Magazine Cultura

MONOLOGHI a TEATRO – L’invenzione della solitudine di Paul Auster

Creato il 13 aprile 2014 da Masedomani @ma_se_domani

Casualmente, qualche settimana fa, una congiunzione astrale ha fatto concentrare parte della redazione di MaSeDomani sullo stesso autore: Paul Auster. Alfonso ha ultimato l’eBook gratuito che riunisce le sue recensioni; Vissia una notte è inciampata (letteralmente!) sulla “Trilogia di New York” e non ha potuto fare a meno di attendere il sorgere del sole leggendo il primo racconto; e io da mesi ero in possesso di un biglietto per vedere a teatro la trasposizione de “L’invenzione della solitudine” con il noto attore Giuseppe Battiston. Infine, il fatidico giorno è arrivato e tra poco vi racconterò com’è andata col monologo, prima però facciamo un passo indietro.

l'invenzione della solitudine_copertina libro ed. EINAUDI
Per coloro che non lo ricordassero, “L’invenzione della solitudine” è uno dei libri più intimi dell’autore americano, scritto in occasione della reale improvvisa perdita del padre, evento cui non si è mai pronti e che ha scoperto ferite profonde riverberandosi nella sua scrittura. L’opera è autobiografica, introspettiva, scava nella memoria lasciando affiorare emozioni, è bifronte (nella prima parte parla Paul-il figlio, nella seconda Paul-il padre) e si tiene ben lontana dalla classica saga familiare.

”L’invenzione della solitudine” cui ho assistito a teatro è impeccabile.

La messa in scena, è lucida e tagliente, coi suoi giochi di vetri / specchi / ricordi.

Giuseppe Battiston, attore che io ricordo in certi esilaranti camei per la TV (il dr. Freiss, specialista dei casi più improbabili) o in certi film impegnati (uno su tutti, “La bestia nel cuore”), è anch’egli impeccabile nel sondare l’animo umano del bambino e dell’uomo, nel proiettarsi attraverso le sconfitte dell’uno e le assenze dell’altro, in un affresco credibile e angosciante della realtà impalpabile di molte famiglie.

L’interprete rivanga ricordi, scene, episodi, e nel contempo sposta gli oggetti appartenuti al defunto… l’efficacia che coniuga il gesto alla parola è stringente, i rari silenzi assordano.

Un’ottima pièce teatrale, quindi, se parliamo in senso oggettivo.

MONOLOGHI a TEATRO – L’invenzione della solitudine di Paul Auster

Giuseppe Battiston in “L’invenzione della solitudine”

Ma!? Ma a me non è piaciuta, né poco né tanto, e devo dire che ho fatto veramente fatica a calarmi nei panni del personaggio per quasi tutta la durata della performance.

Sarà che vengo da una famiglia in cui gli uomini sono emotivi, un po’ dionisiaci e “femminili” nel senso passionale del termine… certamente non uomini distanti, ecco, e mi è mancato quindi il background psicologico per calarmi nella realtà rappresentata, e ne sono consapevole.

Però, attribuendo questa pecca a me stessa, resto comunque dell’opinione che, quando il monologo frequenta un po’ troppo a lungo la sfera dell’intimismo, o risulta davvero dirompente, in grado di suscitare empatia anche in chi proviene da vissuti diversi, oppure rischia di restare lettera morta per parte della platea.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Caos al Teatro lirico

    Caos Teatro lirico

    CAOS LIRICO. Dopo la sentenza Crivellenti i lavoratori temono tagli ai fondi L’avvocato Pubusa attacca, il sindaco non replica (v. Leggere il seguito

    Da  Nonzittitelarte
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • “Invisibili” al Teatro Laboratorio

    Posted on nov 22, 2013 Teatro Laboratorio sabato 23 novembre ore 21.00 – domenica 24 novembre ore 16.30 INVISIBILI il viaggio dei migranti africani di e con... Leggere il seguito

    Da  Dismappa
    CULTURA, INFORMAZIONE REGIONALE, PALCOSCENICO
  • Teatro dell’Opera: proteste

    Teatro dell’Opera: proteste

    Concerto-protesta dei lavoratori dell’opera, ancora incerta la prima di “Ernani” Un concerto improvvisato degli ottoni dell’orchestra e del coro del Teatro... Leggere il seguito

    Da  Nonzittitelarte
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Rapture-Palooza - Paul Middleditch

    Rapture-Palooza Paul Middleditch

    Non credo che Rapture-Palooza sia tratto da una storia vera come ci annuncia il cartello a inizio film ma se l'Apocalisse dovesse essere effettivamente così... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Paul Schrader: The Canyons

    Paul Schrader: Canyons

    The Canyons (Usa 2013, 104 min., col., thriller) A quanto pare The Canyons, il nuovo film di Paul Schrader, o si ama o si odia. Leggere il seguito

    Da  I Cineuforici
    CINEMA, CULTURA
  • Paul Walker (1973 - 2013)

    Paul Walker (1973 2013)

    So long, Mr. Fast furious.MrFord"Scusa, che diavolo è quella roba? Che cosa mi hai portato?""Questa è la tua macchina!""La mia macchina? Ho detto un quarto di... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Addio a Paul Walker

    Addio Paul Walker

    Paul Walker (Movieplayer)E’ morto ieri pomeriggio, sabato 30 novembre, a Valencia, California, in seguito ad un incidente stradale, l’attore Paul Walker, noto... Leggere il seguito

    Da  Af68
    CINEMA, CULTURA