Magazine Politica

Military blues

Creato il 20 aprile 2012 da Conflittiestrategie

MILITARY BLUESThe US military is the second largest in the world by numbers of active duty personnel.  With a total of 1,414,149 as of December 2011, it is the second largest after the Chinese army and just ahead of the Russian military.  With the projected cuts in military personnel implemented by the Obama Administration, the size of the American military is projected to shrink by 100,000 units by the end of the fiscal budget of 2013.  At that point, the US military will fall just short in terms of personnel, behind the Russians.  For people who think that this is a major shift of military tactics and mentality by the Obama Administration, they should think again.  The truth is that the current Administration is reducing the size of the military to pre 9/11 status.  A financial crisis associated with the elimination of many of the terrorist figureheads is justifying a return to the pre-terror military size.  Obama is not dismantling the American military machine, but rather readjusting it to the current world threat level.  It’s not the budget cuts, but there is something else that is destabilizing the American army:   Literally speaking, a nervous breakdown.

When Sergeant Robert Bale decided to go on a rampage in Afghanistan killing 17 Afghani civilians, injuring six others, and leaving a trail of blood and tears, he did it, according to some sources, under the influence of prescribed medications.  Bale’s lawyer told the press that his client does not remember anything of the actions leading up to the murders and the rampage itself.  It’s been established that Sergeant Bale was under intense pressure from personal matters at home, in addition to dealing with combat stress with his deployment unit.  Sergeant Bale chose to destroy other peoples’ lives, but other active duty soldiers have chosen to end their own lives.  2011 was the highest year for suicides in the US military.  The prolonged wars in Iraq and Afghanistan have taken a toll on the minds of American soldiers.  These two wars alone have made up the largest period of conflict in US history.  The number of suicides fluctuates according to who is publishing the study.  If we want to believe the Department of Defense’s official numbers, there were 164 suicides in 2011 among US military personnel.  In 2010, there were 159.  According to an army study, the suicide rate among US soldiers has risen 80% in the period between 2004 and 2008.  It’s a crisis of big proportions that have put the American military in a state of shock.  The military brass are struggling to find an answer to the mental health crisis.  Since 2009, more active and non-active troops have committed suicide than the ones killed in action in Afghanistan and Iraq.  This mental health crisis has forced the Congress in 2011 to pass a provision in the Defense Authorization Bill, to fund support for military mental health programs.

No matter what the solutions are and how much money the American politicians are willing to spend to tackle the mental health crisis, many obstacles need to be removed before some kind of improvement is made.  For some, as the size of the military is due to be reduced and the Iraq and Afghanistan wars are coming to an end, the number of suicides and problems plaguing the American military are also destined to decrease.  But, for some other personnel who lose their positions or lifestyles due to military cuts,  it might add to their mental destabilization.  Even if the number of suicides and problems are destined to decrease, the ratio of mental issues vs. personnel will stay high.  This is because the military is a reflection of a society which is dealing with many problems, just like the military.

Suicides are the extreme results of a declining mental status among military personnel.  Statistics tell us that more than 110,000 active duty personnel are on anti-depressant medication.  Prescription drugs such as Zoloft, Klonopin and Quetiapine are commonly prescribed by military doctors to soldiers to treat a vast array of psychological conditions.  Military doctors are stating that these drugs are helping to prevent suicides and are also needed to send fully functional soldiers into combat.  There is something illogical in these statements.  If it is true that this medication helps reduce the number of suicides among American military personnel, given the high rates of suicides among the military, I cannot imagine what the numbers of suicides would be without these drugs.  If it is true that these drugs prevent suicide, then it is shocking to know that among more than 1,414,000 active personnel, 110,000 of these needs a constant number of pills to function.  It is safe to guess that if 110,00 is the official number of people hooked on anti-depressant medications, the number is at least twice as many dependent on psychotropic drugs, or simply with untreated mental diseases that are not reported, either because they are not reported or those who have mental diseases are not even aware they have mental problems.

Many of these medications carry dangerous warning labels from manufacturers.  The same medication that is supposed to treat mental conditions can cause deadly side effects such as suicide and aggressive behavior.  Psychiatric conditions and dependence on these psychotropic drugs are not the only things that the American Department of Defense has to worry about.  Many of these medications are taken together or in combination with other medications such as painkillers, recreational drugs such as “innocent” marijuana or heavier drugs, and heavy alcohol consumption.  The result is a dangerous cocktail of medication, drugs and alcohol, which has caused not only the number of suicides to rise, but also the incidence of domestic violence which increased by 54% between the time period of 2006-0211, not to mention the danger of creating the potential of many more Sergeant Bale’s.  With active and inactive military personnel already battling the stress of war, not just related to the Taliban and terrorists, but anxiety, depression, substance abuse, post-traumatic stress disorder, etc., we may have armies of zombies  roaming the streets of the world ready to take their lives or those of innocent people, including strangers or family members.

 

L’ESERCITO ESAURITO

L’esercito americano è il secondo più grande al mondo per numero di personale in servizio attivo. Con un totale di 1.414.149 (ultima statistica del dicembre 2011), è il secondo più grande dopo l’esercito cinese e poco più numeroso dei militari russi. Con i tagli previsti nel personale militare attuati dall’Amministrazione Obama, la dimensione della macchina militare americana, si prevede sarà ridotta di oltre 100.000 unità entro la fine del bilancio fiscale del 2013. A quel punto, le forze armate USA si posizioneranno giusto dietro i russi in termini di personale attivo. Per molti questo taglio rappresenta una inversione di tendenza, un cambiamento di tattica militare e mentalità da parte dell’Amministrazione Obama. Niente di più lontano dalla verità`. La realtà è che l’attuale amministrazione sta riducendo le dimensioni delle forze armate ad uno stato pre 11-settembre 2001, prima dell’inizio delle operazioni anti-terroristiche militari. Una crisi finanziaria associata con l’eliminazione di molte delle menti terroristiche come Osama Bin Laden, giustificano un ritorno a una dimensione più consona della macchina militare a stelle e strisce. Obama non è uno sprovveduto, non si permetterebbe mai di smontare le legioni americane in maniera tale da comprometterne il loro stato di dominatori, ma piuttosto si tratta di riaggiustare il loro livello in accordo con l’attuale situazione sullo scacchiere mondiale. Non sono i tagli di bilancio, ma piuttosto c’è qualcos’altro che sta destabilizzando l’esercito americano: Letteralmente parlando,  un esaurimento nervoso.

Quando il sergente Robert Bale ha deciso di intraprendere una spedizione omicida in Afghanistan uccidendo 17 civili afgani e ferendone altri sei, lasciandosi dietro una scia di sangue e lacrime, lo ha fatto, secondo alcune fonti, sotto l’influenza di pisco-farmaci prescritti. L’avvocato di Bale ha raccontato alla stampa che il suo cliente non ricorda nulla delle azioni che lo hanno portano ad uccidere spietatamente.  Si è saputo che il Sergente Bale era sotto forte stress sia per  questioni personali (a casa), sia per le azioni di combattimento con la sua unita`. Bale ha scelto di distruggere la vita degli altri, ma altri soldati in servizio attivo hanno scelto di terminare la propria vita. Il 2011 è stato l’anno che ha fatto registrar il numero più alto di suicidi tra le forze armate degli Stati Uniti. Le prolungate guerre in Iraq e in Afghanistan hanno influito sulla stabilita ‘delle menti dei soldati americani. Queste due guerre da sole hanno costituito il più lungo periodo di conflitto bellico nella storia degli Stati Uniti. Il numero di suicidi varia a seconda di chi pubblica lo studio. Se vogliamo credere alle cifre ufficiali del Dipartimento della Difesa, ci sono stati 164 suicidi nel 2011 tra il personale militare statunitense. Nel 2010, sono stati 159. Secondo uno studio dell’esercito, il tasso di suicidi tra i soldati degli Stati Uniti è aumentato dell’80% nel periodo tra il 2004 e il 2008. Si tratta di una crisi di grandi proporzioni che han messo gli ufficiali militari americani in stato di allarme`. I vertici militari stanno lottando per trovare una risposta a questa crisi di salute mentale. Dal 2009, se si sommano I sucidi tra le truppe attive e non attive, inclusi i veterani, è più alto il numero di coloro che si sono suicidati rispetto a quelli uccisi in combattimento in Afghanistan e in Iraq. Questa crisi “di nervi” ha costretto il Congresso Americano, nel 2011, a includere una clausola finanziaria nella Legge per l’Autorizzazione della Difesa, sovvenzionando il sostegno a programmi sull’igiene mentale per i militari e i  reduci delle guerre.

Non importa quale siano le soluzioni e quanti soldi i politici americani sono disposti a spendere per affrontare la crisi depressiva, molti ostacoli devono essere rimossi prima di vedere un significativo miglioramento.  Alcuni sostengono, che siccome la dimensione dell’esercito è in fase di riduzione e le guerre in Iraq e in Afghanistan stanno giungendo al termine, il numero di suicidi e dei problemi che affliggono le forze armate americane sono destinate a diminuire. Ma, per altri questa teoria non regge perché, a causa dei tagli e susseguente allontanamento dall’esercito, molti di questi soldati, si troverebbero a contemplare l’abisso, il vuoto, perché per molti di loro il mondo militare è l’unico che conoscono e in cui si identificano. Questi orfani della vita militare potrebbero aggiungersi alla lunga lista di persone con patologie mentali. Anche se fosse vero che il numero di suicidi e problemi mentali sarà destinato a diminuire, giusto per forza di inerzia, il rapporto tra problemi mentali e numero di personale rimarrà alto. Questo perché l’esercito è il riflesso di una società civile che si trova ad affrontare molti degli stessi problemi che affliggono  i militari.

I suicidi sono i risultati estremi di uno stato di declino mentale presente ed evidente tra il personale militare. Le statistiche ci dicono che oltre 110.000 persone in servizio attivo fanno uso di farmaci antidepressivi. Farmaci come Zoloft, Klonopin e Quetiapina sono comunemente prescritti dai medici militari ai soldati per trattare una vasta gamma di condizioni psicologiche. I medici militari affermano che questi farmaci stanno aiutando a prevenire i suicidi e sono anche necessari per mandare i soldati in combattimento in stato completamente funzionale. C’è qualcosa di illogico in queste dichiarazioni. Se è vero che questi farmaci aiutano a ridurre il numero dei suicidi fra i militari americani, dati gli alti tassi di suicidi tra i militari, non riesco a immaginare quello che sarebbe il numero dei suicidi senza questi farmaci. D’altro canto se è vero che questi farmaci prevengono il suicidio, allora è scioccante sapere che tra poco più di 1,400,000 di personale attivo, 110.000 di questi ha bisogno di un numero costante di pillole per funzionare in qualche modo normale. Scommetto con sicurezza che se 110,00 è il numero ufficiale di individui dipendenti da farmaci anti-depressivi, quello reale, di personale militare dipendente da questi psicofarmaci non registrato, è almeno due volte tanto, semplicemente perché non trattati come malattie mentali o non segnalati, inoltre perché ci sono molti I militari che nemmeno sanno di soffrire di malattie mentali, non essendone neppure consapevoli di essere in una difficile situazione di patologia mentale. C’è sempre un certo machismo associato con il far parte del mondo militare, machismo che tende a mascherare le debolezze umane che io stesso, come appartenente prima al mondo militare e poi a quello delle forze dell’ordine, ho sperimentato e continuo a sperimentare.

Molti di questi farmaci portano a effetti collaterali  pericolosi, con tanto di etichette sulle scatole messe dai produttori. Lo stesso farmaco che si suppone per il trattamento di condizioni mentali può causare effetti collaterali mortali come il suicidio e comportamento aggressivo. Disturbi psichiatrici e dipendenza da questi psicofarmaci non sono le uniche cose che devono preoccupare il Dipartimento della Difesa Americano. Molti di questi farmaci sono presi insieme o in combinazione con altri farmaci come antidolorifici, droghe pesanti  o leggere come ”l’innocente” marijuana ed altri oppiacei, associati in molti casi con il consumo eccessivo di alcol. Il risultato è un cocktail pericoloso di medicinali, droghe e alcol, che ha causato non solo il crescente numero di suicidi, ma anche l’incremento della violenza domestica, che è aumentata del 54% tra il periodo tra il 2006-2011. C’è tutta la ricetta per partorire più di un sergente Bale. Una guerra di nervi senza precedenti nella storia dell’esercito Americano dalla fine della seconda guerra mondiale. Militari già attivi e inattivi che combattono o hanno combattuto non solo lo stress della guerra legato ai vari talebani e terroristi, ma anche ansia, depressione, abuso di sostanze stupefacenti, post-traumi da stress, ecc, insomma un esercito di zombie si aggira per le strade del mondo pronto ad annientare le loro vite o quelle di persone innocenti, come estranei o familiari.

Questi soldati sono il riflesso di una società decadente, che si trova alla fine del suo corso naturale, una società che non ha più nulla da offrire se non illogiche guerre condotte da eserciti fantasma.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Blues e dintorni, con Paolo Bonfanti

    Blues dintorni, Paolo Bonfanti

    Riprendono gli appuntamenti della rassegna “Books & Blues” organizzata dalla Libreria “Il Labirinto” di Casale Monferrato via B. Sangiorgio 4 (tel.... Leggere il seguito

    Da  Lapulceonline
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • I Blues Brothers in concerto dal “Don”

    Blues Brothers concerto “Don”

    TRibuto ai mitici fratelli del blues, al circolo Acli “Al Don” di San Giuliano Nuovo (Alessandria). Sabato 31 marzo si esibirà The Blues Brothers Tribute Band... Leggere il seguito

    Da  Lapulceonline
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Malpensa blues…

    Malpensa blues…

    di Valentina Redaelli Diario: Anno XIV – numero 11 – Settembre 2009 L’ultima frontiera della crisi di Malpensa ha la faccia triste di Case Nuove, frazione di... Leggere il seguito

    Da  Gianpaolotorres
    ATTUALITÀ, INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Bob Kaufman – Blues dell’acqua pesante

    La radio insegna il jujitsu al mio pesce rosso Sono innamorato di una pescatrice-sub che vive sott’acqua, I miei vicini sono linguisti ubriachi e io parlo... Leggere il seguito

    Da  Carusopascoski
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • These lovesick blues

    Lei prende il suo cuore e lo incastra nella porta; lui è solo un burattino ingrovigliato tra i suoi fili. Lei lo tratta come un soldatino e lui fa tutto ciò... Leggere il seguito

    Da  Anima_salva
    SOCIETÀ
  • La Notte del Blues

    Notte Blues

    artedì 14 Agosto 2012 in Piazza Italia a Pontremoli alle ore 21.00 Magra Blues Band in concerto. Voce: Tiziano Feci Chitarra: Giuliano Angella Chitarra: Enzo... Leggere il seguito

    Da  Fantanet
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Baby Blues di Alina Marazzi

    Baby Blues Alina Marazzi

    In Largo Saluzzo at San Salvario, fascinating neighbourhood in Torino, they are now playing Baby Blues by Alina Marazzi with Charlotte Rampling (sit on the benc... Leggere il seguito

    Da  Ikol22
    FOTOGRAFIA, LIFESTYLE, TALENTI