Magazine Cultura

Meraviglioso Modugno

Creato il 12 febbraio 2013 da Pane & Rose

di Luigi Viteritti.

Il 29-11-2012 al Petruzzelli di Bari si è svolto il “Meraviglioso Modugno”. Giovani artisti hanno rivisitato le canzoni di uno dei più grandi cantautori d’Italia. Ad interpretare i successi dell’autore erano: Negramaro, Noemi, Alessandro Mannarino, Brunori Sas, Dente, Pacifico, Ginevra Di Marco, Erica Mou, Mama Marjas, Raiz e Radicanto. Modugno artista eclettico, teatro, cinema, musica, cabaret. Anima verace, popolare, simbolo di un sud scanzonato ma ribelle. Modugno, antico e moderno, un grande che parla di gioia e malinconia insieme. Quell’uomo in Frack.

“Malarazza” è una canzone che Domenico Modugno ha scritto nel 1976 partendo da una poesia di un anonimo siciliano del 1857, Lionardo Vigo Calanna, marchese di Gallodoro.

album-214446
Il testo parla di un servo che viene picchiato e maltrattato da un prepotente e chiede giustizia a Gesù che, sconsolato, gli risponde di farsi giustizia da solo, se la vuole, tirando fuori i denti e combattendo perché nessuno la farà mai al posto suo. Il testo di seguito è in siciliano.

Nu servu tempu fa d’intra na piazza
Prigava a Cristu in cruci e ci dicia:
“Cristu, lu mi padroni mi strapazza
mi tratta comu un cani pi la via.

Si pigghia tuttu cu la sua manazza
Mancu la vita mia dici che è mia
Distruggila Gesù sta malarazza!
Distruggila Gesù fallu pi mmia!
…fallu pi mia!”

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
E Cristu m’arrispunni dalla cruci:
“Forsi si so spizzati li to vrazza?
Cu voli la giustizia si la fazza!
Nisciuni ormai chiù la farà pi ttia!
Si tu si un uomo e nun si testa pazza,
ascolta beni sta sentenzia mia,
ca iu ‘nchiodatu in cruci nun saria
s’avissi fattu ciò ca dicu a ttia.
Ca iù ‘inchiadatu in cruci nun saria!”
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog