Magazine Poesie

Lettera di Giovanni da un carcere italiano

Da Danidom57
 

Lettera di Giovanni da un carcere italiano Ricevuta, copiata esattamente e pubblicata (ho omesso il cognome e la città da cui scrive)

“Cara Daniela,

mi chiedi di parlarti della mia detenzione all’art 41bis.

Io sono un sopravvissuto  all’art. 90 e all’art. 41bis.

Sono numeri dietro cui tante esistenze si sono annullate.

Ho scontato 40 anni di detenzione la maggiore nei carceri speciali.

Non sono imputato di mafie-stragi di Stato-terrorismo-omicidi.

Attualmente sono in espiazione con l’ergastolo ostativo che vuol dire unito alla detenzione fino alla morte, senza appello.

Per un cumulo di pene.

La legge di emergenza in Italia un pozzo senza fondo per la breve esistenza di un essere umano.

Il fatto è che in Italia si è presa l’abitudine per ogni parola si fa una legge speciale e chi colpisce sono sempre gli stessi.

Quella parte di persone che non si possono difendere.

Parlano sempre dell’art. 27 della Costituzione italiana.

E’ difficile pensare che in un paese consideratosi democratico garantista ci sia la pena di morte perpetua nella tortura lenta inesorabile come l’ergastolo ostativo.

Ho vissuto sulla mia pelle le tortura fisiche e psicologiche.

In tutta la detenzione nel carcere speciale non ho mai fatto colloqui con i miei famigliari perché erano troppo mostruose le umiliazioni al quale venivano sottoposti i miei famigliari e io ho sempre rifiutato di fare colloqui.

Non ho mai ricevuto pacchi o denaro perché i miei famigliari non mi potevano dare assistenza.

Con tutto ciò per tenermi all’art. 41bis la direzione del carcere di…diceva che io comunicavo con l’esterno.

L’unico mio contatto col mondo esterno erano le lettere che scrivevo ai miei famigliari che erano super censurate.

Mi sono morti i miei famigliari – dopo non averli visti invecchiare – non ho potuto vederli nemmeno nella loro bara.

Mia Madre il suo ultimo periodo di vita l’ha passato sul dormiveglia dal coma a momenti di risveglio.

Mi dicevano i miei famigliari che quando aveva quei momenti di cosciente risveglio domandava di tutti i figli e domandava sempre come mai Giovanni non c’è mai, non si ricordava che ero in prigione.

Mi era proibito telefonargli – perché mia madre doveva andare a un carcere farsi riconoscere per prenotare un colloquio telefonico col figlio.

Io non potevo telefonargli sul letto di morte per dargli un ultimo saluto perché ero all’art. 41bis, ha avuto una lunga agonia mia Madre.

I miei famigliari hanno chiesto se mi mandavo a vederla a casa, mi è stata respinta l’autorizzazione perché ero all’at. 41bis.

La risposta motivata è stata – quando è scappato in Australia non pensava alla Madre sofferente.

Questi uomini dall’equilibrio superiore manifestano le loro qualificate ipocrisie sempre quando giudicano gli altri uomini.

Nella mia travagliata vita molte volte mi sono fatto una semplice domanda quando ho sentito parlare questi signori dalla candida morale che ci rappresentano nella nostra bella Italia: ma non sarà che sono in piena crisi d’identità perché dicono parole di buone prediche ma razzolano molto peggio di quelli che mettono nelle patrie galere.

Ci resta solo di raccomandarci a Dio…

Non volevo annoiarla col raccontargli nei particolari più minuziosi delle privazioni stupide che ti vengono fatte nei carceri italiani anche dove mi trovo attualmente si immagini da una penna rossa a non poter tenere più di due penne in cella, non aggiungo altro.

Piacere di aver fatto la sua conoscenza la ringrazio per dedicare il suo tempo alle persone sole e disaggiate.

Un caro abbraccio

Giovanni”


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Lettera aperta (o chiusa?)

    Lettera aperta chiusa?)

    Caro amico mio,come stai? Seduto, immagino.Perdona la mia solita ironia da 4 euro, ma non sapevo come rompere il ghiaccio.Ho scelto di scriverti una lettera... Leggere il seguito

    Da  Misterbago
    POESIE, TALENTI
  • La vostra lettera…

    vostra lettera…

    15 Aprile 1779 Mio carissimo, la vostra lettera mi ha inondata di gioia oltre ad avermi rassicurato sul vostro sentimento. Ammetto di aver avuto dei dubbi e... Leggere il seguito

    Da  Samilla
    RACCONTI, TALENTI
  • San Giovanni e il Farò

    Giovanni Farò

    As every year on 23rd of June there's the traditional farò (bonfire) in Piazza Castello. Tomorrow, 24th is the Patron Saint of Torino: San Giovanni Battista. Leggere il seguito

    Da  Ikol22
    FOTOGRAFIA, TALENTI
  • Lettera a Luca

    di Mario Gravina Luca ritirò la posta dalla cassetta delle lettere che, come al solito, la trovò zeppa di pubblicità. “Vorrei sapere chi li autorizza a deporre... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    RACCONTI, TALENTI
  • Lettera ad un’amica

    “Parlerai di me nel tuo blog?” “Certo!” Si, gliel’ho promesso e ora è arrivato il momento di farlo. Era la notte del 19 settembre 2009 quando ci siamo ritrovate... Leggere il seguito

    Da  Francescas
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Lettera a mio nonno

    Lettera nonno

    Nonno Ciao nonno, come va? E’ tanto che volevo scriverti, ma prima dovevo riordinare le mie idee. Sai com’è, il mondo è cambiato da quando sei partito per... Leggere il seguito

    Da  Cobain86
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Lettera alla mia vita

    Lettera alla vita

    Ho imparato che la vita è dura ma io di più! A volte le frasi più banali e scontate ti rimettono in sesto, come se avessi ricevuto un pugno in pieno viso. E... Leggere il seguito

    Da  Francescas
    DIARIO PERSONALE, TALENTI