Magazine Cinema

Lo sguardo di Satana - Carrie - Kimberly Peirce

Creato il 11 febbraio 2014 da Frank_manila
Lo sguardo di Satana - Carrie - Kimberly Peirce Vedendo questo remake/ri-trasposizione del romanzo di King, quel che ho percepito "a pelle" è stato come uno smussamento delle parti più ostiche - insomma quelle che potrebbero infastidire - e un quasi totale annullamento dell'horror.
Tutta la prima parte, quella di presentazione dei personaggi, delle dinamiche scolastiche e della situazione familiare di Carrie, è impostata sulla modalità drama e non fa trasparire il senso di shock, di disagio e, men che meno, quel perturbante che tanto avrebbe aiutato e tanto aiuta l'horror dalla notte dei tempi. La regia della Peirce - molto brava ma non avvezza al genere - tende in qualche modo ad appiattire troppo il senso di disagio sociale vissuto da Carrie rendendo il film più accostabile a un qualsiasi teen horror che al cult del 1983.
Anche la scelta di inserire nel cast due attrici come Chloë Grace Moretz e Julianne Moore, sempre comunque tecnicamente brave e molto apprezzate da queste parti, non mi è sembrata molto azzeccate. La prima per via di una fisicità non del tutto adeguata, sempre facendo un confronto con il passato e con l'incarnazione offerta all'epoca da Sissy Spacek, mentre la seconda per l'inevitabile invadenza che prende il suo personaggio... ovvero grande attrice in un piccolo ruolo = aumento di minutaggio non necessario del piccolo ruolo. 
Sul versante horror c'è invece ben poco da dire, arriva dopo troppo tempo e viene chiuso con fin troppa fretta. IMDb

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines