Magazine Cultura

Marco Travaglio - Viva Il Re!

Creato il 07 gennaio 2014 da Iyezine @iyezine
Marco Travaglio - Viva Il Re! : Giorgio Napolitano, Il Presidente Che Trovò Una Repubblica E Ne Fece Una Monarchia &l;
  • HOME
  • recensioni
    • Indie
    • Rock n Roll
    • Black Music
    • Pop / Folk
    • Elettronica
    • Metal
  • articoli
  • news
  • libri
  • interviste
  • podcast
    • Rock n Roll
    • Black Music
    • Elettronica
  • 7 pollici
  • Fumetti
  • LivE Reports
  • IyeLab
    • Iye Comics
    • Iye Art
    • Iye Stories
  • archivio
    • Archivio2012
    • Archivio2011
    • Archivio2010
    • Archivio2009
    • Archivio2008
    • Archivio2007
  • chi siamo
  • contatti

Libro

Home > Libri > Marco Travaglio - Viva Il Re!

Viva Il Re! - Marco Travaglio

7 Gennaio 2014 A cura di:

Giovanni Sciuto

Marco Travaglio - Viva il Re!

Marco Travaglio - Viva il Re!

Chiarelettere Editore
Anno pubblicazione: 2013
Voto : 8.00 / 10


2014-01-07 00:00:00 Giovanni Sciuto

Marco Travaglio, saggista e vicedirettore del Fatto Quotidiano, scrive questo libro pungente e polemico nei confronti del nostro beneamato presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Travaglio, che non si può di certo considerare un fenomeno di simpatia (almeno da quanto traspare dalla TV) , cresce giornalisticamente accanto a Montanelli a Il Giornale, diventando uno dei giornalisti d’inchiesta più brillanti del nostro paese, oltre che presenza fissa nella trasmissione Anno Zero di Michele Santoro. Proprio quell’aria un po’ spocchiosa da saputello lo rende molto adatto alle inchieste anti corruzione e anti mafia, dove spesso sbugiarda platealmente i soliti politicanti e pennivendoli di ambo gli schieramenti, molti dei quali non nascondono aperta antipatia nei suoi confronti. Memorabile fu la figuraccia che fece fare a Vittorio Feltri in diretta da Santoro, sulla lite tra Berlusconi e Montanelli, con telefonata di quest’ultimo a ringraziare il collega Travaglio per essere stato l’unico a dire la verità sulla vicenda. Devo dire che leggendo queste pagine, le sorprese sono tante, infatti da come ce lo hanno sempre rappresentato, l’uomo del colle (così lo chiama l’autore) è sempre stato simbolo di grande autorevolezza, incarnando il ruolo di arbitro con assoluto garbo e discrezione. Pertini e Ciampi, che rimangono due figure popolarissime, principalmente perché di specchiata onestà e di strettissima vicinanza alla gente, (nel caso del primo soprattutto), furono esempi di enorme rispetto e deferenza nei confronti delle istituzioni. Nel caso di Napolitano, non si può dire lo stesso, se non altro per l’arbitrarietà con cui ha adoperato i suoi poteri, spesso imponendo la propria volontà piuttosto che consigliando e proponendo i suoi suggerimenti. Se qualcuno pensa che nei confronti di Berlusconi, Napolitano abbia sempre usato la mano ferma, sbaglia di grosso. Le leggi firmate dal presidente nei confronti del caimano sono tante, tantissime e sono a suo esclusivo vantaggio. Il non firmare una legge incostituzionale non è una facoltà, è un dovere da parte di un capo dello stato, che non deve guardare in faccia a nessuno, per senso di responsabilità verso la nazione (vedi Ciampi e Scalfaro). Solo nel primo mandato al colle verranno trasformate in legge: indulto, decreto Telecom, ordinamento giudiziario Mastella-Castelli, lodo Alfano, raddoppio dell’Iva a Sky a favore di Mediaset, scudo fiscale, decreto salva liste e dulcis in fundo, il legittimo impedimento. Se poi qualcun altro pensa che Napolitano abbia il merito di non aver impedito la condanna a Berlusconi, anche qui commette un errore di valutazione grossolano, perché se finalmente il nano si è levato di torno, almeno per un po’, è grazie al voto palese in parlamento, fortemente voluto dai grillini, che ha evitato i soliti giochetti sporchi e inciuci. Ma non c’è da preoccuparsi, infatti, proprio in questi giorni si comincia a parlare di decreto svuotacarceri, già sponsorizzato a più riprese dal nostro illustre presidente e dal ministro Cancellieri, sempre solerti a intervenire in difesa di politici e mafiosi in difficoltà, ma mai dei poveri cristi che in galera ci vivono e spesso ci muoiono come cani. Quando, prima o poi, Napolitano toglierà il disturbo, c’è da scommettere che l’intera classe politica e i media si scappelleranno in omaggi al nostro ex presidente, che ha dato prova di sacrificio per il bene del paese, nonostante l’età avanzata e gli acciacchi. In realtà, dovrebbe essere il contrario, dovrebbe essere lo stesso Napolitano a ringraziare gli italiani, che gli hanno permesso di difendere interessi e compromessi più o meno occulti, dimenticandosi totalmente dei veri problemi del paese. Alla faccia del rinnovamento, Re Giorgio, entra in politica, nel cinquantatre, cioè sessantun anni fa, nelle file del PCI, dimostrando sempre abilità e destrezza nel mettersi dalla parte giusta. In un paese normale, uno così starebbe a casa a occuparsi dell’orto e dei nipoti già da una trentina d’anni e l’accanimento e la nevrosi che lo spingono a non mollare il suo posto sono chiari indizi della sua reale azione politica. Pochissimo si è parlato delle famose intercettazioni con Mancino, sulla trattativa stato e mafia, per le quali Napolitano farà carte false pur di eliminarle dalla circolazione, arrivando a ostacolare a muso duro la procura di Palermo (Ingroia e Messineo). Non parliamo di ladri di polli, ma di trattative tra i Ros e Riina e Provenzano tramite Vito Ciancimino, avvenute nel novantadue, dopo Capaci e prima di Via d’Amelio. Sia Riina che Massimo Ciancimino parlano del coinvolgimento di personaggi politici e vengono fatti i nomi di Rognoni e Mancino, ai tempi alla difesa e agli interni. Alla luce di queste confessioni gravissime, Napolitano si è sempre dimostrato insofferente e scostante, bollando tutto come sensazionalismo mediatico. Oggi Mancino è il vice di Napolitano al CSM (consiglio superiore della magistratura) ed è inaudito che invece di affrontare serenamente un’indagine, il presidente della repubblica, se la prenda con i magistrati inquirenti per insabbiare le telefonate del sottoposto che gli chiedeva disperatamente di non essere sbugiardato pubblicamente. Quella di Napolitano, è l’ennesima storia di ambiguità politica e di arroganza istituzionale, dove fatti gravi, come il sequestro Shalabayeva e l’affaire Ligresti /Cancellieri, passano come piccoli incidenti di percorso mentre il paese è sempre più in ginocchio.
Casa editrice: Chiarelettere Editore
Indirizzo: Via Melzi d'Eril 44
Comune: Milano
Website: http://www.chiarelettere.it/
Email: [email protected]

Commenti:

Al momento non ci sono commenti. Lascia il primo commento completatando il form qui sotto.

Cosa ne pensi ? Lasciaci un commento.....

Nome* Email* Commento* La capitale d'italia?* (write 'roma' minuscolo)

Ultimi libri


Ultimi post:


7 Gennaio 2014

Eye Of Solitude
Canto III

7 Gennaio 2014

Marshmallow Pies
Between Cloudy And Sunny Days

7 Gennaio 2014

Marco Travaglio
Viva Il Re!

7 Gennaio 2014

Killers Lodge
Unnecessary I

4 Gennaio 2014

D.A.M.
Tales Of The Mad King

4 Gennaio 2014

Homesick Suni And The Red Shades
Cheerleaders And Quarterbacks

4 Gennaio 2014

Kuolemanlaakso
Musta Aurinko Nousee

4 Gennaio 2014

The Sick Rose
Blastin'out ... Plus!

4 Gennaio 2014

Iyezine Report 2013

3 Gennaio 2014

Dea Marica
Curse Of The Haunted

Marco Travaglio - Viva Il Re!

Altre Sezioni:
Netlabels
Tour Diaries
Cinematic Blog
Riviera 2011

In Your Eyes:
Contatti
Chi Siamo
Sitemap
Iscriviti alla Newsletter
Web Design

Social:
Facebook
Trovaci su Google+Twitter
Feed Rss


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Prima regola : proteggi il tuo Re

    Prima regola proteggi

    Non volare via di Sara Rattaro Garzanti 222p.; € 14,90 isbn 9788811684428Prima regola : proteggi il tuo Re. Chiunque abbia dimestichezza con il gioco degli... Leggere il seguito

    Da  Luigiderosa
    CULTURA, LIBRI
  • Prima regola : proteggi il tuo Re

    Prima regola proteggi

    Non volare viadi Sara RattaroGarzanti 222p.; € 14,90isbn 9788811684428Prima regola : proteggi il tuo Re. Chiunque abbia dimestichezza con il gioco degli... Leggere il seguito

    Da  Luigiderosa
    CULTURA, LIBRI
  • Dove va il mondo di marco milone

    Dove mondo marco milone

    Dove va il mondo è l’ebook dell’autore Marco Milone, una raccolta di poesie che, come si legge nella prefazione di Marco Mezzetti, sono versi brevi, sferzanti,... Leggere il seguito

    Da  Larazavatteri
    CULTURA, LIBRI
  • Marco Pino il fiorentino

    Marco Pino fiorentino

    Prima asta settembrina di Sotheby’s, a Londra. Va un po’ di tutto, dai mobili alle sculture e anche qualche dipinto antico. Tra questi, anche una curiosa... Leggere il seguito

    Da  Micheledanieli
    ARTE, CULTURA
  • “Viva l’Italia?”

    “Viva l’Italia?”

    “Viva l’Italia – Risorgimento e Resistenza: perché dobbiamo essere orgogliosi della nostra nazione” di Aldo Cazzullo, un volume che si inserisce nel filone... Leggere il seguito

    Da  Federbernardini53
    CULTURA, EVENTI
  • IL PASTICCIERE DEL RE - Anthony Capella

    PASTICCIERE Anthony Capella

    I libri della casa editrice Neri Pozza sono sempre stati una certezza per me. Li compro o comunque li leggo quasi a scatola chiusa, senza fare troppe ricerche... Leggere il seguito

    Da  Lalettricerampante
    CULTURA, LIBRI
  • Il pasticciere del re di Anthony Capella

    pasticciere Anthony Capella

    Questo libro l'ho desiderato ardentemente fin da quando ho letto la segnalazione della sua allora imminente uscita. Tanto per cominciare, è edito dalla Neri... Leggere il seguito

    Da  Laleggivendola
    CULTURA, LIBRI