Magazine Italiani nel Mondo

Maro', che cosa si dice in India (se a qualcuno interessa)

Creato il 08 marzo 2012 da Mariagraziacoggiola
Mi chiedo in questi giorni se a qualcuno in Italia interessa sapere cosa si pensa in India sulla vicenda dei maro'.  Mi sembra che la stampa italiana sia cosi' focalizzata sulle polemiche tra partiti, sulle divisioni tra palazzo Chigi e Farnesina e sull'enfasi emotiva nazional-patriottica,  che si e'  persa completamente la bussola. E soprattutto non passano piu' le notizie che potrebbero aiutare a comprendere la vicenda.
Mentre in Kerala, la ''ground zero'' dello scontro diplomatico e giudiziario, si vivono giorni di intensa passione,  qui a Delhi, nei centri del potere, si respita tutt'altro clima.
Primo, la questione e' sparita dalla stampa e televisione a livello nazionale. I miei colleghi indiani erano cosi' assorbiti dai risultati delle elezioni in Uttar Pradesh e in altri quattro stati, che neppure si sono accorti che martedi' a Roma e' stato convocato l'ambasciatore indiano per una ''demarche''. Poi oggi sono tutti impegnati a buttarsi colori addosso per la festa di Holi, una delle piu' importanti e anche divertenti del calendario induista. In Kerala non si ''gioca'' Holi, ma ci sono altre feste locali simili che segnano l'inizio dell'estate.
Secondo, non ci sono sentimenti anti italiani. I due maro' potevano essere di qualsiasi nazionalita'. Il fatto di essere italiani poteva forse avere una qualche rilevanza per via di Sonia Gandhi che guida il partito di maggioranza. Ma dopo la bruciante debacle elettorale, non c'e' piu' nessuno nell'opposizione che alza la voce. Il ''trattamento di favore'' che i due maro' stanno godendo da quando sono in carcerazione preventiva e' una buona ragione per attaccare Sonia, ma ora sarebbe come sparare sulla Croce Rossa. C'e' -  e' vero - una elezione suplettiva il 14 marzo in Kerala per rimpiazzare un parlamentare che e' cruciale per la maggioranza del governo keralese guidato dal Congresso. Ma e' una faccenda davvero locale e ora i veri giochi diplomatici si fanno a New Delhi, non piu' a Trivandrum.
Terzo, anche ieri gli indiani hanno ripetuto che in pratica non riconoscono le missione anti pirateria di soldati a bordo dei mercantili, come quella dell'unita' di sei maro' in servizio sulla Enrica Lexie.  Mi sembrano abbastanza fermi su questo punto e dubito che cambino idea. Andrebbe ricordato a questo proposito che la Marina militare indiana e' coinvolta in prima persona nelle operazioni internazionali contro i pirati e sta proteggendo i mercantili nell'oceano Indiano compresi quelli italiani.
Quarto,  la stampa indiana e' completamente all'oscuro di cosa pensano gli italiani sulla vicenda. le notizie da Roma sono riprese dalle agenze internazionali come Reuters. Forse una maggiore comunicazione da parte italiana potrebbe aiutare a capire le nostre ragioni. Cosi' come in Italia si potrebbe dare piu' spazio a descrivere che cosa si pensa o si dice da queste parti, compresi anche i pescatori e le loro famiglie.
Quinto, ma la perizia balistica? La ''prova regina''. Adesso spunta fuori che ci andra' una settimana...ma non sarebbe meglio chiedere di accelerare i tempo, almeno per chiarire l'aspetto fondamentale di tutta la vicenda: chi ha sparato sul peschereccio St.Antony?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • India

    India

    Eh, giá, sono in India. Perché? …boh. Il motivo é che una mattina di Novembre londinese (con i suoi nove gradi centigradi) vengo approcciato dalla mia... Leggere il seguito

    Da  Obyinlondon
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Viaggio in India: Shekhawati

    A circa 30 chilometri da Mandawa, che e’ la piu’ frequentata dello Shekawati, c’e un'altra citta’ ricca di haveli, e’ Faterpur. Piu’ grande, con un centro... Leggere il seguito

    Da  Mariagraziacoggiola
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Maro', quante risate tra i caucciu' di Piravom

    Maro', quante risate caucciu' Piravom

    La battuta preferita a Piravom, centro agricolo a circa un'ora da Cochin, e' quella che riguarda gli italiani e la loro speranza che dopo le elezioni di domani ... Leggere il seguito

    Da  Mariagraziacoggiola
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • La nuova frontiera: India

    Capisci che il mondo sta cambiando, ma in modo serio e pesante, quando fra le mille newsletter accademiche di lavoro che ricevi, ne arriva una dall’India che... Leggere il seguito

    Da  Anellidifum0
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ
  • Maro', quante risate tra i caucciu' di Piravom

    Maro', quante risate caucciu' Piravom

    La battuta preferita a Piravom, centro agricolo a circa un'ora da Cochin, e' quella che riguarda gli italiani e la loro speranza che dopo le elezioni di domani ... Leggere il seguito

    Da  Mariagraziacoggiola
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • I maro' a Kochi, tra ayurveda e reti da pesca cinesi

    maro' Kochi, ayurveda reti pesca cinesi

    Finalmente i maro' Massimiliano Latorre e Salvatore Girone sono passati dalla loro condizione di carcerati, anche se di lusso, a quella di liberta' vigilita a... Leggere il seguito

    Da  Mariagraziacoggiola
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • India, la caduta dell'elefante? Non esageriamo

    Sembra che negli ultimi mesi l'elefante indiano non solo si sia stancato di correre, ma sia sprofondato in una palude dove nessuno e' in grado di tirarlo fuori. Leggere il seguito

    Da  Mariagraziacoggiola
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI

COMMENTI (1)

Da Sara
Inviato il 12 marzo a 16:23
Segnala un abuso

Il problema è politico visto che la questione poteva essere risolta facilmente confrontando le tracce dell’AIS, un apparecchio che segue la rotta di tutte le navi. In questo modo si sarebbe visto dove si trovavano tutte le navi coinvolte. Invece il governo locale, per motivi opportunistici, ha "ben" pensato di crea un caso. L'obiettivo è quello di condizionare l'elettorato locale senza pensare alla figuraccia che l'India fa a livello internazionale. Atteggiamento miope di un governo miope e incapace di guardare oltre il proprio naso.