Magazine Cultura

Massimo Carlotto: Per tutto l’oro del mondo

Creato il 24 febbraio 2016 da Fabriziofb

Massimo Carlotto: Per tutto l’oro del mondo"L'oro è una malattia e mi era entrata nel sangue. [...] Ogni grammo significava ricchezza. Avremmo dovuto paizentare ancora qualche anno, tenendo un profilo basso, cercando di barcamenarci con il maglificio, ma poi ci saremmo trasferiti all'estero e quell'oro ci avrebbe garantito la bella vita. Quella che i piccoli imprenditori tartassati da queste sanguisughe del governo possono solo sognare.
" Non mi era mai passato per la testa il pensiero che le cose potessero andare male. Eravamo i migliori, i più furbi, i più prudenti."
" Ci sbagliavamo. Era tutto sbagliato. Nemmeno per tutto l'oro del mondo bisogna mettersi in mezzo a queste faccende perché poi il destino ti punisce.""(1)

Chiamata a indagare su una rapina in villa finita male per conto di una vedova "inconsolabile" o al soldo di una banda di criminali che non merita aiuto alcuno, la vecchia squadra formata da Marco Buratti, Max la memoria e Beniamino Rossini torna invece in azione in favore di un orfano che merita di sapere la verità. Anche questa volta, per risolvere il caso, districandosi tra fitte menzogne e pericoli mortali, l'Alligatore sarà costretto a muoversi al di fuori della legge, ma lo farà sempre e soltanto secondo le sue regole.

Con Per tutto l'oro del mondo, Massimo Carlotto torna a raccontare in chiave poliziesca la realtà dell'Italia contemporanea, e in particolare del suo nord est, tra riferimenti di cronaca e tensione etica(2), ampie citazioni musicali, sequenze d'azione e modi classici del noir.
La formula è quella nota, quella collaudata dei romanzi del ciclo, applicata qui (come altrove) non senza sorprese (3); lo stile è quello classico di Carlotto, secco, quasi brachilogico; la narrazione è veloce, priva di sbavature; la trama è (come di consueto) ben congegnata e le dinamiche criminali sono (come di consueto) magistralmente ricostruite. Ma forse non è questo ciò che conta: no, la cosa più importante è che ritrovare l'Alligatore, dopo tanto tempo, è un po' come tornare a casa...

Per tutto l'oro del mondo, di Massimo Carlotto è proposto ai lettori italiani da e/o.

(1)Massimo Carlotto, Per tutto l'oro del mondo, E/o Roma, 2015, p32.
(2)Qui il problema dei furti in villa apre uno squarcio su certa retorica politica e chiama alla riflessione sul "diritto" (sempre più spacciato per "dovere civico") all'autodifesa, vero e proprio cavallo di battaglia di chi cerca di costruire il consenso parlando alla "pancia" del paese.
(3)Soprattutto se vi siete persi il recentissimo La banda degli amanti.

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine