Magazine Scienze

Lo stadio più avanzato della sostenibilità

Creato il 12 luglio 2012 da Pdigirolamo

Lo stadio più avanzato della sostenibilitàNon si può certo dire che il Qatar sia un paese calcisticamente all’avanguardia. Ma in fatto di sostenibilità, sembra non aver nulla da imparare. Proprio in Qatar, che ospiterà i mondiali del 2022, è stato infatti costruito lo stadio più sostenibile del mondo. Anzi, il ‘mini-stadio’, visto che può ospitare circa 500 spettatori. Realizzato in soli 4 mesi e mezzo dalla Arup Associates, la struttura si candidata ai World Architecture News ‘Engineering Award 2012.

In realtà, inizialmente l’idea prevedeva la costruzione solo di un padiglione espositivo. Ma poi, visto che l’appetito vien mangiando, si è deciso in corso d’opera di realizzare un mini-stadio dalle incredibili potenzialità. Carbon neutral al 100%, la struttura permette di assistere alle partite senza dover soffrire le elevate temperature della zona ma in un ambiente a temperatura costante di 23°. Il tutto, utilizzando esclusivamente energie rinnovabili.

Un risultato raggiunto grazie all’uso di tecnologie all’avanguardia, a partire dal sistema di copertura, composto da centinaia di panelli regolabili ed orientabili singolarmente, per attivare la ventilazione naturale, piuttosto che creare ombreggiamento. Non solo, perché l’intera copertura poggia su un meccanismo a binario che le consente di ruotare attorno alla struttura dello stadio, mantenendo pubblico e giocatori sempre al riparo dai raggi solari e rivelandosi come una vera e propria rivoluzione verde per il mondo dell’architettura. Inoltre, l’eventuale energia prodotta in esubero può essere immagazzinata e usata in un secondo momento. Infine, tribune e campo di gioco sono mantenuti freschi grazie ad un sistema di aria condizionata incanalata sotto l’edificio, mentre il sistema di raccolta dell’acqua piovana permette di irrigare il campo da gioco senza spreco di risorse ulteriori.

 

[foto da inhabitat.com]

 



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :