Magazine Sport

Michel Robin Hood

Creato il 03 febbraio 2011 da Lucamangogna

Michel Robin Hood

Chiuso il mercato, aperti i battenti della lotta dialettica fra Uefa e Top Team europei.

La federazione europea, visto concludere il più clamoroso e dispendioso fra i mercati invernali, lancia subito un avviso ai club di primo livello, ricordando che è in atto una trasformazione che, nel giro di pochi anni porterà al pareggio di bilancio quale condizione necessaria sufficiente per poter prendere parte alle competizioni internazionali, senza il contributo di mecenati o sotterfugi da plusvalenze fittizie.

«Pur avendo seguito le ultime manovre di mercato in Europa, la UEFA è sicura che i club abbiano compreso il significato del fair play finanziario che impone di avere bilanci in ordine.[...]Non vi è dubbio che i trasferimenti effettuati adesso avranno conseguenze sul pareggio di bilancio degli esercizi finanziari a fine 2012 e 2013, i primi anni in cui varrà la regola del pareggio di bilancio. I club conoscono le regole e sanno che la UEFA è determinata ad applicarle con rigore. Per esempio, a partire da questa estate, tutti i pagamenti dovuti per trasferimenti di giocatori e per i propri dipendenti saranno valutati dal Panel di controllo finanziario (CFC Panel), nel quadro della più rigorosa regola “pagamenti arretrati”. La UEFA è convinta della crescente consapevolezza dei club riguardo alla natura della regola del fair play finanziario, che incoraggia i club a equilibrare entrate e uscite in un periodo di tempo di 4-6 finestre di mercato».

Questo uno stralcio del comunicato emesso dalla Uefa il 2 febbraio.

Insomma, tentando di addolcire la pillola, Platini mette sull’attenti codesti club “spendaccioni”, invitandoli a raggiungere la virtuosità di bilancio nel tempo indicato dal nuovo regolamento.

Ma se la cosa, pare essere legittima dal punto di vista morale, da quello sportivo è un’assoluta assurdità.

Perché se è vero che ci si augura di evitare nuovi clamorosi casi di fallimento (e questo dovrebbe essere oggetto dei club stessi, dei proprietari e delle stesse federazioni nazionali), è altrettanto vero che non comporterà mai l’auspicato equilibrio fra squadre ricche e povere, poichè esisterà sempre una sostanziale differenza di prestigio e budget, ed è utopico (all’ennesima potenza)  prevedere un’avvicinamento di competitività – per esempio – fra squadre inglesi e squadre bielorusse.

Al di là delle lodevoli intenzioni, insomma io credo che si celi una grandissima demagogia di fondo.

Platini dice che vuole riportare la Champions’ ai tempi di quando giocava lui, ovvero quando era facile incontrare squadre dell’Est e lasciarci la pelle, ma quando mai si pensa che andando indietro si va avanti?

La due correnti edizioni del massimo trofeo continentale già stanno portando a galla tutte le contraddizioni del piano del Presidente Michel, con squadre improbabili ammesse ai gironi, facili prede di tremebonde goleade, causando un inevitabile calo della competitività.

Non è che forse questa demagogia da Robin Hood cela qualcos’altro? Come si sa, a pensare male, spesso – ahinoi – ci si azzecca, e la verità nascosta probabilmente è che un voto bielorusso o slovacco in Assemblea, conta quanto quello spagnolo o italiano.

Le conseguenze al contrario possono essere catastrofiche, visto che all’orizzonte spuntano nubi di scissioni da parte del G-14, il consorzio che aggrega tutti i più grandi club europei.

Quindi caro Michel,  io non vedo stagliarsi all’ombra nessuno sceriffo di Nottingham, e io propenderei per una riforma che sia il meno possibile demagogica e il più possibile concreta, nel bene e nel progresso di questo sport, senza ispirarsi ad altri falsi Robin Hood come il suo ex-mentore Sepp Blatter.

Perché non è che dopo i mondiali del Qatar, dobbiamo aspettarci Europei a Cipro o a Malta?



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Robin Hobb a Roma

    Robin Hobb Roma

    Di Carolina Venturini Robin Hobb si racconta a Roma 18 giugno 2010, ore 18:00. Libreria Nuova Europa, centro commerciale “I Granai”, Roma. Robin Hobb, la... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Little Red Riding Hood

    Little Riding Hood

    °"Little Red Riding Hood", Blue Ribbon Press, New York, 1934. Le illustrazioni sono di Harold B. Lentz."Little Red Riding Hood", Blue Ribbon Press, New York,... Leggere il seguito

    Da  Ciompi
    CREAZIONI, HOBBY
  • Robin Hood

    Robin Hood

    è un passo in avanti per Scott. Le problematiche ci sono e sono una ripetizione affine alle opere precedenti. Eppure, "Robin Hood", rispetto ai kolossal come "L... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • Robin Hood – il film

    Robin Hood film

    di Ridley ScottVoto: 7 e 1/2 (su 10) Ribellarsi e ribellarsi ancora, finché gli agnelli diverranno leoni. Robin Longstride è un arciere inglese che combatte... Leggere il seguito

    Da  Phoebes
    AVVENTURA / AZIONE, CINEMA, CULTURA
  • Intervista a Robin Hobb - prima parte

    Intervista Robin Hobb prima parte

    Di Carolina Venturini Intervista a Robin Hobb – Prima parte. La seguente intervista è stata realizzata in occasione del tour italiano di Robin Hobb, acclamata... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Mont Saint Michel: la meraviglia d'occidente

    Mont Saint Michel: meraviglia d'occidente

    OTTAVA TAPPA - Tour de FranceImmaginate una baia apparentemente deserta, il vento che vi accarezza il viso e ogni tanto qualche folata più forte, quasi vi... Leggere il seguito

    Da  Iviaggidelgoloso
    VIAGGI
  • Buoni esempi: Armijn Hemel e i Robin Hood dell’open source

    Per molti furboni dell’industria informatica, l’open source – il software libero – è come Cenerentola. Va bene come collaboratore domestico, per spazzare, lavar... Leggere il seguito

    Da  Pinobruno
    INFORMATICA, INTERNET, MEDIA E COMUNICAZIONE

Magazine