Magazine Atletica

New York giorno 5 (the day after)

Creato il 09 novembre 2010 da Ironfrankie
Il giorno dopo e' il giorno piu' bello. Anche se l'acido latttico inchioda le gambe, girare per New york con la medaglia al collo e' un'emozione unica: mi avevano detto (ed io ero scettico, in verita') che tutti ti fanno i complimenti, si congratulano, vogliono vedere la medaglia, toccarla, perfino indossarla!... Proprio un altro mondo (provate ad andare in giro per Roma il giorno dopo la maratona...)
Cosi', con il fuso europeo alle 7 e mezzo siamo a fare colazione. In hotel, a buffet a 30 dollari, stavolta. Mangio di tutto. uova strapazzate con bacon e salsiccione, porridge con marple syrop, raisin e brown sugar (la pappetta di fiocchi d'avena con lo sciroppo di acero uvetta e zucchero di canna), un paio di briosche, fetta di pane (integrale) con il philadelfia. Ancora un po' e scoppio.
Decidiamo, visto che le gambe non sono troppo massacrate e nonostante un gran freddo che grazie al vento entra dritto dritto nelle ossa, di andare sulla 5a strada: prima tappa del post maratona, uno dei templi del vestire: Abercrombie & Fish. Una fila chilometrica ci si para davanti. Domani, con molti italiani ripartiti ci sara' meno fila, e quindi puntiamo a sud, all'altro tempio del vestire: Hollister Co. Ci facciamo 4 km di Broadway ed entriamo anche da Pendragon (suggerimento ottimo di Gianni): Carla si compra il primo paio di scarpe serie: le Saucony Triumph 8, perche' oramai le Jazz sono da tapasciona. Gia' che c'e' si prende anche due super fashion calzoncini Nike per correre.
Finalmente giungiamo al negozio di Hollister (sulla Houston) e la vista di palestrati giovinotti a torso nudo (dentro al negozio ci sono comunque 30 gradi) fa un certo effetto (anche a Carla), mentre le ragazze (ahime'!) non sono niente di che. In questo negozio (come Abercrombie e Ruhel) si fa di tutto per mettere a disagio l'acquirente: caldo, buio, musica a manetta (come in discoteca), nessun cestino per portare la roba (non si puo' neanche lasciarla in cassa), appoggio o aiuto, massimo 5 capi in prova e dunque, tutto in mano: l'unico vantaggio (vero) e' che la roba costa veramente poco. Cosi' compro 3 boxer, una camicia in panno ed una maglia manica lunga: 92 dollari (67 euro, in cassa puoi pure scegliere la valuta) in tutto!
Ritorniamo, sempre congelati e sferzati da un vento incredibile in hotel, ed in effetti la colazione (solo un Frappuccino a pranzo...) ha tenuto benissimo. Siamo a pezzi e decidiamo di andare praticamente di fronte, al Metro Life dove ti fanno la pasta (e l'insalata) come vuoi tu (cioe' dalla pasta precotta decidi gli ingredienti) e tutto sommato e' mangiabile. Poi una bella insalata. Mi addormento mezzo vestito che non sono neanche le 23....

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • NBA: riscatto New York, Chicago torna prima

    NBA: riscatto York, Chicago torna prima

    Solo tre gare nella notte NBA, iniziamo dai Knicks, in striscia negativa e sommersi dalle critiche per le ultime prestazioni, i ragazzi di D’Antoni scendono in... Leggere il seguito

    Da  Basketcaffe
    BASKET, SPORT
  • Leaving New York – Rem

    Leaving New York, never easy canta Michael Stipe.E come dargli torto. Mi ricordo ascoltandola ora e sempre, seduto fuori dal JFK a fumare una sigaretta in attes... Leggere il seguito

    Da  31canzoni
    CULTURA, MUSICA
  • New York Cerca un Chief Digital Officier

    York Cerca Chief Digital Officier

    Potremmo definirlo il Digital Zar della città.E' uscita una interessante offerta di lavoro per una nuova posizione di Chief Digital Officer della Grande Mela. Leggere il seguito

    Da  Robven
    INTERNET, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • New York Harbor

    York Harbor

    °La prima immagine si riferisce al modello della nave da crociera svedese "Gripsholm" ed è stata pubblicata nel 1975 sulla rivista "Allt om Hobby". Leggere il seguito

    Da  Ciompi
    CREAZIONI, HOBBY
  • New York calling...

    "Certo che fa male, quando i boccioli si rompono.Perché dovrebbe altrimenti esitare la primavera?Perché tutta la nostra bruciante nostalgiadovrebbe rimanere... Leggere il seguito

    Da  Eileen
    ITALIANI NEL MONDO
  • L'Olanda va a New York

    L'Olanda York

    Sembra un fiore, in realtà è il NY400 Dutch Pavilion un’opera di Ben Van Berkel, architetto olandese fondatore di UnStudio, per festeggiare 400 anni di... Leggere il seguito

    Da  Gio
    ARCHITETTURA E DESIGN, LIFESTYLE
  • Rosemary’s baby-Fiocco rosso a New York

    Rosemary’s baby-Fiocco rosso York

    La vicenda si svolge a New York, sul finire degli anni sessanta. Rosemary, una giovane donna appena uscita dal college e suo marito, Guy Woodhouse, attore di... Leggere il seguito

    Da  Paultemplar
    CINEMA, HORROR

Magazines