Magazine Cinema

Lettera da una sconosciuta - Max Ophüls (1948)

Creato il 13 maggio 2011 da Lakehurst
(Letter from an unknown woman)
Visto in DVD. Lettera da una sconosciuta - Max Ophüls (1948)Nella solita Vienna d’inizio novecento una ragazzetta si innamora di un giovane vicino di casa, musicista dalla vita sregolata, ma dal talento ineccepibile. Lei lo seguirà da distante, innamorata, ma timida, senza interferire nelle sue avventure galanti o nella sua vita obliqua… poi una sera, anni dopo, sarà lui ad avvicinarsi a lei, si ameranno, ma solo per un poco, lei rimarrà incinta e lui sarà già fuggito; eppurelei continuerà ad amarlo; lo incontrerà anni dopo, quando lei sarà sposata e con una vita borghese magnificamente avviata (non mi si fraintenda, la vita borghese non in senso dispregiativo), lei lo rivede, si riaccende il suo amore ed è immediatamente disposta ad abbandonare tutto…
Il film, tutto presentato in flashback, che a mio avviso danno un poco più di dinamicità alla vicenda; è un inno gigantesco all’amour fou, amore estremo, ma sincero e nascosto, disposto a sopportare ogni cosa per poterlo avere.
La regia di Ophüls è quella standard, fatti di carrelli e piani sequenza, ma in questo caso il regista si trattiene, e realizza panoramiche e movimenti di amcchina più brevi e slanciati, più asciutto e quindi più efficace.
Il vero punto negativo del film è proprio nella storia. Al di la della contestabile teoria di base (lei è l’esempio perfetto della donna succube, non innamorata, ma accecata; oltre al fatto che lei si innamora solo perché lui è il figo locale, artistoide e maudit), la storia si muove in un enfasi eccessiva, in un formalismo romantico veramente troppo intenso, specie nel drammatico finale; non c’è nessun momento che risulti completamente autentico e nessun episodio che appaia minimamente dinamico.
Ophüls vince, il film no.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Lettera vuota

    Lettera vuota

    Biancociclamino.   Ho lasciato sulla carta da lettera un po’ di posto per oggi perché l’ho finita e può passare del tempo prima che me ne portino dell’altra.... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA, POESIE
  • Max Gazzè all'Auditorium Concliazione

    Gazzè all'Auditorium Concliazione

    Il prossimo 21 gennaio Max Gazzè arriverà all'Auditorium Conciliazione di Roma con "Quindi? Tour teatrale 2010-2011" che è partito da Bologna lo scorso 18... Leggere il seguito

    Da  Simonilla
    CONSIGLI UTILI, CULTURA, EVENTI, LIFESTYLE
  • Lettera dalla befana

    Lettera dalla befana

    Cari amici, ho riesumato il post dedicato alla… befana. Ve lo ripropongo oggi invitandovi a discutere (simpaticamente) sulla base delle seguenti domande... Leggere il seguito

    Da  Letteratitudine
    CULTURA
  • Lettera 35

    Lettera

    Questo periodo di distacco dalla Rete, devo dirlo, non è stato affatto male. Rimanere lontani dal PC per molti giorni, permette di apprezzare ancora di più cert... Leggere il seguito

    Da  Marce982
    CULTURA, LIBRI
  • Lettera autoerotica

    Solitamente si scrivono poesie d'amore per persone fuori di noi, anzi è fin troppo scontato dedicare una poesia a una persona lontana, che amiamo, nostra musa... Leggere il seguito

    Da  Carlo_lock
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Eli o Max?

    Max?

    Ieri ho rivisto, più che caso che per scelta, The book of Eli, arrivato a noi con l'improbabile titolo Codice Genesi. Premetto che il film non mi piace granché. Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CULTURA
  • L’ultima lettera di benito

    L’ultima lettera benito

    L’ULTIMA LETTERA DI BENITO Mussolini e Petacci: amore e politica a Salò 1943-45 di Pasquale Chessa e Barbara Raggi Mondadori ed. “Tanto per cominciare si... Leggere il seguito

    Da  Viadellebelledonne
    CULTURA, LIBRI