Magazine Cultura

Le sei reincarnazioni di Ximen Nao

Creato il 29 gennaio 2013 da Federicobona @Federico_Bona

Le sei reincarnazioni di Ximen NaoIn fondo, con chiunque ne parli, si finisce sempre lì: ma lo meritava il Nobel ’sto Mo Yan? Sgombro subito il terreno e rispondo di sì, per un motivo che più semplice non potrebbe essere: Mo Yan ha l’istinto naturale del narratore. Ti basta leggere questo libro, dove le storie sgorgano limpide e spontanee come l’acqua da una fonte, accumulandosi e crescendo fino a generare un’epica, una mitologia – o un’intera letteratura, come direbbe Borges – per capirlo. Sono storie di gente semplice, di contadini travolti dalla Rivoluzione Culturale prima e dall’avvento del capitalismo poi, avventure tragicomiche in cui ogni destino individuale può cambiare improvvisamente da un giorno all’altro, passando dalla gloria alla polvere o viceversa. È un brulicare di convinzioni, testardaggini, espedienti, legami, sentimenti, progressi locali e diktat nazionali che riproduce perfettamente il fermento della vita. Poi c’è il tono, venato di grottesco quantomeno perché il narratore – per la verità, uno dei due narratori –, Ximen Nao, viene sommariamente giustiziato all’inizio del libro e da lì si reincarna – con sua somma rabbia – prima in un asino, poi in un toro, quindi in un maiale, in un cane, in una scimmia e infine nuovamente in un uomo. Ed è con questi occhi che assiste e partecipa alla vita di quelli che un tempo erano sua moglie, le sue concubine, i suoi figli e il suo protetto, oltre a quella dei suoi nipoti: impossibile descrivere la maestria e il gusto comico con cui Mo Yan alterna pensieri e avventure animali a improvvisi lampi d’umanità ogni volta che assume il punto di vista di questi animali-narratori. Aggiungici che in questo modo, senza noia ferire, ti ritrovi apparecchiati cinquant’anni cruciali di storia cinese e capirai perché le 25-30 ore di compagnia che ti garantisce questo libro sono di quelle che ti ricorderai con piacere, in questo 2013.

Le sei reincarnazioni di Ximen Nao, Mo Yan (Einaudi, 736 pp, 22 €)

Ascolta l’audiorecensione su RFT del 28-1


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Le Bistrot

    Bistrot

    Per uno che, come me, si professa pressoché vegetariano, visto che camperei di verdure, formaggi, frutta e trascurerei tranquillamente carne e pesce, è stato... Leggere il seguito

    Da  Emsi
    CULTURA
  • le belve

    belve

    SAVAGES (USA 2012) Piccola premessa che potete saltare. Tempo fa un utente di Twitter titolare anche di un blog si lamentò, proprio attraverso Twitter, della... Leggere il seguito

    Da  Albertogallo
    CINEMA, CULTURA
  • Le belve

    belve

    (Savages)di Oliver Stone (USA, 2012)con Taylor Kitsch, Aaron Johnson, Blake Lively, Benicio Del Toro, John Travolta, Salma HayekVOTO: ***Violento.... Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CULTURA
  • Le belve

    belve

    Regia: Oliver Stone Origine: USAAnno: 2012Durata: 131'La trama (con parole mie): Ben e Chon sono due amici inseparabili, imprenditori a capo di un'impesa... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Le iene

    iene

    Regia: Quentin TarantinoOrigine: USAAnno: 1992Durata: 99'La trama (con parole mie): quando il vecchio, granitico Joe organizza una rapina in una gioielleria... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Le belve

    belve

    Regia: Oliver StoneInterpreti: Aaron Johnson, Taylor Kitsch, Benicio del Toro, John Travolta, Salma Hayek, Blake Lively.Trama: Laguna Beach, California. Leggere il seguito

    Da  Beatrixkiddo
    CINEMA, CULTURA
  • Le nuove dividono le Fondazioni

    nuove dividono Fondazioni

    Le nuove regole per la lirica  già dividono le Fondazioni. Sì da molti sovrintendenti. Sindacati contrari ROMA – La logica delle priorità porta a dire «no», ma... Leggere il seguito

    Da  Nonzittitelarte
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA

Magazines