Magazine Creazioni

Libro-gioco per imparare l’inglese cantando

Da Ideamamma

LIBRO-GIOCO PER IMPARARE L’INGLESE CANTANDO

Proprio nel mio post di ieri ho parlato dell’insegnamento dell’inglese ai bambini perché ritengo sia importante che imparino un’altra lingua già da piccoli anche perché, prima si cerca di insegnarglielo e prima lo apprenderanno visto che da piccoli hanno la capacità di apprendere come delle spugne. Per rimanere in tema, vorrei consigliarvi un semplice libro dove canticchiando, si possono apprendere delle filastrocche e delle canzoncine molto carine; talmente facile da comprendere e talmente belle da cantare le che basteranno pochi giorni d’ascolto e vi meraviglierete per il risultato.

LIBRO-GIOCO PER IMPARARE L’INGLESE CANTANDO
Non solo le impareranno a memoria ma ne sapranno anche il significato perché “Canzoncine in inglese“, edito da Giunti Kids, contiene delle bellissime illustrazioni che facilitano la comprensione di ciò che i bambini stanno ascoltando nel cd contenuto nel libro. Volete sapere qual è piaciuta molto al mio piccolo Lorenzo e che gli ha permesso di sapere i nomi delle dita in inglese cosa che io nemmeno sapevo?

Tommy Thumb, Tommy Thumb, where are you?
Here I am, here I am, how do you do?
Peter Pointer, Peter Pointer, where are you?
Here I am, here I am, how do you do?
Toby Tall, Toby Tall, where are you?
Here I am, here I am, how do you do?
Ruby Ring, Ruby Ring, where are you?
Here I am, here I am, how do you do?
Baby Small, Baby Small, where are you?
Here I am, here I am, how do you do?
Finger all, Finger all, where are you?
Here I am, here I am, how do you do?

Divertente, simpatica, allegra, coinvolgente insomma impossibile non innamorarsene!
Della stessa Collana English for kids fanno parte anche Viva l’inglese (con cd) dedicato ai bambini della scuola primaria per imparare i primi semplici dialoghie Parole e colori per divertirsi a colorare tante immagini e conoscerne il nome in inglese.

LIBRO-GIOCO PER IMPARARE L’INGLESE CANTANDO


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :