Magazine Cultura

New entry in my library (44)

Creato il 05 settembre 2013 da Clody
New entry in my library (44)
Benvenuti ad una nuova puntata di New entry in my library, rubrica ideata dalla mia cara Sara del blog www.mycaffeletterario.blogspot.it
Rubrica che ha lo scopo di tenervi aggiornati sui nuovi libri che acquisto, che ricevo dalle case editrici o che mi vengono regalati.
Per questo libro (uscito da pochissimi giorni) ringrazio di cuore la scrittrice Paola Calvetti [della quale ho già recensito Olivia ovvero la lista dei sogni possibili], che con mia grande sorpresa mi ha inviato questo suo ultimo lavoro!
Sembra una storia davvero interessante no? Con molti personaggi promettenti e uno scenario suggestivo.
Non vedo l'ora di leggerlo ^_^
New entry in my library (44)
Titolo: Parlo d'amor con me. Vita e musica tra le mura di Casa Verdi.Autrice: Paola Calvetti

 Editore: Mondadori  Anno di pubblicazione: 2013 Pagine: 126Formato: Brossura Genere: Narrativa italiana contemporanea
Prezzo di copertina: €10.00

TRAMA
"Delle mie opere, quella che mi piace di più è la Casa che ho fatto costruire a Milano per accogliervi i vecchi artisti di canto non favoriti dalla fortuna, o che non possedettero da giovani la virtù del risparmio": così scrive Giuseppe Verdi in una lettera. Unica al mondo nel suo genere, la casa di riposo voluta dal grande Maestro - che le destinò la propria eredità - aprì i battenti nel 1902: oggi tutti a Milano sanno dove si trova Casa Verdi, tra le cui mura austere e accoglienti vivono decine di musicisti anziani e non solo. E' in questa Casa speciale che Paola Calvetti sceglie di immaginare la vita di Ada, eccentrica cameriera che cova un sogno nel cuore: un personaggio "emarginato" e struggente, come Rigoletto, come Violetta, come tanti altri che Verdi rese immortali nelle sue opere. Muovendosi in punta di piedi, Ada conosce tutti gli ospiti e di tutti "colleziona" le vite ardenti. Piera, che muove ancora con grazia le mani sul pianoforte, Kimiko, soprano giapponese, Luisa, la famosa Annina che cantò nella "Traviata" insieme a Maria Callas, Ferro, il violinista gentiluomo che in gioventù spezzò decine di cuori, e gli altri si preparano con trepidazione a una grande festa, e intanto lasciano riaffiorare le proprie passioni non sopite. Come la musica, che non teme il tempo, come l'amore, che può (ri)nascere anche tra le pareti di Casa Verdi... 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines