Magazine Diario personale

LentAmente

Da Giancarlopastore @PastoreGC

LentAmente

Lentamente muore

chi diventa schiavo dell’abitudine,

ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,

chi non cambia la marcia,

chi non rischia e cambia colore dei vestiti,

chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione,

chi preferisce il nero su bianco

e i puntini sulle “i”

piuttosto che un insieme di emozioni,

proprio quelle che fanno brillare gli occhi,

quelle che fanno

di uno sbadiglio un sorriso,

quelle che fanno battere il cuore

davanti all’errore e ai sentimenti.

Lentamente muore

chi non capovolge il tavolo,

chi e’ infelice sul lavoro,

chi non rischia la certezza

per l’incertezza per inseguire un sogno,

chi non si permette almeno una volta nella vita

di fuggire ai consigli sensati.

Lentamente muore chi non viaggia,

chi non legge, chi non ascolta musica,

chi non trova grazia in se stesso.

Muore lentamente

chi distrugge l’amor proprio,

chi non si lascia aiutare;

chi passa i giorni a lamentarsi

della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore

chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,

chi non fa domande

sugli argomenti che non conosce,

chi non risponde

quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi,

ricordando sempre che essere vivo

richiede uno sforzo di gran lunga maggiore

del semplice fatto di respirare.

Soltanto l’ardente pazienza porterà

al raggiungimento

di una

splendida felicità.

Pablo Neruda



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Primavera

    Primavera

    “E’ che dietro le cose ci sei tu, Primavera, che incominci a scrivere nell’umidità, con dita di bambina giocherellona, il delirante alfabeto del tempo che... Leggere il seguito

    Da  Loredana V.
    OPINIONI, TALENTI
  • PIENI DI POESIA: conclusione?

    PIENI POESIA: conclusione?

    Sabato di primavera sabato di sole, primo gracile calore preavviso forse dell’estate; aria leggera, un alito di vento, profumi lontani di fiori. Poi, le... Leggere il seguito

    Da  Nuvolesparsetraledita
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • … e che le nuvole siano piene di poesia …

    nuvole siano piene poesia

    PROPOSTA AI MIEI QUARANTA LETTORI So che sono molto nuova, da queste parti, e che certamente altri hanno già pensato – e certamente stanno facendo – cose belle... Leggere il seguito

    Da  Nuvolesparsetraledita
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Il vento

    vento

    è un cavallo: senti come corre per il mare, per il cielo. Vuol portarmi via: senti come percorre il mondo per portarmi lontano. Leggere il seguito

    Da  Loredana V.
    OPINIONI, TALENTI
  • Se saprai starmi vicino

    , e potremo essere diversi, se il sole illuminerà entrambi senza che le nostre ombre si sovrappongano, se riusciremo ad essere “noi” in mezzo al mondo e... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • I versi di Callimaco in un vecchio quaderno di liceo

    versi Callimaco vecchio quaderno liceo

    Io consiglio a te anche questo, di non andare dove camminano i carri, e non spingere il carro sulle stesse orme degli altri né per una strada larga, ma per... Leggere il seguito

    Da  Paciampi
    DIARIO PERSONALE, LIBRI
  • Pablo Neruda, Desiderami…

    Pablo Neruda, Desiderami…

    Desiderami, stremami, versami, sacrificami/ Chiedimi. Raccoglimi, contienimi, nascondimi/ Voglio esser di qualcuno, voglio esser tuo, è la tua ora/ Sono colui... Leggere il seguito

    Da  Silvy56
    DIARIO PERSONALE, TALENTI