Magazine Cultura

Lo strano caso del Laos e del primo sacerdote dopo 40 anni

Creato il 12 febbraio 2011 da Milleorienti

Il Laos è uno dei Paesi più poveri ma anche più affascinanti dell’Asia (guardate questo slideshow) per la sua rigogliosa natura e per Lo strano caso del Laos e del primo sacerdote dopo 40 annila varietà delle sue popolazioni (60 etnie!) che mantengono vive le proprie tradizioni. Quasi isolato dal mondo, il Laos è arretratissimo sul piano economico e ha un regime politico socialista “old style”, dove vige ancora l’ateismo di Stato. Nella Repubblica Popolare del Laos però  ho constatato il funzionamento di una regola non scritta ma seguita da tutti: il partito comunista non rompe troppo le scatole alla gente, e la gente non rompe le scatole al Partito. Una sorta di patto di non belligeranza, che funziona nell’indifferenza reciproca. In pratica, il popolo laotiano e il Partito vivono da “separati in casa”.

la questua dei monaci buddhisti a Luang Prabang
Facciamo l’esempio della libertà di religione: in uno Stato ufficialmente ateo, viene tollerata. L’etnia maggioritaria Lao è largamente buddhista, e il buddhismo è ampiamente praticato nei templi e nei monasteri delle città – la capitale Vientiane ma anche e sopratutto l’antica ex capitale del Laos, la meravigliosa Luang Prabang. Le popolazioni tribali del nord e del sud del Paese invece sono animiste, e praticano il proprio credo e il proprio stile di vita nella sostanziale indifferenza del potere politico.

Ci sono poi piccolisime minoranze religiose come i cristiani, e a proposito di quest’ultimi ci arriva ora una notizia significativa di una certa “apertura” da parte del regime: dopo ben 40 anni,  il 29 gennaio 2011 è stato ordinato il primo sacerdote cattolico. Il nuovo sacerdote si chiama Pierre Buntha Silaphet, ha trent’anni,  è nato a Phom Van (Sayaboury, nel Nord Laos) e appartiene al gruppo etnico K’hmu’. L’ultima ordinazione sacerdotale in Laos era avvenuta nel 1970, 41 anni fa, cinque anni prima dell’instaurazione dell’ateismo di Stato e anno dell’espulsione di tutti i missionari stranieri, senza possibilità di rientrare nel Paese.
Oggi  è stato fatto capire – in maniera non ufficiale – agli interessati che la cerimonia dell’ordinazione non deve avere troppo risalto, e assumere la forma di una festa di villaggio.
Dal 1975 il vicariato di Luang Prabang non ha cattedrale, ma solo piccole chiese sparse sul territorio (foto sopra). La Chiesa cattolica è presente sul territorio con quattro vicariati apostolici: Luang Prabang, Paksé, Savannakhet e Vientiane. I cattolici sono 39.725, pari allo 0,65% della popolazione. Ulteriori approfondimenti qui.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Lo scaraffone!

    scaraffone!

    Bruno Giordano non è un refuso, ma una libera scelta! Bruno Giordano difende la sua creatura: o scarrafone del sito del Comune di Aosta. Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Lo schiaccianoci

    schiaccianoci

    Il 22 dicembre 2010 al Politeama Rossetti ancora danza con: LO SCHIACCIANOCI Musiche: P. I. Ciaikovskij Produzione: tour italiano a cura di Just in Time... Leggere il seguito

    Da  Sarettacecia
    CULTURA, PALCOSCENICO
  • “Lo Schiaccianoci”

    Schiaccianoci”

    Il Balletto di Roma festeggia i 50 di attività di danza. Per l'occasione, da lunedi 3 a giovedi 6 gennaio 2011, nella splendida cornice dell’Auditorium... Leggere il seguito

    Da  Simonilla
    CONSIGLI UTILI, CULTURA, EVENTI, LIFESTYLE
  • Lo zero

    zero

    Al medioevo siamo debitori di un’invenzione decisiva, quella dello zero, che ha origine nel lontano Oriente, in India, che viene poi sviluppata dagli Arabi i... Leggere il seguito

    Da  Oblioilblog
    SOCIETÀ
  • Lo scrigno

    scrigno

    Tanti anni fa quando cadevano scrigni dal cielo, ne cadde uno. Sì, sì! Proprio uno scrigno! Bellissimo: del colore e della forma che ognuno desiderava. Cadendo... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Io lo ricordo amata, io lo ricordo...

    ricordo amata, ricordo...

    Io lo ricordo, amata, io lo ricordo,Lo splendore dei tuoi capelli;Non fu allegra vicenda, né leggera,Per me l'abbandonarti.Delle notti autunnali mi ricordo,Del... Leggere il seguito

    Da  Lulu
    CULTURA, PER LEI
  • Lo crocifiggiamo?

    crocifiggiamo?

    Per la prima volta un pontefice in televisione: Papa Ratzinger risponderà alle domande su Gesù che i fedeli invieranno alla trasmissione “A sua immagine”. Sarà... Leggere il seguito

    Da  Wlasatira
    POLITICA, SOCIETÀ