Magazine Cultura

Leggo, rileggo, posto, non posto

Creato il 11 gennaio 2012 da Malbanese74
Buon proposito per il 2012 e per gli anni a venire (Maya e profezie varie permettendo). Raccolgo, sottolineo e sposo in pieno, dalla prima all'ultima lettera, quanto contenuto in un recente post di Caterina. Nonostante abbia scritto quasi niente nell'ultimo anno (basta vedere l'archivio), ho letto molto, moltissimo, soprattutto dai feed di "Google Reader", ma non solo. L'ho fatto per interesse, per lavoro, per piacere, per approfondimenti, poco per "ricerca", insomma per i motivi più disparati. L'ho fatto sempre, quasi quotidianamente, tra una cullata e un'altra, mentre la bambina dormiva, in tarda serata, nella tranquillità del silenzio pomeridiano, durante i giorni di festa. Ci tengo a affermarlo con forza (e aggiungo pure la doppia sottolineatura): i blog non possono e non devono morire. E' vero che i social godono di percentuali "bulgare" in termini di presenza e presenze, ma come dice Caterina, è dai blog che parte tutto. Post lunghi, corti, articolati, logorroici, pillole; nessuno potrà distogliermi dall'idea che i blog rimangano ancora lo strumento più efficace per affermare il democratico diritto di ogni singolo di poter esprimere, in modo compiuto s'intende, il proprio pensiero. Per questo, il mio buon proposito parte con questo post: riprendermi il mio blog, soprattutto per il piacere che mi dà di scrivere e poter dire (uso il temine "dire" non a caso) al mondo le mie sensazioni, i miei dubbi, i miei approfondimenti, le mie storie. Questo avviene dopo mesi di "rigetto" psico-fisico causato dalla genesi del blog stesso che vedeva la luce come spazio in cui annotavo, descrivevo, appuntavo, mano a mano che prendevo coscienza di una serie di fenomeni legati alla ricerca per il dottorato. Discussa la tesi, ho avuto quello che definisco "fisiologico rilascio delle membra" (e aggiungo di una parte dei neuroni). Dopo tre anni, decine e decine di libri e centinaia fra post e articoli letti, analisi statistiche di questionari, il mio cervello ha, consapevolmente, staccato la spina. Ogni volta che tentavo di entrare nell'area utenti per scrivere, tac scattava, parafrasando e amplificando Krashen, "il filtro affettivo". Me lo aspettavo. Mi succedeva a scuola (dopo una interrogazione ardua o un compito in classe sfibrante), all'università (dopo tutti gli esami), durante la pirotecnica ricerca di un posto di lavoro (dopo ognuno dei tanti concorsi a cui ho partecipato). Era inevitabile che accadesse anche per il PHD. In compenso, però, e in modo abbastanza prevedibile, aggiungo, sono stato molto attivo sul mio profilo "Feisbuc" (sempre da Caterina), con una concreta avversione per le note (tranne in alcuni casi molto particolari, come il battesimo di mia figlia). Ora, però, mi sono ricaricato, forse non del tutto, forse sono al 50/60 %, ma tanto basta per riprendere. Per questo, sto lavorando anche alla re-impostazione del blog che avrà una portata più ampia oltre ai temi di didattica, formazione e tecnologie. L'unico inghippo, per ora, è il titolo. Ci sto pensando, ma, ovviamente, qualunque suggerimento è ben accetto.
E ora i consueti appunti ("vizio" che non perderò):
- tramite Gianni Marconato, segnalo "Didasfera", (dalla homepage del sito) "ambiente di apprendimento, una biblioteca navigabile, una mappa semantica, un radar culturale (...), un’agenda ma pure un network, un diario di bordo, uno strumento di condivisione e altro ancora", e l'intervista ad Antonio Casilli su relazioni digitali, amici e nuovi legami Internet, condita con le annotazioni puntuali, sempre di Gianni Marconato;
- una serie di articoli su esperienze relative al progetto "[email protected] 2.0" contenuti nella rivista online "Bricks";
- il numero di aprile/maggio della rivista online [email protected] interamente dedicato al microblogging e alle implicazioni nella didattica; così come un articolo del Corriere della Sera sull'utilizzo di Twitter nelle scuole francesi;
- il post di Richard Byrne su alcune attività che si possono realizzare con Edmodo, il sistema di microblogging appositamente programmato per insegnanti e studenti.
  

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Io Leggo e Tu?

    Ciao ragazzi! Ecco a voi il video che ho montato per l'iniziativa promossa da Anita Book del blog L'Ora del Libro... Leggere il seguito

    Da  Tricheco
    CULTURA, LIBRI
  • Leggo per ritrovarmi

    Mi vedo leggere. Io leggo sempre con una matita in mano: prova a farlo su uno schermo! Non intendo uno stilo, proprio quel piccolo oggetto di legno con dentro l... Leggere il seguito

    Da  Spaceoddity
    CINEMA, CULTURA
  • Leggo poesia, quasi solo poesia

    Appartengo a una categoria di lettori tra le più inquiete e difficili. Leggo poesia, quasi solo poesia. Procurarmela spesso risulta un’operazione difficile e... Leggere il seguito

    Da  Vivianascarinci
    CULTURA, LIBRI
  • Oggi leggo Attila o Margherita di Savoia?

    Oggi leggo Attila Margherita Savoia?

    Nuove, vecchie storie da raccontare. Storie vere di re e condottieri che raccontano le gesta di donne e di uomini che hanno fatto la storia. Leggere il seguito

    Da  Zazienews
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Sfida ‘Leggo subito’

    Sfida proposta da meraviglia1. Link: aNobii Inizio: 1 gennaio 2012 Fine: 31 dicembre 2012 Banner realizzato da . Quanti libri compriamo compriamo compriamo e po... Leggere il seguito

    Da  Phoebes
    CULTURA, LIBRI
  • Chindol (come ti leggo il)

    Chindol (come leggo

    A Santa Lucia mi è arrivato (per errore ) il nuovo Kindle. Che non è l’ultimissimo, e che al momento mi ha asciato perplessa. Intanto, nel nuovo Kindle è sparit... Leggere il seguito

    Da  Annalife
    CULTURA, LIBRI
  • Che cosa leggo sul Chindol?

    Sono partita dall’idea che, avendo speso quasi cento euro per l’apparecchio, avrei voluto e dovuto ammortizzare in fretta (o con più calma) la spesa. Leggere il seguito

    Da  Annalife
    CULTURA, LIBRI

Magazine