ad una certa distanza e l’effetto finiva per ingraziosirla, pur rendendola estranea.

La forza del bianco, la magia della corazza, leggera e indistruttibile, attirava e confondeva chi la ammirasse.

Il lavoro proseguì con il vaso che, messo sul crogiolo, dette abbastanza argento per forgiare un arco scattante, capace di flettersi al minimo tocco, mentre le gocce cadute sopra la pietra più venivano raschiate e più parevano spesse.

Alla fine, con la sola limatura furono fatte le trombe per l’esercito. Il loro suono non aveva paragoni, spandendosi come l’azzurro.

Passarono i giorni e a luna gonfiò l’intero profilo, tornando immensa e soccorrevole, lassù pura come pietra, quaggiù insinuante, serpentina, a sillabare tra i rami e sull’acqua. Dal cielo si rovesciava un fiume intatto che scorrendo in vortici silenziosi, levigava e colmava le asperità del mondo.

Un occhio potente, senza ciglia, ne fissava i contorni e la nera materia, soppesando per ogni cosa necessità e azzardo.

Il re vide che era tempo di recarsi in riva al lago, dove l’accolse una musica fine.

Il lago nascondeva le sponde sotto un siepe di canne d’argento che, muovendosi alla brezza del mattino, ritmavano un suono di sistri: quel suono imprecisabile dello strumento che ha la forma della Dea e un’anima metallica.

Al centro dello specchio d’acqua, si era come rotto il guscio e la superficie vibrava di fiori simili a gemme, a ghirlande di onice e diaspro, d’ambra e calcedonio… tutti i frutti che la terra serra in grembo galleggiavano ai primi raggi di sole.

Il re si affrettò a far tagliare le canne, offrendo all’arco di Dolasíla le migliori frecce possibili.

Bastava, infatti, incoccarle e tendere il filo, perché queste colpissero qualsiasi bersaglio, anche senza mirare, attraversando da parte a parte tronchi e rocce.

Ora, la principessa era pronta per la guerra.

Tratto da

Miti Ladini delle Dolomiti
Ey de Net e Dolasíla
di Nicola Dal Falco
con il saggio Raccontare le origini
e le glosse di Ulrike Kindl
Palombi Editori
2012 Roma


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • le mani accese

    mani accese

    Col finire delle vacanze di capodanno venne il momento di rientrare in Italia. Lasciammo Parigi che il sole non era ancora sorto e senza voglia di parlare. Leggere il seguito

    Da  Foscasensi
    CULTURA, TALENTI
  • Le cose all’inizio

    cose all’inizio

    “Morire a metà” , 2010, Sandro Rafanelli. Da becausethelight.blogspot.itOgni inizio è un momento, dunque ritualizziamo questo inizio che ha dalla propria parte... Leggere il seguito

    Da  Foscasensi
    CULTURA, TALENTI
  • Quando le parole liquidano

    La sciatteria di tanta scrittura deriva forse da una incapacità quasi patologica nel vivere (e rendere vive, credibili) le esperienze. Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, TALENTI
  • Vedere le cose

    A prima vista affermare qualcosa come “Un modo di vedere le cose originale e preciso” (è sempre Raymond Carver che scrive ciò), non pare nulla di sbalorditivo.... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, TALENTI
  • Ecco perche' le ammazzano!

    Amo le parole, leggo i giornali, sono stizzosa, mi incazzo tutti i momenti: una sequenza inevitabile, direte voi. Ma stamattina ciò che mi ha fatto soffrire... Leggere il seguito

    Da  Consolata
    CULTURA
  • LE CORREZIONI - Jonathan Franzen

    CORREZIONI Jonathan Franzen

    Enid e Alfred Lambert, in una città del Midwest americano, trascinano le giornate accumulando oggetti, ricordi, delusioni e frustrazioni del loro matrimonio:... Leggere il seguito

    Da  Lalettricerampante
    CULTURA, LIBRI
  • Le note del 2012

    note 2012

    Durante quest’anno, Post Scriptum, ha dedicato il suo spazio anche alla musica.Gli album recensiti hanno permesso di compiere un viaggio attraverso vari generi. Leggere il seguito

    Da  Postscriptum
    CULTURA, MUSICA

Dossier Paperblog

Magazines