Magazine Diario personale

Mare nero-m.strand

Da Silvy56
MARE NERO-M.STRAND
Una notte chiara, mentre gli altri dormivano, ho salito le scale fino al tetto della casa e sotto un cielo fitto di stelle ho scrutato il mare, la sua distesa, il moto delle sue creste spazzate dal vento, divenire come pezzi di trina gettati in aria. Sono rimasto nella lunga notte piena di sussurri, aspettando qualcosa, un segno, l’avvicinarsi di una luce lontana, e ho immaginato che tu venivi vicino, le onde scure dei tuoi capelli mescolarsi col mare, e l’oscurità è divenuta desiderio, e desiderio la luce che approssimava. La vicinanza, il calore momentaneo di te mentre rimanevo su quell’altezza solitaria guardando il lento gonfiarsi del mare rompersi sulla riva e in breve mutare in vetro e scomparire… Perché ho creduto che saresti venuta uscita dal nulla? Perché con tutto quello che il mondo offre saresti venuta solo perché io ero qui?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • L’emiro nero

    L’emiro nero

    Non so perché ma mi viene l’ispirazione a scrivere ogniqualvolta penso alla mia giovinezza. Giovinezza giovinezza primavera di bellezza…no, non sono così... Leggere il seguito

    Da  Spiaggepiubelle
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Uomo Nero, pfui

    Uomo Nero, pfui

    Immagino che dovrei aver paura perché è buio e sono da sola in una casa molto grande e vecchiotta che di notte emette rumori tutti suoi, cigolii, schiocchi,... Leggere il seguito

    Da  Melusina
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Il mostro l'uomo nero!

    mostro l'uomo nero!

    Ci sono eventi tanto mostruosi e brutali da essere in grado di scuotere l'animo di chiunque. Il giorno dopo che si sono verificate simili tragedie, si mobilita... Leggere il seguito

    Da  Italiabenetti
    ATTUALITÀ, DIARIO PERSONALE, MUSICA, TALENTI
  • Il bucaneve nero

    Quando i 31 giovani sono arrivati a Forno di Coazze, sono stati accolti da tanta gente, qualche muso lungo (tra i pochi abitanti) e qualche lenzuolo (subito... Leggere il seguito

    Da  Fernando
    DIARIO PERSONALE
  • Nero sfumato. Ciao Elia

    Nero sfumato. Ciao Elia

    Ore 13.20. Nero. Sfumato. E’ il colore della fine. E’ il colore dell’inizio. Fine ed inizio. Per te, che adesso sai cosa significa la morte oppure lo stai... Leggere il seguito

    Da  Maurizio Lorenzi
    LIBRI, RACCONTI, TALENTI
  • Quel caschetto nero …

    Quel caschetto nero

    di Luca PortaluriAndre Kohn (olio su tela)Aveva da subito notato quel caschetto nero, la prima volta che l’aveva vista. Alice viaggiava quasi ogni giorno su que... Leggere il seguito

    Da  Cultura Salentina
    RACCONTI, TALENTI
  • Il mare

    Hai mai sentito il mare parlare? Raccontare le storie dei suoi abissi? Hai mai sentito il mugolio del vento? La straordinarietà della sua forza? Leggere il seguito

    Da  Alessandra
    POESIE, TALENTI