Magazine Cultura

Michael Hedges

Creato il 23 settembre 2011 da Athos Enrile @AthosEnrile1
Michael Hedges

"Michael Hedgesrappresenta per i chitarristi acustici ciò che Jimi Hendrix è per quelli elettrici, ovvero l'innovazione, l'inventiva, la diversità, la rinascita di uno strumento musicale dopo un lungo periodo di torpore. Ed è davvero triste dover sottolineare come entrambi siano prematuramente scomparsi, lasciandoci privi di trascrizioni originali, Guitar Books o raccolte antologiche che ci avrebbero aiutato a capire come suonare questo o quel brano, senza necessariamente slogarsi le dita.

Quando agli inizi degli anni '80 Michael Hedges cominciò a proporre al grande pubblico la sua incredibile ed innovativa tecnica chitarristica, non esisiteva ancora la New Age, cui Hedges più volte è stato impropriamente affiliato, e il fingerstyle era un genere in embrione. La chitarra ascustica era stata a lungo sulla ribalta grazie ai Beatles, a CSN&Y e James Taylor, ma soffriva in quel periodo del disinteresse del grande pubblico, forse attratto da altri tipi di strumenti.

La comparsa sulle scene di Michael Hedges fu quindi un vero punto di svolta. Le nuove tecniche da lui introdotte - uso estensivo di accordature alternative e aperte, tapping a due mani, chitarra percussiva - permettevano il raggiungimento di sonorità inesplorate e davano vita a brani di ampio respiro, per i quali sembrava addirittura impossibile affermare che il loro interprete suonasse "solo" con due mani."

Nasce a Mendocino, California, il 31 dicembre 1953, ma cresce in Oklahoma. A 4 anni inizia a suonare il pianoforte e dopo, alle scuole superiori, studia clarinetto e violoncello. Si iscrive alla Phillips University dove studia composizione ed inizia a suonare chitarra classica e flauto. Poi frequenta il Peabody Conservatory per conseguire il diploma in composizione elettronica. Nel 1980 studia computer music alla Standford University.
Dopo esser stato notato da William Ackerman durante un concerto, stipula grazie allo stesso Ackerman un contratto per l’etichetta discografica Windham Hill Records. Incide quindi nel 1981 Breakfast in the Field ed inizia a sviluppare nuove tecniche chitarristiche percussive e a far uso del tapping.
Nel 1984 incide Aerial Bundaries, che gli varrà una nomination al Grammy, e nel 1987 esordisce con l’harp guitar e incide Live on the double planet. Nel 1990 incide Taproot dove è anche cantante, e nel 1994 The road to return, dove aumentano le parti cantate ed introduce l’uso della chitarra synth e della chitarra elettrica.
Ultimo album sarà Oracle nel 1996.

Morirà in un incidente d’auto il 2 dicembre 1997. Torched, album postumo uscirà nel 1999, grazie al contributo del suo precedente manager Hilleary Burgess e degli amici David Crosby e Graham Nash.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Le ore, di Michael Cunningham

    ore, Michael Cunningham

    di Gloria Gaetano Ci sono indimenticabili figure di donna che sono rimaste nella memoria di chi le ha conosciute attraverso la lettura, e vengono ricordate con... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • Jan-Michael Vincent

    Jan-Michael Vincent

    Molti aspetti concorrono nel far si che un film diventi, col passare degli anni, un cult, e di anni ne sono passati abbastanza dal 1978, sul finire del quale... Leggere il seguito

    Da  Il_moderatore
    CINEMA, CULTURA
  • Michael Cimino

    Michael Cimino

    Presidente di giuria al Festival Cinemambiente di Torino, terminato domenica, Michael Cimino è un regista dal percorso spezzettato. Come per l’altro grande... Leggere il seguito

    Da  Pim
    CULTURA
  • Michael Bay

    Michael

    Bad Boys (1995) The Rock (1996) Armageddon - Giudizio finale (1998) - 1/5 Pearl Harbor (2001) Bad Boys II (2003) The Island (2005) Transformers (2007)... Leggere il seguito

    Da  Alejo90
    CINEMA, CULTURA
  • TRANSFORMERS 3 (USA, 2011) di Michael Bay

    TRANSFORMERS (USA, 2011) Michael

    Se non fosse che il vecchio detto 'al peggio non c'è mai fine' è, putroppo, drammaticamente vero (e solo per questo non mi sbilancio troppo), non avrei... Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CULTURA
  • Strade violente - Michael Mann

    Strade violente Michael Mann

    Arrivo direttamente al dunque con l'affermare che Strade Violente (in originale un più sintetico ed eloquente Thief) è un filmone! Senza se e senza ma... e non... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Wrecked, di Michael Greenspan (2011)

    Wrecked, Michael Greenspan (2011)

    Un uomo riprende conoscenza all'interno di un’auto completamente distrutta in fondo a una scarpata. E’ ferito gravemente ad una gamba, intrappolata nelle lamier... Leggere il seguito

    Da  Psichetechne
    CULTURA