Magazine Cultura

News

Creato il 17 gennaio 2011 da Aghi

 

news carolyn jewel
My Immortal Assassin (Gennaio 2011)

“Il terzo libro della mia serie paranormale è previsto per la pubblicazione nel gennaio 2011. Nel giugno del 2011 il quarto libro, My Dangerous Pleasures, arriverà nelle librerie. Scriverò alcune storie brevi ambientate nel mondo, quindi se non lo siete ancora, inscrivetevi alla mia newsletter per sapere quando saranno disponibili”
Vedetta. È tutto quello che Spencer Grayson vuole. Christophe Menart, un uomo scuro dai poteri magici, ha distrutto la vita che amava. Lei vuole il piacere di ucciderlo, non importa il costo che avrà per lei. Se non fosse per Durian, un demonio pericolosamente sexy incaricato di mantenere in vita Christophe, ci sarebbe riuscita, ancora. Ora, lei è certa che tutte le speranze siano perdute. Ma lui ha un piano e un’offerta a cui non può resistere…
Durian ha passato la sua vita come un assassino addestrato e sanzionato. Il suo compito: far rispettare le leggi contro i demoni che danneggiano gli esseri umani. Si è sempre vantato di restare fuori dalla mischia, conducendo fuori i suoi ordini e onorando la fedeltà al suo signore della guerra, ma non essendo mai attaccato. Mai fino a Grayson, una donna coraggiosa e determinata chiaramente dotata del dono della magia. Lui la convince a giurare fedeltà a lui in modo da poterla proteggere e insegnarle a usare la sua magia per gustare la vendetta che vuole così disperatamente.
Si sono appena legati in un desiderio proibito – una passione pericolosa che mette in discussione il giuramento di fedeltà di Durian al suo signore della guerra. Quando si rifiuta di riportarla a Christophe, la sua obbedienza rischia di infiammare la guerra tumultuosa tra demoni e magekind. Possono loro – e il loro amore – sopravvivere?
Capitolo 1
1.40 a.m. Quattro giorni dopo. Palazzo di Fine Arts Rotonda, San Francisco, California
Durian teneva le braccia incrociate sul petto mentre aspettava che la donna umana arrivasse. Sembrava abbastanza simile a un magekind pronta ad avvertire, ma lui sapeva già di non avere nulla di cui preoccuparsi. Magekind, sì, ma era anche un’altra cosa. Qualcosa che non andava, e che la preoccupava più del suo dono insignificante. Com’era. Che era quasi nulla.
Questo, in sé e per sé, era notevole.
Se lui lo interpretava correttamente, e sapeva che lo faceva, era una delle parenti. Proprio come lui. Il che doveva essere quasi impossibile. Sfortunatamente per lei, non c’erano molti modi impossibile – due o tre al massimo – per qualcuno nato umano finire con la magia da parte di uno come lui.
Le sue palpebre sbatterono, ma era a conoscenza di aver visto molto prima il colore delle sue iridi. Blu ghiaccio, opportunamente freddo per quello che lei era. Aveva di nuovo gli occhi chiusi.
“Non ha senso” disse “fingere di non essere cosciente”
Lei mosse le gambe e fece una smorfia. I suoi occhi si aprirono del tutto. Lo guardò dritto con i freddi occhi blu. L’anima dietro il suo sguardo lo affascinava. “È morto?”
“No”
“Merda” Mosse l’altra gamba.
La situazione, se lei lo capisse o meno, era tanto terribile quanto poteva ottenere una come lei “L’unica ragione per cui non ti ho finita, umana, è la mia curiosità sul perché hai tentato di uccidere Christophe Menart”
Si spinse a sedere. Cambiò faccia mentre inarcava la schiena. “Che importanza ha?”
“Sì” Prese un granello di lanugine fuori dalla manica prima di riportare la sua attenzione verso di lei. Mantenne il suo sguardo, ma rimase fuori dalla sua testa. Per il momento.
“Perché?” Lei non stava cercando di usare la sua magia. Niente di ciò. Il suo avambraccio destro e una zona della sua tempia destra erano contrassegnate da un delicato segno verde che sarebbe potuto essere scambiato per dei tatuaggi, se le linee non avessero scorso sotto pelle.
“Sono curioso” disse a bassa voce “di sapere come qualcuno come te di pochi centimetri possa rendere oggi l’ultimo giorno sulla terra di Christophe. Lui di solito non è così negligente.
Sedutasi, sfrecciò indietro finché non poté appoggiarsi alla base della colonna “Centimetri, eh?” Durian non rispose e si lasciò sfuggire un soffio d’aria “Vicino se non  per un sigaro. Dannazione. Dove si trova adesso?”
“Non sono libero di divulgare tali informazioni” Sapere che Menart era là fuori e incazzato non aveva fatto molto per migliorare l’umore di Durian. Questo era un altro disastro con cui trattare più tardi. E tuttavia, avere a che fare con Menart doveva essere un buon affare più piacevole della conversazione che avrebbe dovuto avere con Nikodemus, il signore della guerra a cui aveva giurato fedeltà, se lei fosse riuscita a uccidere il mago.
“Perché no?”
Prese del tempo per studiare la donna. Se tutto ciò che aveva  per procedere era solo l’espressione, doveva sospettare che era grave. Così com’era aveva molto di più per procedere. Sapeva per certo che lei era una cosa seria “Chi sei?”
La donna prese un po’ di tempo guardandolo su e giù “Non sono libera di  divulgare tali informazioni”
Si chinò verso di lei, solo la punta di una spalla nella sua direzione, in realtà, ma abbastanza da rendere il suo aspetto fisico “Se non sei più pazza di quanto ti ho giudicato, sai che posso ottenere le informazioni senza la tua collaborazione”
Gli occhi di lei si spalancarono, e per la prima volta da quando aveva aperto gli occhi, bloccò le sue emozioni, senza dover provare. Terrore. Rapidamente soppresso.
“Fottiti” disse.
Durian si strinse nelle spalle “Questo andrà molto meglio per entrambi se rispondi alle mie domande” Guardò in basso, visto che una delle sue gambe dei pantaloni non scendeva in linea con il ginocchio e la toccò per raddrizzare la piega “Ora. Chi sei?”
“Gray”
Egli inarcò un sopracciglio “E cosa me ne dovrei fare di questa risposta, ti prego di rispondere?”
“È il mio nome” Poggiò la nuca contro il piedistallo e fissò il soffitto. Aveva inumidito un perimetro intorno a loro cosicché nessun uomo errante da lì li avrebbe visti. Ciò significava che non poteva vedere fuori. Era leggermente claustrofobico, ma nascondeva bene. “Spencer Grayson” Alzò una mano e la lasciò cadere in grembo. La sua bocca si incurvò ma il risultato non era molto più di un sorriso “Puoi chiamarmi Gray”
Il suo atteggiamento era interessante. Era un bel po’ più coraggioso di quello che si sarebbe aspettato da una persona nelle sue condizioni e la situazione, di confronto, così com’era con qualcuno come lui.
Gray sollevò un ginocchio. Una pallida rotula si mostrò attraverso uno sfilacciato strappo dei jeans. “Poiché stiamo diventando così familiari, no?”
Egli inclinò di lato la testa. Non erano al punto in cui si intendeva anche solo pensare di dirle il suo nome “Perché hai cercato di sparare a Christophe? Sei in grado di usare la tua magia contro di lui?”
Lei sbuffò “Come se la mia magia potesse dare a Christophe nulle di peggio di una pepita”
Durian aspettava qualcosa di più di una fuga dai suoi pensieri, ma non fece nulla. Lei aveva un controllo impressionante. Pratica, si poteva dire. Curioso. Questo genere di controllo generalmente significava una strega molto più potente di lei. Alcuni pezzi del puzzle tornavano al loro posto.
“Okay, se mi alzo?”
“Sarai mia ospite”
Lo fece, e lui ebbe il suo primo sguardo approfondito nei suoi confronti. Cronologicamente le era apparsa tra la fine dei 20 e l’inizio dei 30 anni. Non si sapeva mai con uno dei magekind quanti anni avessero o quanto fossero potenti. Non solo da guardare. Menart poteva passare per avere 27 o 28 anni, e aveva vissuto a Parigi prima che Colombo navigasse l’oceano blu. Quindi non si capiva quale fosse la vera età di quest’umana.
Gray Spencer era alta per essere una donna umana. Il suo viso era una strana combinazione di bella e carina. Era troppo magra e vestita – non aveva idea di come definirla. Cristo, aveva male agli occhi a guardarla.
Un uomo poteva diventare cieco a guardarla dalle scarpe, scarpe da tennis di tela dipinta a forme collegate di un puzzle arancione neon, blu e viola che si estendeva dalle guarnizioni in gomma, alle suole. Con l’eccezione di un pizzo che non era altro che brandelli di stringhe alla fine. Poi c’era il resto dei suoi vestiti.
Sicuramente, nessuno si vestiva così apposta. Jeans neri scoloriti, una t-shirt arancione e verde troppo piccola che non raggiungeva il punto vita dei suoi jeans stretti e i capelli lisci di un improbabile rosso che sembrava avesse tagliato da sé. Senza guardare. Striature di rosa in mezzo al rosso aggiungevano un effetto virulento. In contrasto con i suoi capelli, le sopracciglia erano nere come la morte. La combinazione di tutto ciò che strideva era quello che faceva sembrare il suo volto meno bello di quanto fosse. Un teschio d’argento della dimensione di un’unghia pendeva dalla barra di metallo che trafiggeva il suo ombelico. Non c’era un rubino da nessuna parte. Molto curioso.
Iniziò un lento cammino intorno alla donna.
Lei lo controllò in modo da restare davanti a lui. I disegni delle sue braccia e tempie si mossero più velocemente “Che altro vuoi sapere?”
“Da quanto sei al servizio di Menart?”
Le sopracciglia di lei si riunirono in quella che sembrò essere vera confusione “Apprendista?” La sua perplessità emerse in modo chiaro, fisicamente e psichicamente “Per Christophe?” Lei rise. Una selvaggia amarezza affilò il suono “Oh, Dio, questa è buona”
“Se tu non fossi stata la sua apprendista, come ti è venuta la magia che ti ha resa una dei parenti?”
“Parenti?”
“Sì”
Le sue sopracciglia nere si unirono. Una macchia sulla guancia che aveva preso per sporco era, infatti, un livido. “Vuoi dire un demonio?”
“Sì” Si concentrò sui suoi disegni. Il colore si approfondì mentre guardava. La magia stava reagendo a lui. A quello che era.
“Ammiri i miei tatuaggi?” Alzò il braccio.
“Difficilmente”
“Non sono veramente tatuaggi” scosse la testa “Sembra che tu lo sappia. Io non so cosa siano” Sembrava persa, anche se questo era incredibile. Tirò il suo sguardo via dal suo braccio e studiò il suo viso. Pensò di entrare nella sua testa e prendere solo le informazioni che voleva, ma non lo fece. Non ancora “No, predo, lo sai”
“Sì”
“Sì?”
Durian annuì “C’è un modo ovvio per cui tu sei venuta da questo”
“Davvero?” Teneva le braccia libere mentre camminava con lui.
“E, purtroppo per te, non molti altri”
“Non ho fatto niente” Alzò le braccia e le fece cadere “Sono appena arrivata”
Egli si fece abbastanza vicino per prenderle la mano destra nella sua. Lei trasalì al contatto. Un flash della sua paura venne verso di lui con la forza di un treno merci prima che lei lo chiudesse fuori. Empaticamente. Questo breve contatto era stato sufficiente a confermare ciò che era già evidente. Durian tirò la mano verso di lui, perché il suo avambraccio così che il suo avambraccio si tese tra di loro. Il sui dito si librò sulla parte interna del suo avambraccio, ma non la toccò. Freddi occhi blu si fissarono su di lui e per un attimo, un attimo solo, si collegò con lui. Lui lo interruppe immediatamente.
Gray fece un passo indietro. Lui non le lasciò la mano cosicché non poté allontanarsi.
“Questi colori così delicati appaiono sotto pelle a 48-72 ore da quando uccidi il demonio la cui magia ora possiedi”
I suoi occhi, enormi e blu artico, si spalancarono. Il pallore delle sue iridi rendevano le sue pupille innaturalmente scure.
“Spero che il rituale sia stato doloroso. Soprattutto dopo che hai perso il controllo e l’hai lasciato scappare via”. Egli respinse la sua mano. Stava discutendo su questo, naturalmente. “Tu meriti ogni momento di angoscia che hai sperimentato da allora”
“Io non ho svolto alcun rituale e non ho ucciso nessuno” I suoi occhi si oscurarono abbastanza a lungo perché Durian lo notasse, ma non abbastanza a lungo per capire che cosa volesse dire. Non che ci fosse qualche grande mistero in questo.
“Quali droghe hai preso prima di seguire Christophe?”
“Nessuna” Infilò le mani nella tasca posteriore. Rabbrividì. Solo una volta.
Lei non aveva l’aspetto né il gesto che fosse venuta fuori da un’altra copa indotta. Copa avrebbe trasformato i suoi occhi dal blu pallido al turchese. Tuttavia avrebbe avuto senso per una strega che aveva danneggiato se stessa, che ora sapeva essere il caso, di ricorrere alla Copa nella speranza che la droga ripristinasse il contatto con la sua magia. Non sarebbe stata la prima. Né l’ultima. Non aveva alcuna utilità per le streghe.
“So cosa sei” sussurrò. Non aveva bisogno di essere nella sua testa per sapere che era terrorizzata. Il che, di nuovo, era interessante.
Eppure voleva darle una chance prima che rendessero questo più difficile, però, non aveva alcuna speranza di sentire la verità “Se non era un rituale che ti ha bruciata, cos’è stato? Un talismano?”
Un talismano era un oggetto che conteneva lo spirito di un demone ritualmente assassinato. I magekind li usavano per migliorare le loro abilità magiche. Era possibile perché, diciamo, una strega, per rompere una aperta e prendere la magia dentro. La procedura era rischiosa ma il successo conferiva una vita più lunga e maggiore potere. La maggior parte dei maghi di sufficiente ambizione, considerava che valesse la pena rischiare, e c’erano stati davvero notevoli pericoli. Qualora il fallimento non li uccida a titolo definitivo, morivano dopo un periodo degenerativo non dissimile dall’attuale condizione della donna.
Le sopracciglia di lei si unirono “Cosa? No. Non è stato un talismano”
“Allora ritorniamo al rituale, che neghi”
“Non ho fatto un rituale” Scosse la testa “Non potevo”
Fissò gli occhi blu spalancati di lei e vi vide la bugia “Dovrei ottenere una sanzione per te proprio ora”
“Non so cosa significa. Ottenere una sanzione per me”
“Richiesta di permesso di terminarti” Come potrebbe uno dei magekind, in possesso di abbastanza potere per un rituale di uccisione, essere un ignorante così sanguinoso? Egli inclinò la testa di lato “Mi piacerebbe riceverla, ti assicuro”
“Allora, cosa, sei un assassino?”
Non rispose.
Non era stupida. Sapeva cosa significava il suo silenzio. L’umano strinse i denti così forte che poteva vedere i muscoli della sua mascella contrarsi “Non c’era alcun talismano. Era Christophe”
Si guardò intorno alla rotonda di nuovo, cercando, si suppone, di penetrare il buio attorno a loro. La sua magia si accese – la magia per cui aveva ucciso – ma era sfocato, come se lei potesse tirare, ma non sapeva cosa fare. Aveva ucciso per quella magia e non poteva usarla. C’era giustizia nel mondo perché prima o poi questa magia rubata l’avrebbe uccisa.
Lasciò che la sua mente si connettesse con quella di lei fino a quando sentì il caos delle sue reazioni per lo più umane. Oltrepassare il suo blocco era facile.
“Basta” disse.
Le sensazioni gli arrivarono troppo velocemente per esaminare in modo attento preferiva una sanzione potenziale. Si sentiva umana. Si sentiva magekind. Più di tutto, si sentiva come uno dei parenti. Quello che non ottenne da lei fu una prova che fosse una bugiarda. Eppure doveva esserlo.
Lei batté le mani ai lati della testa “Ho detto, basta”
Qualcosa non andava bene, e a lui non piaceva non sapere. Non si tirò fuori dalla sua mente, ma si fermò guardandosi intorno. L’intensità del suo panico lo innervosiva “Inizia a parlare”
Le mani di lei chiuse a pugno sui fianchi, e gli occhi guizzarono di nuovo. Il suo respiro era poco profondo, il battito cardiaco rapido nella parte posteriore della testa. Era a secondi da una sorta di tracollo psichico.
Si avvicinò di un passo. Lei profumava, se non di rango, allora come qualcuno in disperato bisogno di un bagno “Vai avanti”
Alzò gli occhi verso i suoi, così piena di rabbia e di risentimento che erano non rivolti a lui, che piegò la testa, molto più interessato a lei adesso di quanto non lo era poco prima “Christophe ha ucciso uno dei suoi magehelds”
“E Christophe Menart” – disse il nome con una sottile enfasi – “non ha completato il rituale? Perdonami, ma è difficile da credere”
Il suo stato fisico si era stabilizzato e, con questo, il suo panico si allontanava. Alzò le spalle “No”
“Tu” disse “hai la magia del demonio morto, e questo rende impossibile che non lo abbia fatto tu stessa”
Lei spostò il peso da un piede all’altro. “Non ho ucciso Tigran”
Cristo. La pronuncia del nome del demonio venne fuori con tutta una serie di emozioni contrastanti. Non disse nulla per mezzo respiro. Fuori dalla barriera che aveva eretto intorno a loro l’aria fredda della notte penetrava in ricordo del freddo. Freddo ma non freddo. La nebbia era arrivata.
“Non dico che non volevo. Ma non l’ho ucciso”
Non mentiva. Impossibile così com’era, Durian ne era sicuro. Era meno interessato al suo diniego che al modo in cui la sua voce suonava spesso con emozione, il modo in cui la bocca si tendeva, se si poteva credere al linguaggio del corpo, il suo sforzo per trattenere le lacrime. Si poteva pensare che fosse lei stessa una vittima.
“Chi ha ucciso Tigran?”
“Christophe” disse lei con voce strozzata. Le sue mani si aprivano e stringevano ai fianchi e i suoi occhi fissavano inespressivi in avanti. Il nulla. Le spalle curve “L’ho visto accadere”
“Il rituale in questione non è un banale pezzo di magia” Anche il tardivo e non rimpianto Alvaro Magellano era conosciuto per aver avuto in mano un aiuto per questo genere di cose.
“Sul serio”
Si passò un dito lungo il sopracciglio destro e poi strofinò le spire vicino alla tempia. La sua mano tremava. Curioso. Molto curioso. Era del colore del gesso e questo faceva risaltare ancora di più i tatuaggi.
“Presumibilmente stavi assistendo Menart”
“Io?” Il suo sguardo scattò verso di lui ed era un laser tagliente. Qualunque fosse il mancamento emotivo che l’aveva colpita in precedenza era finito. La sua espressione divenne di ghiaccio “Voglio uccidere Christophe. Quindi, no, non lo stavo aiutando. Non volevo essere lì”
“Allora perché c’eri?”
“Aveva un punto da dimostrare”
“Quale?”
Lei rabbrividì di nuovo, ma non durò a lungo. Si tratteneva ora “Non disobbedisco. Mai”
“E perché avrebbe avuto bisogno di dimostrare qualcosa a uno dei suoi simili?”
“La sua stessa specie? È questo che sono?” Si avvicinò a lui e non si fermò fino a quando li separarono pochi centimetri. “Non so più cosa diavolo sono” I suoi occhi erano di un blu incredibile “Ho un altro sguardo. Ti lascerò solo per questa volta” Un angolo della bocca guizzò come se pensasse che fosse divertente “Se scopri cosa sono, fammelo sapere”
Durian la guardò negli occhi. Le ciglia lunghe e nere come il peccato. Si chiese se fosse pazzo.
“Vai via” sussurrò “Hai il mio permesso”
Egli toccò il fondo della curva delle sue occhiaie, facendo pressione su quella pelle tenera per sentire la forma stessa del tessuto osseo. Prima il sinistro, poi anche il destro. Gli esseri umani erano fissati con una sola forma. Lei non aveva nulla se non questa esistenza fisica così, facilmente danneggiata”
Passò le dita lungo il bordo inferiore del suo occhio “Gray”  disse e sentì nella propria voce la seta morbida di un amante “Non dirmi bugie”
“No”
“Capisci, non è vero, che se scopro che hai mentito, che se hai ucciso Tigran, ti devo finire senza preoccuparmi di chiederti il permesso?”
Lei sostenne il suo sguardo.
“Hai una storia diversa da raccontarmi?”
“No” I suoi occhi, di un azzurro più chiaro del cielo, incantarono i suoi senza paura. Questa non era un’insolenza da parte sua. Aveva, capì, fatto pace con la morte qualche tempo prima. La maggior parte delle situazioni non lo avevano mai visti arrivare, ma questa donna, guardava nel baratro di quello che era con piena consapevolezza una conseguenza. Non era una stupida, folle o gli stava dicendo la verità. Non era sicuro di cosa fosse peggio.
“Molto bene”
I suoi occhi persi misero di nuovo a fuoco e si schermò del tutto. Nemmeno la minima protezione i parenti usavano come fosse una cosa naturale. Entrò nella sua testa e trovò l’angoscia. Tale opprimente angoscia era all’inizio impossibile far ottenere qualcosa d’altro da lei. Lei deglutì, sbatté le labbra due volte e riuscì a riprendersi. Dato lo stato delle sue emozioni, fu colpito che potesse farlo. Poi ancora più impressionato quando si concentrò sugli eventi che lui voleva conoscere.
Il terrore che aveva provato quella notte rifluì in lei. Tagliente come un coltello. Disperazione. L’immagine venne verso di lui. Christophe in piedi su un corpo che le era familiare. Le braccia del mago erano nude, e i ricordi erano sufficientemente dettagliati perché lui vedesse le parole tatuate sulla pelle di Christophe.
Intimo. Un amante.
Tigran.
Le parole che il mago aveva detto quella notte conducevano un potere che risuonava ancora in lei. Lei sapeva cosa stava accadendo. Sapeva che Tigran sarebbe morto. E lei aveva tanto desiderato morire ed era disperata che non fosse in grado di fare nulla per fermare quello che stava accadendo.
Altre immagini ritagliate, ma non erano della notte in cui Tigran era morto. Lei sola con Tigran. Toccante. Corpi che scivolavano insieme. Un terribile lamento di dolore. Lei si era tagliata fuori dalle sue emozioni e aveva vissuto quando altri no. Una stanza. Corpi intrecciati. Orrore e grida, rabbia profonda. Il coltello di Christophe che scendeva. Tale dolore e rabbia. Tutto mescolato, senza ordine.
Durian si costrinse a ritrarsi, se non altro per mantenere il necessario distacco. Il suo cuore correva con lei, il suo respiro catturato in gola. Teneva le mani sul viso. Poteva vedere e sentire che non era qui. Non presente al momento. La sua mente era rimasta con Christophe e il magehold che era morto quella notte.
Lei si abbatté davanti ai suoi occhi.
“Gray” Non spinse la loro connessione ancora in profondità. Temeva che la sua mente si sarebbe completamente spenta se l’avesse fatto, lasciandola senza via di ritorno alla ragione. Le afferrò i polsi e, diavolo, correva il pericolo di vedere di nuovo in quel vortice di emozioni. Lui non la possedeva, quello stato in cui i confini fisici scomparivano. Non ancora. Ma era sul filo del rasoio.
Inoltre aveva quello che gli serviva. Sapeva quello che aveva fatto.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • News

    News

    To Tame a Dangerous Lord“Una delle mie scrittrici preferite di tutti I tempi, Nicole Jordan, offre romance come nessun altro. Accattivante, seducente e... Leggere il seguito

    Da  Aghi
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • News

    News

    Aprile 2010The Rogue Prince“4 stelle. La vendetta è un’ arma a doppio taglio e un conflitto ideale per le fumanti storie d’amore della Maguire. Leggere il seguito

    Da  Aghi
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • News

    News

    In uscita il 26 ottobre 2010 (in America)Passions of a Wicked EarlLibro nr 1 della serie London’s Greatest LoversConosciuto in tutta Londra per la sua abilità... Leggere il seguito

    Da  Aghi
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • News

    News

    If He’s Wild Lady Alethea Vaughn Channing è ossessionata dalla visione di un uomo in pericolo – lo stesso uomo che ha visto nei sogni tempo e tempo prima. Leggere il seguito

    Da  Aghi
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • News

    News

    Ten Things I Love About You Dieci cose che dovresti sapere su questo libro Sebastian Grey è una canaglia diabolicamente affascinante con un segreto; La... Leggere il seguito

    Da  Aghi
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • News

    IN VENDITA ORA (NEGLI USA) Dangerous Alto, magro e ostinato, l’agente dell’FBI Kilraven vive per i suoi doveri. E uno di questi doveri include tenere le mani... Leggere il seguito

    Da  Aghi
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • News

    News

    THE DEVIL WEARS PLAID (Settembre 2010)Una donna innocenteEmmaline Marlow è in procinto di sposare il Laird estremamente potente del clan Hepburn per salvare il... Leggere il seguito

    Da  Aghi
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI