Magazine Cultura

Lo straniero che venne dal mare

Creato il 06 febbraio 2013 da Arychan

Lo straniero che venne dal mareTITOLO ORIGINALE: Swept from the SeaREGIA DI: Beeban Kidron

GENERE:DrammaticoPAESE E ANNO: Canada, 1997VOTO: 9


TRAMA:Un racconto di solitudine e straniamento dalla società scritto e firmato da Joseph Conrad nel 1901 si trasforma in un film di grandi sentimenti, emozioni e paesaggi. Un film sicuramente drammatico, ma non per questo meno emozionante o indimenticabile.Non voglio fare adesso un’analisi del racconto in sé, di quanto sia stata fedele la trasposizione cinematografica o meno, ma sicuramente mi ha stupito non averne sentito parlare prima. Spassionatamente è una storia davvero deprimente: un giovane russo, Yanko (Vincent Perez), sta navigando verso le Americhe, quando una tempesta rovescia la sua nave sulle coste del Kent, e lui è l’unico sopravvissuto (e già qui le premesse sono quello che sono). Non sa una parola di inglese, viene considerato un pazzo, un mentecatto, e viene maltrattato, sfruttato e picchiato. Insomma, lo straniero in terra straniera isolato da tutti, tranne che da una ragazza di nome Amy Foster (Rachel Weisz), unico essere umano che gli dimostra cortesia e umanità. Anche Amy è un’emarginata, considerata da tutti diversa e sicuramente strana. La giovane ama i doni del mare, quello che l’oceano le porta, tesori meravigliosi e strani, tesori come il Yanko.Dopo quello che, almeno a me, sembra un tempo decisamente lungo, il medico del paese, unico personaggio colto con la mentre più aperta rispetto ai rozzi e superstiziosi paesani, intuisce che il ragazzo non è mentecatto, ma semplicemente straniero. Così poco alla volta gli insegna l’inglese e i sentimenti di Yanko per Amy possono essere espressi.Tuttavia, pur avendo superato finalmente la barriera linguistica, rimane il problema dell’ignoranza dei compaesani che non solo con malignità ma con crudeltà e cattiveria smisurate, si impegnano attivamente nella distruzione dell’esistenza di Amy e Yanko, quando tutto ciò che chiedevano era di essere lasciati in pace a vivere le loro veramente semplici esistenze insieme. La storia è difficile, come la vita è malevola talvolta, solo che, nel momento che cattiveria e difficoltà di mescolano alla crudeltà dovuta all’ignoranza e all’egoismo, non esiste speranza di lieto fine e anche una semplice malattia può portare alla tragedia.Non c’è lieto fine in questa storia, solo schiettezza e una cruda realtà. E tuttavia ho trovato delle verità incredibili, come quella espressa in chiusura dal medico che finalmente capisce, e aiuta gli spettatori a comprendere che quello che noi abbiamo visto come un dramma perché è finito, per chi l’ha vissuto è stata semplicemente una gioia che sia esistito.
RECENSIONE:In questo film ho visto l’Inghilterra dell’Ottocento, come credo l’abbiano vista coloro che l’hanno vissuta. Non mi riferisco ai pochi ricchi o alle grandi città, ma alla chiusura e alla piccolezza, in più di un senso, dei paesini isolati, dove i confini del paese erano, per moltissimi, i confini del mondo.Non è la classica storia d’amore, tantomeno il racconto che si conclude in “vissero per sempre felici e contenti”, e tuttavia è una delle storie d’amore più belle che abbia mai conosciuto. Non c’è il lieto fine, mi pare di averlo chiarito ampiamente, e ogni volta che l’ho visto ho pianto di cuore. Ma non per la conclusione in sé, quanto per la felicità che hanno vissuto, anche nella loro estrema difficoltà e povertà, i due protagonisti. Quando un uomo, mentre sta morendo da solo in una casa fatta veramente da quattro pareti e niente altro, trova la forza di credere e dire al suo amore “ricorda che siamo i più fortunati”, ci si pone delle domande e, magari, ci si rende conto quanta importanza si dia, spesso senza accorgersene, alle cose sbagliate.Lo straniero che venne dal mare

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Lo specchio del male

    specchio male

    di Davide Simon MazzoliVoto: 8/10 Adoro rilassarmi su questo sedile e guardare fuori del finestrone del mio studio. Da qui vedo tutta la vallata del paese. Fa... Leggere il seguito

    Da  Phoebes
    CULTURA, LIBRI
  • "Tu lo fai girar" di Steve Harvey

    girar" Steve Harvey

    Titolo: Tu lo fai girar. La verità sugli uomini, a vantaggio delle donne Autore: Steve Harvey Editore: Piemme ISBN: 8856619768 ISBN-13: 9788856619768 Pagine: 23... Leggere il seguito

    Da  Anjaste
    CULTURA, LIBRI
  • LO STRANIERO - Albert Camus

    STRANIERO Albert Camus

    Lo straniero, un classico della letteratura contemporanea, sembra tradurre in immagini quel concetto dell’assurdo che Albert Camus andava allora delineando e ch... Leggere il seguito

    Da  Lalettricerampante
    CULTURA, LIBRI
  • Lo scaldabagno...

    Ciao a tutti voi carissimisssssssssimisssssssssssssssssimi amici miei…!!! Avete trascorso un bel fine settimana??? Io sì!!! Me ne sono andato in Valmadre dove... Leggere il seguito

    Da  Paperottolo37
    CULTURA, LIBRI, RACCONTI
  • Lo spazio di risonanza

    Se l’occasione c’è, è possibile tirare le fila della narrazione da qualunque punto. Per rimanere nella metafora: arrivo da una qualsiasi presa di corrente, da... Leggere il seguito

    Da  Vivianascarinci
    CULTURA, LIBRI
  • Lo scrittore non ve lo perdonerà mai

    scrittore perdonerà

    Lo scrittore è vanesio come... un uomo.Parlate pure male di sua madre o del colore dei suoi capelli, ditegli pure che ha un accento amsterdamese (cosa che uno d... Leggere il seguito

    Da  Paciampi
    CULTURA, LIBRI
  • Lo Hobbit, edizione Bompiani 2012

    Hobbit, edizione Bompiani 2012

    Esce una nuova edizione de Lo Hobbit illustrato da Alan Lee, già edito da Bompiani nel 2003, con una nuova traduzione curata dalla Società Tolkieniana... Leggere il seguito

    Da  Tolkieniano
    CULTURA, LIBRI

Dossier Paperblog

Magazines