Magazine Talenti

Monologo al di sopra dei massimi sistemi

Da Bebbo
Monologo al di sopra dei massimi sistemi
Quando entrai in casa c’era un silenzio appena smosso dal brusio dei pochi presenti alla cena.La casa era accogliente e aveva un giardino, Giulia aveva sistemato fuori dei tavolini ed un gazebo, vicino il barbecue.Le do il vino e le consiglio di metterlo in frigo, lei ringrazia e mi invita a raggiungere gli altri fuori.Ci sono degli ulivi, ed i fiori intorno alle siepi di alloro sono molto curati, l’erba è tagliata molto corta, stile inglese e ci sono molti gerani. C’è anche una pianta di rosmarino, amo il rosmarino.Mentre mi presento, scordando di colpo il nome di chi ho davanti ogni volta, vengo rapito da una figura femminile, che in realtà è un uomo, per la scelta forzata delle sue scarpe rosse, che sono la ciliegina del suo abbigliamento.Ad occhio e croce siamo una dozzina. Ci sono diverse donne, che in realtà sono uomini, e diversi uomini, che in realtà sono donne, gli unici ad essere quello che abbiamo in mezzo alle gambe siamo io e la mia amica, che è un’amica della padrona di casa, il che spiega la mia presenza alla cena di compleanno di Giulia.Ci servono da bere, l’uomo (donna) di Giulia fa da maggiordomo(a), scelgo del vino bianco, lo accompagno con delle bruschette al pomodoro, troppo aglio (odio l’aglio, forse è l’unica cosa che non mangio).Iniziano le domande.“A Roberto piace fare le fotografie”  la gente spesso ha questo modo elegante di denigrare quello che fai che loro non fanno, spesso perché non sanno fare.“Ah, ma che bravo” dice uno/a“Lo dici sulla fiducia o hai visto qualche foto?” rispondo,“No vabbè, è perché la fotografia è una bella cosa, non da tutti”“Anche sterminare ebrei non è da tutti, non per questo credo che Hitler sia stato bravo, almeno da un punto di vista etico, ma grazie per la fiducia” sorrido, mi accorgo a fine frase di essere stato un po’ drastico, ma lei la prende bene.“Cosa ti piace fotografare?” dice un altro,“Difficile a dirsi sai, potrei fare la figura del filosofo che non sono ma se vuoi una risposta sincera te lo dico. Ricerco la verità, provando a renderle il massimo dell’ estetica. La verità è nell’arte e nella bellezza e spesso le trovo entrambe nella natura.”“Che bello, bravo, adoro i paesaggi!” (non ha capito)L’intervista continua, e cercando di non essere scortese continuo a rispondere, ma prima che mi annoi trovo una via d’uscita nell’osservare le manie dei presenti.Non è che sia scortese o presuntuoso, è questa voglia di apparire interessati e amichevoli a tutti i costi che mi abbrutisce un po’, come a volermi far sentire a mio agio per forza, cosa assolutamente possibile con un po’ di silenzio, comunque…Il tipo/a accanto a me ha l’ossessione delle mani, tra una domanda ed una risposta se le guarda di continuo, passa le dita sulle pellicine, controlla lo smalto, si assicura che siano come vuole.Più giù, un altro/a si aggiusta di continuo i pantaloni, ha le gambe accavallate e controlla che il risvolto non si incastri sulle scarpe (lucidate a dovere), con le mani afferra un lato dei pantaloni per far scendere a dovere la stiratura sul cuoio nero.Ma è il terzo personaggio su cui mi concentro di più.Ha una camicia, i rpimi due bottoni sono slacciati per far notare il suo ciondolo. Una collana d’argento, molto bella, tiene al collo una pietra blu, molto particolare, con delle iniziali che non leggo.Si sistema con le mani la pietra di continuo, in modo che stia sempre al centro della camicia per renderla il più visibile possibile.Non  trascura neanche il suo orologio, che con fare da maestro porta sempre il quadrante al centro del polso.Gli vorrei chiedere delle iniziali, ma poi avrei dato scopo alla sua serata e di colpo perdo interesse.Mangiamo, carne alla brace e patate al forno con delle verdure, davvero buone, faccio i complimenti alla cuoca/o e mi riverso da bere, rischio l’assenteismo, ma ne sono consapevole e me ne fotto.La serata continua, gli esperti di bondage iniziano a legare altri amanti di bondage e tutti sono attenti a seguire quel che segue (uno/a lega con le corde uno/a).Cristo, cosa cazzo ci faccio qui, sorrido, e mi riverso da bere.Dopo aver appurato che non ci sia neanche un culo degno di scopata, entro nel limbo, come una mia vecchia cara amica, nel limbo si sta bene, a volte.Cammino in un prato verso sera, la luce è calda e si respira una gran pace.Ho con me una bottiglia di genepi, il mio genepi.Lo agito, in modo da far rimescolare la posa al liquore.Il grido di un falco riecheggia nella valle.Apro la bottiglia e la porto al naso, il suo profumo forte mi entra nei polmoni infuocando il torace, mi sento a casa.Inclino la bottiglia e lascio cadere un po’ di liquore tra i fili d’erba.Il primo goccio è per la terra.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Drink story 2 (monologo)

    Drink story (monologo)

    Negli anni 90 Federico Salvatore scrisse alcuni monologhi molto carini utilizzando marchi e nomi famosi, io nel mio piccolo feci lo stesso scrivendo questo test... Leggere il seguito

    Da  Marimoreno
    TALENTI
  • Monologo sul millennio - terzo quarto [gianbarly]

    Monologo millennio terzo quarto [gianbarly]

    Unberto Boccioni - Carica di lancieriCome dice? Che non le pare? Che il potere è ancora tutto nelle mani dei maschi? Che le istituzioni, i partiti, la politica... Leggere il seguito

    Da  Gianbarly
    TALENTI
  • Monologo sul Millennio - ultimo quarto [gianbarly]

    Monologo Millennio ultimo quarto [gianbarly]

    G. De ChiricoLe muse inquietantiPerò … però, ecco, io vi sto parlando da un bel po’ di tempo, ormai. Vi ho portato degli argomenti, ho cercato con ogni mezzo... Leggere il seguito

    Da  Gianbarly
    TALENTI
  • Il monologo dell' egoista

    Io, un tempo consapevole.. Sicura e decisa Forte e inflessibile Sognatrice distratta, lottatrice confusa ma fiera.. Belle speranze, tanti ideali Una strada…... Leggere il seguito

    Da  All_aria
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Monologo sul Calcio e sulla Vita

    Il calcio ha significato troppo per me e continua a significare troppe cose, dopo un po’ ti si mescola tutto in testa e non riesci più a capire se la vita è... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • È ritornato maggio!

    ritornato maggio!

    Il sambuco è di nuovo fiorito e colora le siepi di sempre, mentre sui cigli e nei fossi prepotenti, se pur delicati, papaveri la fan’ da padroni. Leggere il seguito

    Da  Guidocomin
    POESIE, TALENTI
  • Avengers - Age of Ultron

    Avengers Ultron

    Il nuovo episodio degli Avengers è un film sull'amore e sull'evoluzione.É un film buono anche per i fans di Martone, dunque.La parte iniziale che assomiglia all... Leggere il seguito

    Da  Stefano Borzumato
    DIARIO PERSONALE, SOCIETÀ, TALENTI

A proposito dell'autore


Bebbo 8 condivisioni Vedi il suo profilo
Vedi il suo blog

L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo

I suoi ultimi articoli

Vedi tutti

Dossier Paperblog

Magazine