Magazine Informazione regionale

Musica – Parla umbro il nuovo disco de la “Riserva Moac”

Creato il 05 novembre 2015 da Goodmorningumbria @goodmrnngumbria
Salia

Salia

Il Cantante africano Salia di Marsciano partecipa al disco :”Vorrei aprire un Centro di educazione Motoria in Burkina Faso”
La musica che comunica, unisce, aiuta, quella che accomuna razze e culture diverse per arrivare ad una svolta sonora “glocal”. È uscito in questi giorni il nuovo disco della Riserva Moac dal titolo “Babilonia” realizzato nel Sound Studio di Città di Castello di Alberto Brizzi con la professionalità di Marco Capaccioni (recording mix). Un disco che parla umbro in molte sue parti a partire dalla partecipazione del cantante africano, da anni ormai marscianese, Salia conosciuto in tutta la regione per i suoi studi sportivi (laurea magistrale in scienze motorie) che lo hanno portato a diventare un noto preparatore atletico. Oggi il percorso di Salia guarda anche alle sue radici africane, in particolare il Burkina Faso paese tra i più poveri dell’Africa. Nella terrà dove è nato Salia lo sviluppo economico è frenato dal clima, che alterna stagioni secche a stagioni umide. L’analfabetismo è diffuso (71% della popolazione) per questo la grande ambizione di Salia è quella di aprire un Centro di Educazione Motoria e Culturale in quella terra lontana del mondo: “I miei studi e la mia musica vanno verso questo progetto – spiega Salia – le collaborazione con la “Riserva Moac”, che durano da 10 anni, mi hanno dato notorietà. Con la vendita del mio primo disco WINAM RABO ho sostenuto Medici Senza Frontiere. Ora sto lanciando un nuovo album, sempre da solista, di 12 brani. Sto cercando una etichetta che riesca a produrre su larga scala questo secondo disco. Il ricavato andrà per la realizzazione di un Centro di Educazione motoria in Burkina Faso. Lì c’è bisogno di speranza e chi è nato in questi luoghi non può dimenticarli, anche dalle colline della bella Umbria in cui vivo l’Africa resta in me, nei miei cappelli rasta, nella mia pelle scura e nella mia mente di bambino nato in Burkina Faso, pronto ad aiutare le nuove generazioni”.

Donatella Binaglia

in collaborazione con www.umbriaecultura.it



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Musica, poesia, pittura.

    Musica, poesia, pittura.

    Pare che Johann Wolfgang von Goethe abbia detto che si dovrebbe, almeno ogni giorno, ascoltare qualche canzone, vedere un bel quadro, leggere una bella poesia e... Leggere il seguito

    Da  Gianna
    SOCIETÀ
  • la musica, la gente

    Una delle ragioni per cui non cambierei mai la mia data di nascita con quella di nessun altro è perché sono cresciuto ai tempi in cui la musica spostava le mass... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ
  • Musica e lotte forever.

    Musica lotte forever.

    Il primo Maggio a Taranto si fa un concerto,  uno che dovrebbe aprire i cuori alla gente sul problema dell’inquinamento. link... Leggere il seguito

    Da  Lucaralla
    SOCIETÀ
  • Musica maledetta, maledetta musica

    Musica maledetta, maledetta musica

    Molto spesso si è parlato di film maledetti, ovvero quei film a cui è legata una qualche maledizione che si è riflessa poi su quei professionisti che a quei fil... Leggere il seguito

    Da  Frank_romantico
    CINEMA, CULTURA
  • “Non parla”

    “Non parla”

    ...Avete ragione, madri preoccupate di bimbi che mostrano ritardi apparenti: aspettate con fiducia. Perché essere preoccupate, allora? Perché cercate conferme... Leggere il seguito

    Da  Maddalena_pr
    DIARIO PERSONALE, MATERNITÀ, PER LEI
  • Un po’ di musica.

    musica.

    Rientro in casa e le stanze mi sembrano sempre più vuote, vuote e silenziose, avvolte nella leggera penombra delle tapparelle quasi completamente abbassate per... Leggere il seguito

    Da  Scurapina
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, SCUOLA