Magazine Cultura

Marvel age of x: parla mike carey

Creato il 16 novembre 2010 da Comixfactory

Articoli correlati:domenica 10 ottobre 2010 MARVEL AGE OF X: LA FINE DEI MUTANTI COSI' COME LI CONOSCIAMOlunedì 8 novembre 2010 MARVEL AGE OF X: ARRIVANO I TEASERmercoledì 10 novembre 2010 MARVEL AGE OF X: SVELATI ALTRI QUATTRO PERSONAGGI... E GLI AUTORI!sabato 13 novembre 2010 MARVEL AGE OF X: IL CAST AL COMPLETO

MARVEL AGE OF X: PARLA MIKE CAREY

Foto di gruppo per il cast di Age of X


Dopo settimane trascorse a far crescere l'attesa e la curiosità riguardo la fantomatica Age of X, ieri la Marvel, attraverso le parole dello scrittore Mike Carey e dell'editor Daniel Ketchum, ha rivelato i dettagli inerenti questo nuovo evento mutante che avrà come protagonisti Magneto, Gambit, Rogue, Hellion e alcuni nuovi, e misteriosi, personaggi.
Age of X nasce, dunque, da una intuizione di Mike Carey. Dichiara, infatti, lo sceneggiatore britannico: "quasi per caso mi son trovato a riflettere sulle generazioni di mutanti che si sono avvicendate tra le mura dell'accademia di Xavier, e ho pensato che sarebbe stato bello raccontare una storia che coinvolgesse tutte quelle diverse generazioni di eroi. Con Daniel Ketchum, quindi, abbiamo iniziato a pensare alla storia e al tipo di conseguenze che avrebbe potuto creare sugli X-Men."
Carey ha poi spiegato che, pur essendo ambientata in una realtà in cui gli X-Men non si sono mai costituiti e non si sono mai isolati dal resto del mondo confinandosi tra le mura dell'accademia di Xavier, "Age of X non è ambientata in una terra alternativa (dove per alternativa si intende una realtà come quella di Age of Apokalypse). Riguardo la struttura narrativa Carey aggiunge: "Age of X si dipanerà sulle serie mutanti già in corso e si svilupperà come un thriller, rivelandoci mese dopo mese qual è il nesso tra questa nuova era mutante e la classica Terra 616" (quella sulla quale si svolgono le storie in continuity).
Per quanto riguarda il nome della saga, Carey ha spiegato che: "la "X" sta per X-Men, sebbene la storia è ambientata in un mondo nel quale gli X-Men non si sono mai costituiti come squadra. C'è, comunque, anche un personaggio misterioso che inizialmente è chiamato semplicemente "X".  
"Age of X" dichiara l'editor Daniel Ketchum "rappresenta la possibilità di ricordare ai lettori che gli X-Men sono qualcosa di completamente differente dagli altri eroi - qualcosa di Extra - e ci darà la possibilità di sviluppare i personaggi in maniera inedita, intessendo nuove relazioni e facendogli utilizzare diversamente i loro poteri. Anche dal punto di vista grafico i personaggi risulteranno totalmente rinnovati, basti pensare al lavoro svolto da Clay Mann per rendere Storm più simile ad una selvaggia e potente divinità africana".
Ambientata in una terra in cui gli X-Men non sono mai stati fondati e non si sono mai organizzati in squadre di combattimento adatte a sventare le minacce dei nemici (un mondo in cui i nemici, al contrario, si sono organizzati benissimo), Age of X ha inizio quando la fortezza, in cui si sono rifugiati tutti i mutanti superstiti alle offensive dei loro misteriosi nemici, sta per essere sottoposta all'offensiva finale.
In tutta sincerità ci sembra il solito riciclaggio di idee già sfruttate e abusate in passato (sintomo che alla Marvel hanno davvero difficoltà a gestire la famiglia mutante), in ogni caso Age of X partirà in gennaio su
Age of X Alpha e comincerà a dipanarsi a febbraio su X-Men Legacy" #245 e New Mutants #22.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog