Magazine Cultura

Le vie delle signore sono infinite

Creato il 07 aprile 2011 da Pim

Le vie delle signore sono infinite Norimberga, lunedì di Pasqua 2005. È una bella mattinata di sole, seppure non limpida. Giulia indossa una giacca leggera e io ho arrotolato le maniche della camicia. Non abbiamo molto tempo a disposizione: per il rientro occorreranno circa otto ore, traffico permettendo, dunque dovremo ripartire nel primo pomeriggio. Nei giorni precedenti abbiamo percorso buona parte della Romantische Strasse e Norimberga rappresenta un piacevole fuori programma. Di buon passo visitiamo alcune chiese, Sankt Lorenz, la Frauenkirche e Sankt Sebald; sostiamo un po’ nella Hauptmarkt dove si trova la Schöner Brunnen, la fontana gotica simbolo della città. Risaliamo quindi per la Rathausplatz passando davanti all’antico Municipio e, dopo una breve deviazione verso la casa di Dürer, raggiungiamo il possente Kaiserburg che si erge maestoso sulla collina.

 

Verso le 13 ritorniamo in auto, posteggiata nei pressi della Weisserturm. Giulia consulta la guida del Touring. C’è ancora tempo per uno sguardo alla cinta muraria del XIV secolo che, estendendosi per cinque chilometri, racchiude la parte più antica di Norimberga. Metto in moto e mi inoltro per una successione di vie dall’andamento tortuoso.Dopo qualche difficoltà ci ritroviamo proprio in faccia a un tratto di mura. Il senso unico per il quale siamo giunti si biforca davanti a un torrione. A sinistra si va in direzione della stazione e verso l’autostrada per Monaco di Baviera; a destra, un cartello di zona pedonale introduce in una strada piuttosto stretta che costeggia i bastioni, separandoli da un’infilata di casupole malridotte. << Senti, mi fermo a filmare qualcosa. Questione di poco, poi ripartiamo >>, dico. E imbocco per qualche metro il senso vietato, parcheggiando di fianco alle mura.

 

Sensazione di squallore generale. Il sole nemmeno entra a illuminare la via, appena più ampia di un vicolo. Nell’aria un odore di pattumiera davvero poco invitante. << Guarda un po’ lì >>, fa Giulia. Mi volto dalla sua parte. Sedute sulla soglia stanno alcune signore piuttosto formose - trucco pesante, capelli scarmigliati, sottoveste e guepière nera - che espongono in bella vista la propria flaccida mercanzia. Con quelle occhiatacce trucidi che ci riservano, non sembrano proprio delle pacifiche hausfrau. << Ops >>, esclamo di rimando io, << Ma dove siamo finiti >>. Lì per lì rimango perplesso. L’ossessione di fare qualche inquadratura alla cinta muraria è tuttavia più forte. << Facciamo così >>, propongo a Giulia, << Resta in macchina, io me la sbrigo in un attimo e ce ne andiamo >>. Mentre scendo, videocamera in pugno, avverto addosso lo sguardo vigile delle virago. La cosa mi lascia indifferente. In Via Ormea sono abituato a fare lo slalom su e giù per i marciapiedi. Rivolgo perciò loro le spalle, tolgo il copriobiettivo e inquadro i bastioni.

 

Sto giusto per iniziare la ripresa quando, all’improvviso, sento esplodere dei latrati in lingua teutonica. Mi volto immediatamente, stupito, e vedo che una delle gorgone, un vero peso massimo - l’adipe traballante, il braccio levato, le gambone ignude ben piantate - si è avvicinata sbraitando. Un altro paio di Furie, poco discoste le fanno il verso con strepiti acuti da perforare i timpani. Complice l’eco delle mura di fronte, il vicolo diventa improvvisamente la succursale della geenna. In mezzo a quella baraonda, presumo che le arpie mi stiano invitando a ficcarmi la videocamera in qualche orifizio (a scelta). << Stai zitta, brutta cicciona! >>, protesto in italiano, << Che vuoi? Mica sono venuto fin qua per te… >>. Inutile: la mia voce è sovrastata dall’intensità degli schiamazzi, sempre più furibondi. Capisco presto che è meglio non insistere. Faccio dietrofront mandando al diavolo tutte quelle brave signore e risalgo in auto sbuffando.

Giulia è rossa come un peperone. Non si è mossa, e ha fatto bene. << Ma che voleva quella matta? >>, fa tra l’arrabbiato e l’intimorito. << Da quel che ho capito, temeva che la riprendessi >>, rispondo mentre ingrano la retromarcia e con ostentata lentezza ripasso davanti alle Arpie che finalmente si sono calmate. << Ma pensa tu. Che postaccio. Com’è possibile che la zona a luci rosse di Norimberga sia a due passi dal centro >>. << Ecchenesò! La guida del Touring, evidentemente, ha preferito sorvolare… Peccato, sarebbero venute fuori delle belle immagini >>. << Delle mura, dici? >>. << No, della cicciona con le chiappe di fuori. Non sono stato abbastanza pronto. Avrei dovuto riprendere tutta la scena. Sarebbe stato divertente rivederla >>. << Sai che roba… >>. << Possiamo tornare indietro, se credi… >>. << Ah, beh, se è così ci vai tu. E da solo >>. << No, no. Va bene. Cedo. Mi dico però: tutto ‘sto casino... mica avevo intenzione di discutere sul prezzo… >>. << Scemo! >>.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Neil Young, Le Noise

    Neil Young, Noise

    di Loris Pattuelli Neil Young ha colpito di nuovo il bersaglio, ed anche questa volta, statene pur certi, sarà un bel dividersi tra scettici ed entusiasti. Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA, MUSICA
  • Lucas, le sue scelte

    Il passo avanti, il decisivo passo avanti, che impone la scelta, il salto, l'incertezza, la possibile caduta nel vuoto. Lucas mi sembra Fini, lo stesso tipo di... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Le serpent - Eric Barbier

    serpent Eric Barbier

    Thrillerino francese, abbastanza interessante e abbastanza lungo. Essendo francese e quindi europeo, cioè non americano, ha dalla sua la poca spettacolarità... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Sono arrivate le medicine

    Sono arrivate medicine

    Se in famiglia tutti hanno un virus gastrointestinale, e si ha la stessa voglia di mangiare come quella di berlusconi ad andare ai processi, ti arriva un pacco... Leggere il seguito

    Da  Cielosopramilano
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Si accendano le luci

    accendano luci

    Le luci della centrale elettrica "Per ora noi la chiameremo felicità" Le luci si accendono di nuovo. Atto secondo. Vasco, intendo il vero Vasco ovvero Vasco... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CULTURA
  • Le conseguenze dell'amore

    conseguenze dell'amore

    Lugano. Titta Di Girolamo vive da otto anni in un albergo anonimo, conducendo un'esistenza solitaria, nell’immobile attesa di qualcosa o di qualcuno. È un uomo... Leggere il seguito

    Da  Pim
    CINEMA, CULTURA
  • Le nostre guerre

    nostre guerre

    La CIESSE Edizioni inaugura una nuova e imponente collana che abbiamo intitolato: LE NOSTRE GUERRE.Appositamente creata in onore principalmente all'Autore che f... Leggere il seguito

    Da  Ciessedizioni
    CULTURA, LIBRI

Dossier Paperblog

Magazine