Magazine Animazione

Majinbu terza trasformazione

Creato il 02 luglio 2014 da Emiliods88
NOME: Majinbu terza trasformazione.PROFESSIONE: Mostro.RESIDENZA: Pianeta Terra.
MAJINBU TERZA TRASFORMAZIONEMajinbu è il risultato della fusione accidentale di un entità malvagia e una benigna. L’equilibrio tra questi due parti purtroppo non è definitivo e più volte nel corso della storia si assiste a impressionanti trasformazioni di Majinbu , che da grassoccio diventa un mostro perfido e spietato. Dopo la morte di Mister Satan nel mostro si scatena una reazione inaspettata che provoca la scissione tra le due “anime”. Al termine di un violento scontro però la parte malvagia ha la meglio  sull’ altra identità e da origine ad un nuovo terribile Majinbu. Costui è ancora più forte, ma soprattutto non ha nessun freno inibitore, gli piace giocare con gli avversari e vedere la paura e la disperazione nei loro occhi. Quando combatte gli piace umiliare il nemico e se si accorge di essere in svantaggio ricorre ad un trucco estremo: stacca parti del corpo  che si muovono autonomamente, ingloba avversari e ne assorbe la forza. Dopo la vittoria, l’aspetto del mostro cambia e Majinbu assume in parte le fattezze del nemico sconfitto.  Gohan, Trunks, Goten e Junior vengono assorbiti dal mostro; Vegekou, l’unione di Vegeta e Goku, ricorre allora ad un espediente per liberarli: si fa assorbire anche lui dal mostro e sta bene attento a erigere una barriera protettiva che gli permette di muoversi liberamente all’ interno del corpo dell’ avversario. A questo punto però anche la parte malvagia del mostro si materializza all’ interno del corpo, dove si scatena una battaglia che ha dell’ incredibile. Vegeta e Goku riescono alla fine a liberare i loro amici e riportare all’ esterno anche l’anima dolce e ingenua , incarnata in Majinbu il grassoccio, che era prigioniero della sua metà negativa. Questo fatto determinerà una crisi nel mostro che, privato anche dell’ ultima briciola di bontà, tornerà alla sua forma originale, più malvagio che mai.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine