Magazine Cultura

Magic Cat - For Friends Only

Creato il 17 ottobre 2013 da Iyezine @iyezine
Magic Cat - For Friends Only - Autoprodotto &l;
  • HOME
  • recensioni
    • Indie
    • Rock n Roll
    • Black Music
    • Pop / Folk
    • Elettronica
    • Metal
  • articoli
  • news
  • libri
  • interviste
  • podcast
    • Rock n Roll
    • Black Music
    • Elettronica
  • 7 pollici
  • Fumetti
  • LivE Reports
  • archivio
    • Archivio2012
    • Archivio2011
    • Archivio2010
    • Archivio2009
    • Archivio2008
    • Archivio2007
  • chi siamo
  • contatti

Recensione

Home > Recensioni > Magic Cat - For Friends Only

http://www.iyezine.com/media_foto/2013/magiccat.jpg rocknroll For Friends Only Magic Cat

Magic Cat - For Friends Only

17 Ottobre 2013 A cura di:

Freddie Koratella

Magic Cat  - For Friends Only

Magic Cat
For Friends Only

2013 - Autoprodotto
Voto : 7.50 / 10

Tag: garagerock garagerock

2013-10-17 00:00:00 Freddie Koratella

Basandosi solo sul titolo di questo Lp verrebbe da pensare ad un lavoro per pochi intimi; ma per fortuna il sottoscritto con la sua personale copia è riuscito ad entrare nel party privato dei Magic Cat.

Loro sono un quartetto romano i cui componenti fanno, o hanno fatto, parte di diverse band; proprio sulle loro differenti influenze sonore si gettano le fondamenta di questo disco da cui, già dopo il primo ascolto, rimango piacevolmente colpito. Dentro ci trovo tutta l’energia di quel fine sessanta in cui il garage si fonde con la prima psichedelia, per arrivare a quel psych-sound che ha caratterizzato quasi tutta la decade successiva.
Nove tracce divise in due lati che ti fanno fare un viaggio come neanche il più impregnato dei francobolli allucinogeni. Spaceman Three (that’s why i killed for the lord) apre le danze e mette subito le cose in chiaro: chi non ha voglia di dimenarsi è meglio che rimanga a casa. Con She’s like a Danger l’invasione beat diviene freak, galleggiando su quella distorta consapevolezza di chi sceglie sempre i percorsi più pericolosi per arrivare al traguardo. Desert è la ballata giusta per introdurre Magic Lanthern (un trionfo del wa-wa) e Dream Machine, che sono un volo di andata e ritorno per quella California in cui i Love e The Doors hanno lasciato un segno indelebile.
Il lato B si apre con Where Are you Going e un giro ai limiti del funk è ancorato alle radici progressive dalla voce di Massimo Di Gianfrancesco, che ti fa da guida per l’inferno. Ascolto I like It ripetutamente e ogni volta mi fa tornare in mente (I’m not Your) Stepping Stone; ma è come se i The Monkees avessero fatto indigestione di certe sostanze proibite; It Happens in this Way è l’inno ideale dei tempi andati, ma il segreto della Grande Bellezza è custodito proprio da chi mastica certe radici. Il tutto si chiude con Francy Dreaming e non farete sogni tranquilli.
Un disco che fa le fusa questo dei Magic Cat
MAGIC CAT - Facebook
DEAD MUSIC ROMA - Facebook

Commenti:

Al momento non ci sono commenti. Lascia il primo commento completando il form qui sotto.

Cosa ne pensi ? Lasciaci un commento.....

Nome* Email Commento* La capitale d'italia?* (write 'roma' minuscolo)

Secondo noi potrebbe piacerti anche:

The Morlocks - Submerged Alive

The Morlocks - Submerged Alive

Le Carogne – Secondo Le Carogne

Le Carogne – Secondo Le Carogne

Salvaje Montoya - Buda Rumana

Salvaje Montoya - Buda Rumana



Magic Cat - For Friends Only

Altre Sezioni:
Netlabels
Tour Diaries
Cinematic Blog
Riviera 2011

In Your Eyes:
Contatti
Chi Siamo
Sitemap
Iscriviti alla Newsletter
Web Design

Social:
Facebook
Gruppo di Facebook
Twitter
Feed Rss


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine