Magazine Attualità

Mu(sick): musica, parole e #stereotipi di #genere

Creato il 21 agosto 2014 da Femina_versi @MicaelaTweets

Mi sono imbattuta in questo video reppato (e scritto) da questa graziosa fanciulla inglese, testo che pone l'attenzione sulle parole che spesso accompagnano anche la buona musica, o la musica che siamo abituati ad ascoltare senza prestare molta attenzione e che esprimono contenuti sempre più denigranti ed oggettivanti nei confronti del corpo femminile.

Basti come esempio il video di Robin Thicke, Blurred Lines, che ci ha ammorbato per mesi con un'immagine del femminile a dir poco disgustosa per quanto venga umiliata e resa mero oggetto (stupido) tra le mani di presunti uomini virili.

Qui la nostra Madiha Bhatti pone delle serie questioni e ci racconta come lei e noi, donne - ragazze e bambine che subiamo i media, possiamo vivere una rappresentazione così distorta del nostro essere.

Ma anche come la comunicazione oggettivante insegni ai maschi di ogni età ad utilizzarci per il loro piacere senza porsi alcun problema a nessun livello.

Ma noi tutte/i

possiamo alzare il volume, ma abbassare il rumore
smettere di inquinare le menti dei nostri uomini e dei nostri ragazzi
con tutta la maleducata misoginia e l'insipida omogeneità
di rime e ritmi così rozzi e obsoleti
perché nostre orecchie stanno sanguinando a causa di tutti questi codardi.
Il tempo è nostro, siamo pronte a divorare
testi che ci fanno sentire che non abbiamo potere.

Segue una mia traduzione (maccheronica) in italiano, poi l'originale in inglese: se riscontrate errori siete pregati di contattarmi nei commenti o su [email protected] e provvederò alle correzioni.

Se volete vedere il video e la pagina originale guardate QUI

(traduzione in italiano, segue originale in inglese)

(ritornello)
Sto dicendo
possiamo alzare il volume, ma abbassare il rumore,
smettere di inquinare le menti dei nostri uomini e dei nostri ragazzi
con tutta la maleducata misoginia e l'insipida omogeneità
di rime e ritmi così rozzi e obsoleti
perché nostre orecchie stanno sanguinando a causa di tutti questi codardi.
Il tempo è nostro, siamo pronte a divorare
testi che ci fanno sentire che non abbiamo potere.

E' drammatico; forse la mia pelle dovrebbe essere più dura
ma considerate la storia delle donne di colore
mai valutate come mogli o sorelle o madri
ma usate dagli uomini come amanti riluttanti.
Quando si pensa agli schiavi che sono stati utilizzati come strumenti
ti rendi conto che la società sta progredendo ma a piccoli passi.
Provate a immaginare i corpi coperti da strisce di frustate
e ditemi che invece va bene quando le donne nere sono vestite in pelli di animali:
tutte quelle donne che hanno pagato con i loro corpi per sopravvivere
200 anni dopo sono ritratte come il sesso-folle e depravato.
Vi prego perdonatemi se penso che la musica abbia bisogno di essere rianimata.

(Coro)
Voglio dire, possiamo alzare il volume ...

Ma quando un uomo ama una donna che non lo corrisponde
cosa succede se il suo primo istinto è quello di attaccare?
Ha i testi e un sangue martellante nelle orecchie.
E una donna inerme affronta le sue peggiori paure.
viene schiaffeggiata, scossa, battuta, fatta a pezzi
contro ogni probabilità i suoi (di lui) morsi sono così cattivi come il suo latrare,
ti procura il tipo di dolore che lascia il segno,
e prima di andarsene si volta a dire la sua parola d'addio.
È sulla punta della sua lingua, esce non farfugliata,
potrebbe esser lasciata non detta se fosse stata lasciata inascoltata
ma il suo stato è programmato:
mentre la sua bocca si riempie di veleno e lui sputa fuori:
cagna!

Che cosa può fare lei, per alleviare la sua lotta?
Ogni canzone alla radio è la colonna sonora alla sua vita.

Così possiamo alzare il volume ...

So che è una montagna ripida da scalare,
può richiedere un po' di tempo, ma fino a quel momento
penso che preferirei solo sputare le mie rime

Madiha Bhatti è Biologa e ha la specializzazione negli Studi Di Genere e sulle Donne. Desidera una carriera in medicina, con particolare attenzione alla salute delle donne.

--

(Chorus)
I'm saying
Can we turn up the volume, but turn down the noise
Stop polluting the minds of our men and our boys
With all the rude misogyny and bland homogeny
Of rhymes and beats so crude and obsolete
Cuz our ears are bleeding from all these cowards
The time is ours, We are ready to devour
lyrics that make us feel empowered

And it sounds dramatic; maybe my skin should be tougher
But consider the history of women of color
Not valued as wives, or sisters or mothers
But used by men as unwilling lovers
When you think of the slaves who were used like instruments
You realize that society is progressing by mere increments
Just imagine the bodies covered in raw welts
And tell me it's okay when black women are dressed in animal pelts
All those women who paid with their bodies to survive
200 years later are portrayed as sex-crazed and deprived
Please forgive me if I think music needs to be revived

(Chorus)
I mean
Can we turn up the volume, but turn down the noise
Stop polluting the minds of our men and our boys
With all the rude misogyny and bland homogeny
Of rhymes and beats so crude and obsolete
Cuz our ears are bleeding from all these cowards
The time is ours, We are ready to devour
Lyrics that make us feel empowered

But when a man loves a woman who won't love him back
What if his first instinct is to attack
He's got lyrics and blood pounding in his ears
And a helpless women faces her worst fears
She's smacked, shaken, beaten, torn apart
Against all odds his bites as bad as his bark
He causes the kind of pain that leaves a mark
And before he leaves he turns to say his parting word
It's on the tip of his tongue, comes out unslurred
Might have been left unsaid if it had been left unheard
But its been programmed he doesn't twich
As his mouth fills with venom and he spits out
Bitch

What can she do, to ease her strife?
Every song on the radio is the soundtrack to her life

So can we turn up the volume, but turn down the noise
Stop polluting the minds of our men and our boys
With all the rude misogyny and bland homogeny
Of rhymes and beats so crude and obsolete
Cuz our ears are bleeding from all these cowards
The time is ours, We are ready to devour
Lyrics that make us feel empowered
I know it's a steep mountain to climb,
It might take a while, but until that time
I think I'd rather just spit my own rhymes


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines