Magazine Editoria e Stampa

Le scelte del Lone Ranger

Creato il 13 ottobre 2011 da Mcnab75
Le scelte del Lone Ranger
Post più o meno a richiesta, anche se è un argomento già trattato nelle scorse stagioni del Blog sull'Orlo del Mondo. Ma ogni tanto fa bene ribadire.
La domanda a cui rispondo la deduco da alcuni commenti più o meno simili ricevuti su Facebook: “Ma perché non invii i tuoi vecchi lavori (Prometeo, Nevicata, Uomini e Lupi) a qualche editore vero e proprio?”
Un quesito interessante che merita una risposta articolata ma al contempo semplice ed esaustiva. Eccola qui, divisa per punti:
- Non credo molto nell'operato dell'editoria italiana. Ovviamente ci sono le (poche) eccezioni, per esempio Edizioni XII, Gargoyle, la nuova arrivata Pyra Edizioni. Tuttavia il settore è in crisi, gli investimenti sono pochi e molto spesso per tentare il colpaccio si punta su libri che io non potrei mai scrivere. Quelli lì, esatto, che non starò a ripetere.
- Su questo blog recensisco molti romanzi pubblicati dagli editori italiani. Per poter mantenere una credibilità critica preferisco essere del tutto slegato a questa o quella scuderia. È un problema che molti non considerano tale, ma io sì: se dovessi pubblicare un racconto con l'Editore Tizio, chi crederebbe poi all'imparzialità delle recensioni dei libri in catalogo al suddetto editore?
- Ho molti interessi, un lavoro che porta via molte ore, una specie di vita sociale e almeno un paio di “dopolavoro”, non per ultimo la gestione del blog, che mi impediscono di spendere tempo nel classico botta-e-risposta con editori etc etc. E se una cosa devo farla male, meglio non farla proprio.
- Non amo firmare contratti. Quando posso evito.
- Viceversa amo l'assoluta libertà creativa.
- Per quel che riguarda gli editori digitali il problema è uno solo: alzare il prezzo di copertina di un ebook comporta – a mio parere – l'invendibilità del medesimo. Per qualche strana malattia i lettori italiani pensano che già 2 euro per un ebook siano troppi. Ovviamente un editore non può adottare i prezzi da fame degli scrittori autoprodotti, altrimenti non guadagnerebbe nulla. Ma questo rialzo a 3/5 euro diventa a sua volta un problema. In altre parole è un cane che si morde la coda.
- Non vedo grande differenza tra guadagnare 300-400 euro con una pubblicazione “classica” e 100-150 con l'autoproduzioni. Sono cifre che comunque non garantiscono di poter campare di scrittura.
- Credo, e questo è un punto fondamentale, che l'indipendenza totale della mia autoproduzione sia un punto distintivo chiaro e preciso del mio operato. Un marchio di fabbrica. E forse avrei più da perderci che da guadagnarci, se dovessi rinunciare a esso.
Le scelte del Lone Ranger
Questo è quanto.
Ovviamente so che l'autoproduzione NON è il paradiso, né una panacea né la strada migliore per sfidare il sistema, presunto o reale che sia. Sfida che tra l'altro non m'interessa granché.
Continuerò a recensire e a elogiare l'operato dei competenti e onesti operatori di settore sopraelencati (e altri che magari citerò in altre occasioni).
Ma al momento questa è la mia strada e almeno più o meno so dove va a parare.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Le firme…

    Ciao a tutti voi carissimissssssssssssssssssssimissssssssssssssssssssssssssimi amici miei…!!! Come state??? Sopravvissuti ai bagordi natalizi??? Tutto bene dall... Leggere il seguito

    Da  Paperottolo37
    DIARIO PERSONALE, LIBRI
  • Le cuzzupe

    cuzzupe

    Domani inizia la settimana di Pasqua e il web impazza di siti che ti spiegano come fare deliziosi lavoretti con le proprie mani. Leggere il seguito

    Da  Genitoriorganizzati
    CUCINA
  • Review: OPI I Vant To Be A-Lone Star

    Review: Vant A-Lone Star

    OPI I Vant To Be A-Lone Star - Seconda mano NOME: I Vant To Be A-Lone Star COLLEZIONE: Texas Collection MARCA: O.P.I. CATEGORIA: smalto COLORE: carta da zuccher... Leggere il seguito

    Da  Susy
    LIFESTYLE
  • Le bistecche

    La cortina della nebbia era calata sul paese antico. Nel silenzio di intima quiete di una lunga sera d'inverno, sul lastrico del vecchio corso Soccini, risuonav... Leggere il seguito

    Da  Pinaimperato
    CULTURA
  • Andrea ha un Cocco(lone) e guarda Marghe Zanatta come se fosse matta

    Andrea Cocco(lone) guarda Marghe Zanatta come fosse matta

    Forse il vincitore del Gieffe 11 sta cominciando a realizzare che l'altra metà della mela non è propriamente una Marlene. Ieri, a Domenica 5, nonostante fosse i... Leggere il seguito

    Da  Dejavu
    GOSSIP
  • Le fave

    fave

    Sapete perchè adoro la primavera??? per due meraviliosi motivi:le fave e le fragole .-).Non potevo non parlarvi di questo ingrediente: la fava!!! Penso che sia... Leggere il seguito

    Da  Danita
    CUCINA, RICETTE
  • Le Poste

    Poste

    Oggi sono stato alla Posta ,avrei voluto avere con me la macchina fotografica . La prima immagine che mi è venuta in mente è quella di un girone dell'inferno... Leggere il seguito

    Da  Ottoaprile
    SOCIETÀ

Dossier Paperblog