Magazine Informatica

Modificare ebook con Calibre

Creato il 20 febbraio 2015 da Hnikarr
Calibre è un programma gratuito e libero, già famoso come strumento per la conversione e in generale la gestione degli ebook, tanto da essere stato etichettato in più occasioni come lo iTunes degli ebook. Che questo sia da intendersi come un complimento o un insulto è aperto alla vostre interpretazioni e mi asterrò dal proporvi la mia, che propende per al seconda.
Etichette a parte, Calibre è usato soprattutto per convertire un ebook da un formato all’altro, nonché per fungere da biblioteca virtuale e, se si vuole, anche per trasferire testi dal computer a un qualsiasi lettore esterno, e viceversa. Le sue funzioni, però, non si esauriscono qui. Tra quelle introdotte più di recente (anche se quanto di recente dipende dall’ultima volta che lo avete aggiornato: non è che sia proprio una novità dell’ultima ora, ecco) vi è la possibilità di modificare ebook. Alcuni formati di ebook. E per “modificare” non intendo solo convertirli, ma proprio editarne il contenuto, come si può fare con un qualsiasi documento all’interno di un elaboratore di testi come Word o Writer.
La modifica di ebook all’interno di Calibre è disponibile soltanto per due formati, che sono poi anche quelli che ha più senso modificare con questo programma: EPUB e AZW3. Il primo formato dovrebbe essere noto a tutti ed è quello utilizzato dalla maggior parte dei dispositivi di lettura che non siano il Kindle. Il formato AZW3, invece, potrebbe suonare più esotico a molti, ma di fatto è una versione riveduta e corretta del MOBI, ossia il formato base per il suddetto Kindle.
La nuova funzione di modifica la trovate facilmente nella barra degli strumenti di Calibre ed è la penultima voce in fondo a destra:
Modificare ebook con CalibreSelezionate lo ebook da modificare, cliccate sulla icona e si aprirà la finestra di modifica:
Modificare ebook con CalibreCome potete vedere, non è poi molto diversa da quella di Sigil o da quella di un qualsiasi altro elaboratore id testi ridotto all’osso o quasi. Non aspettatevi funzioni speciali o particolari, dunque: è uno strumento che vi permette di modificare il codice di uno ebook, ma senza campanelli e lucine colorate. Almeno per adesso, poi in futuro si vedrà.
Non so quanti di voi lo vorranno usare per modificare un file EPUB, dato che Sigil permette già di fare la stessa cosa e in modo più completo (ebbene sì, è ancora più spartano ed essenziale di Sigil, che lo crediate oppure no), ma può essere utile per modifiche rapide e immediate, senza bisogno di uscire dal programma che state utilizzando. Ammesso che il programma che state utilizzando sia Calibre, ovviamente. Molto più interessante, invece, è la possibilità di modificare ebook per il Kindle.
Come ho detto, il secondo formato che potete modificare utilizzando questo strumento è lo AZW3. Il formato AZW3, anche se non proprio del tutto, è quasi completamente identico al MOBI. Da un certo punto di vista. Da un altro punto di vista è un MOBI arricchito, per permette di andare al di là di una grafica in bianco e nero e striminzita, che è la sola grafica concessa dal MOBI. Funziona col Kindle e la conversione dal MOBI è quasi indolore: molto spesso non si nota neppure la differenza, almeno sul piano grafico.
Cosa significa tutto questo? Significa che, se volete modificare uno ebook in formato MOBI, lo potete convertire prima in AZW3 e poi modificare all’interno di Calibre. Il che è più o meno come convertirlo in EPUB e poi modificarlo, d’accordo, ma la distanza tra i due formati è minore e molto probabilmente non avrete bisogno di una seconda conversione a lavori ultimati, per poter leggere il risultato sul vostro Kindle, dato che il Kindle apre senza problemi il formato AZW3. A meno che il vostro Kindle non sia alquanto datato, nel qual caso potrebbero anche esserci problemi.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog