Magazine

Lei #3

Creato il 05 luglio 2013 da Parfumdefemme @ParfumdeFemme

Aveva sempre vissuto a senso unico, lei: c’era chi la osservava e c’era lei che, nonostante agisse a suo modo, faceva sempre esattamente ciò che gli altri volevano.

E’ un concetto difficile da capire, una sfumatura scomoda e complicata presente, mio malgrado, nella vita di troppe persone.

Ai più potrebbe sembrare un modo per non prendersi responsabilità o, semplicemente, un modo per non avere mai nessuno contro: in realtà è semplicemente la via che s’intraprende per non deludere nessuno quando si sa che, in un determinato momento, si potrebbe essere la goccia che fa traboccare il vaso.

In quel preciso momento, si decide di annegare.

E se poi si è coerenti, come lei, non si prova nemmeno ad urlare per salvarsi.

Si va semplicemente a fondo sino a che non si è raggiunto il culo di quel maledettissimo vaso.

Succede poi, solo mentre dalle labbra stanno uscendo gli ultimi rantoli di vita propria, che il vaso si rompe e allora bisogna ricominciare a respirare allo stesso modo di un piccolo marmocchio appena uscito dalle membra della propria madre.

Solo in quel momento lei aveva capito di avere agito come una puttana d’alto borgo: si era vantata di agire a modo suo solo per aver posto poche e futili limitazioni a tutto ciò che gli altri volevano da lei come una prostituta che si vanta di poter selezionare i propri clienti ma che, a fine giornata, si ritrova solo un pugno di soldi e un altro “amante” da dimenticare.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :