Magazine Cultura

Lezioni di crudeltà di Andrea Leone (Poiesis editrice)

Creato il 28 gennaio 2011 da Stefanodonno
Lezioni di crudeltà di Andrea Leone (Poiesis editrice)

Ragazza che la perfezione ammala,

cronaca della vita che grida definitva

mentre io

dormo nel danno senza tempo.

“Sanfelice. Spello. Villanova”.

Io dall’Europa centrale leggo i nomi

che mi incantano e sanno

già tutto della mia algebra e della mia ombra.

voi inarrivabili annali quando i più giovani

tra di noi partirono

verso il mattino del dio definitivo.

annali indicibili, ferrei

fiori della forza

quando ami

i tuoi nomi e lentamente, per sempre dici chi sei.

Romanzo del disastro e dell’entusiasmo come egli stesso definisce “Lezioni di crudeltà”, di Andrea Leone, è totalmente dentro le malattie definitive della stirpe. Nel velario, sfogliato in due sezioni, affidandosi alla aritmetica dei numeri, il poeta svela la cifra estrema del disastro. Come in un battito di ali, Leone vuole individuare la cifra precisa, in una unità di tempo e di spazio, che riassume in un momento e in un luogo il tempo feroce del teatro. Il deliro della scena shock dell’incidente è costruita e ricostruita più volte in un apparente, reale epos personale che sfocia nella rappresentazione estraniante del ciclo del crollo, la festa imperiale della fine. Da qui il precipitare rabbioso della lingua nel grande altro da cui origina lo spavento che la imprigiona: La storia, l’esatto/ corpo del tormento, la lingua che non parla e non sa più trovare la voce: Sono io, sono davvero io/ chi sta parlando? Il poeta stesso cerca nel tono, nella forza, nella precisione, la lingua crudele della catastrofe; la catarsi della specie prepotente che merita il castigo, poiché non sa vedere la luce ab origine. La lotta titanica si snoda così, sopra le teste nere degli uomini, si dispone come nel mito Mesopotamico di Marduk. Tutto procede per scene successive. Prevale il monologo, come scrive nella prefazione Michelangelo Zizzi, il romanzo dell’attimo e del massacro di chi nasce e trova tutto ormai accaduto, storia dello stordimento, appunto. Quasi un’antropogonia tragica, dove la conquista del bene deve battersi con l’imperio feroce di mondi sovrastanti e sottostanti. E il poeta deve inventarsi di nuovo un’epica didascalica per contrastare la crudeltà dell’età perfetta, la pulsione perversa del genere umano a non voler diventare adulto. E quanto è lontano un poeta come Andrea Leone (ma penso anche a Biagio Lieti, Afonso Guida o a Carla Saracino) da un Novecento consumato a preparare musei di catastrofi, dove i nuovi poeti sono abbandonati ai territori dell’inesistenza. Nei loro versi trovo così la rabbia di una spietata cerimonia; l’impianto disperato di altre forme, nuovi stili, per bucare la lingua che si è fatta afona nella metastasi criminale devastata dalla necrosi della cronaca. Ciò che fa dire ad Andrea Leone Io sono l’estrema battaglia del battesimo.

massive attack

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Lezioni americane

    Lezioni americane

    di Irene ZennaroJust be yourself! Or not...Halloween è passato da un pezzo, ma perché non essere qualcun altro, anche solo per un attimo? Leggere il seguito

    Da  Patriziafinuccigallo
    CULTURA, LIBRI
  • Lezioni americane

    Lezioni americane

    di Irene ZennaroUnexpected Easter EggSe siete a dieta come molti qui a DC, o vi trastullate con inutili giochetti da nerd, ebbene Pasqua è il momento migliore... Leggere il seguito

    Da  Patriziafinuccigallo
    CULTURA, LIBRI
  • Lezioni americane3/esattezza

    Lezioni americane3/esattezza

    pag.58:'Mi sembra che il linguaggio venga sempre usato in modo approssimativo,casuale,sbadato,e ne provo un fastidio intollerabile. Leggere il seguito

    Da  Annarosabalducci
    CULTURA
  • Lezioni americane 4/visibilita'

    Lezioni americane 4/visibilita'

    pag.91'...ma c'è un'altra definizione in cui mi riconosco pienamente,ed è l'immaginazione come repertorio del potenziale,dell'ipotetico...... Leggere il seguito

    Da  Annarosabalducci
    CULTURA
  • Gianni Leone e i Beatles

    Gianni Leone Beatles

    Gianni Leone mi ha regalato un suo scritto di una decina di anni fa che propongo integralmente.I Beatles? Perchè no!La proposta all’inizio mi lasciò alquanto... Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA
  • Lezioni di Poesia

    Le parole sono come la musica. Fanno pensare, fanno sognare, fanno riflettere. Fanno piangere. Fanno bene e fanno male. A volte sono necessarie. Altre volte... Leggere il seguito

    Da  Marissa1331
    CULTURA
  • Lezioni di piano

    Lezioni piano

    1993: The Piano di Jane Campion Giustamente inondato da premi il primo grande successo della regista neozelandese. Un film che è piaciuto molto al pubblico e ch... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA, FILM DRAMMATICO

Dossier Paperblog

Magazines