Magazine Cultura

Nichelodeon-"Il gioco del silenzio"

Creato il 06 ottobre 2010 da Athos Enrile @AthosEnrile1

Musica da vedere, immagini da ascoltare”, questa la frase conclusiva della cartella stampa che anticipa l’uscita de “Il gioco del silenzio”, secondo album dei Nichelodeon

Nelle prossime righe dovrebbe emergere il motivo della mia sottolineatura iniziale.

Confesso di essere in difficoltà, combattuto tra il tentativo di dare un taglio rigido, professionale, schematico alle mie considerazioni, e il … lasciarmi andare.

Lasciarsi andare è quello che Claudio Milano e i Nichelodeon fanno, perché la prima sensazione che ho avuto è quella di una piena libertà di movimento, alla faccia di ogni regola e di ogni codifica.

Le regole esistono e il filo conduttore anche, non vi è dubbio, ma la varietà e la qualità di espressione che ho percepito hanno fatto si che le “immagini provenienti dall’ascolto”, e la “musica che ho visto con i miei occhi”, mi portassero in un viaggio nella memoria ricco di tappe intermedie.

Credo che questa sia una funzione importante e insostituibile della musica, e se nel mio caso “Il gioco del silenzio” risveglia pillole significative di passato, ad ascoltatori differenti per cultura, età o predisposizione, potrebbe innescare sentimenti contrapposti, ma in tutti casi è bandita l’indifferenza, se esiste sensibilità d’animo.

Nelle mie mani, oltre all’album, un DVD,Come sta Annie? Twin Peaks 20th anniversary show”, dove il gruppo si esibisce dal vivo e dove viene musicata l’ultima puntata della celebre serie di David Lynch, Twin Peaks:

http://athosenrile.blogspot.com/2009/10/titolo-come-sta-annie-twin-peaks-20-th.html

La visione del DVD può avermi condizionato perché ho scoperto immediatamente ciò che forse avrebbe avuto bisogno di maggior ascolto, se avessi utilizzato il solo l’album, e ora non riesco a separare i due formatitendendo a considerarli un’unica entità.

I Nichelodeon che ho percepito al primo impatto sono anche musica, anche teatro, anche divertimento, anche rigore, anche sperimentazione, anche gioia di vivere, anche esibizionismo, anche scultura, anche pittura, anche fotografia, anche… molto altro.

La prima cosa che ho pensato e che se una proposta del genere fosse nata quarant’anni prima, magari oltreoceano, avrebbe avuto enorme seguito diventando un must, magari accanto a Warhol e alla sua Factory.

In questo preciso contesto e momento storico, invece, è prodotto di nicchia e non so se questo possa essere motivo di orgoglio o di rammarico.

Nel viaggio a ritroso, condotto per mano dalla ” globalità” di Nichelodeon, sono arrivato alle mie origini, a quando la mia band di adolescenti, facendosi forte dei quattro accordi noti (pochi ma sperimentati),si tuffava in un concept , “La Creazione” (delmondo) che prevedeva l’unione della musica alle immagini che un vecchio proiettore lanciava suun muro immacolato. La necessità di unire ciò che si sente a ciò che si vede viene dilatata da Milano e soci che, tra azione ludica e drammatica, sfruttano corpo, cuore e mente per coinvolgere e coinvolgersi.

La parte prettamente musicale è qualcosa che mi appartiene profondamente perché mi riporta al mio primo concerto, a Hammill, al sax di Dave Jackson, a quelle atmosfere “scure” che hanno caratterizzato la produzione dei Van Der Graaf, gruppo con cui convivo ancora oggi.

Non è mai simpatico fare paragoni, ma molti sono gli elementi che mi rimandano a quelle atmosfere rarefatte, ai giochi di voce dall’oltretomba al cielo, ai “cuori di pedine” che si muovono.

Ma c’è anche melodia, silenzi e fughe vocali, con passaggi dal classico alla tradizione italiana.

Non conosco molti singer, nel mondo musicale che bazzico, che sperimentano le possibilità vocali, e sono sempre la ricerca del timbro giusto (più accattivante) e la dimostrazione di potenza, che determinano i giudizi dell’ascoltatore medio.

Penso che la voce sia uno strumento, alla stregua di una chitarra o una batteria, con la differenza che è … naturale. Coltivare una propria caratteristica personale, credo sia di gran lunga superiore (e soddisfacente) che dedicarsi a “creature di altri”, e in questo senso vedo Claudio Milano un degno prosecutore del’impegno di Demetrio Stratos. La sua sperimentazione (è tale per me, ma è forse la norma per Claudio) mi è sembrata “parte della trama” e non bella mostra di diversità (rispetto al comune modo di esprimersi) o esercizio di bravura.

Insomma, questi esperti e attenti musicisti mi hanno dato l’impressione di giocare per costruire, di essere maturinonostante la giovinezza (mi riferisco all’esperienza comune dei Nichelodeon, e non all’età o agli anni di lavoro alle spalle).

I brani dell’album sono dodici e sono forniti di liriche, riportate anche in inglese nell’opuscolo che accompagna il CD.

Ho letto che Marco Milano ha la sensazione di creare delle canzoni e stop.

Le canzoni, nell’intendimento comune hanno dei testi.

I testi, nel mio intendimento non sono necessari in determinati contesti.

Ho trovato ermetiche le parole de “Il gioco del silenzio”, e credo che sia in ogni caso difficilissimo entrare in sintonia (comprendere esattamente il pensiero) con un autore che, esprimendosi liberamente, gioca con le parole.

Sarei rimasto colpito da queste”canzoni” anche senza testi, con la sola voce come strumento aggiunto (o principale), ma… “ se le liriche esistono devono avere un significato” (parole di Milano) e quindi spazio anche alla poesia (considero ogni canzone cantata una poesia in musica).

Che cosa potrebbe essere questo se non un attimo catartico!

SE

Se io fossi l’anima leggerei l’anima del prossimo.

Se fossi gioco giocherei con il prossimo;

se fossi morto mi odierei,

se fossi fuoco mi brucerei le gambe,

ma se fossi vita andrei avanti a vivere

Valenti e importanti musicisti accompagnano Milano e molti sono gli ospiti:

http://athosenrile.blogspot.com/2009/10/titolo-album-il-gioco-del-silenzio.html

Il feeling generale mi fa pensare che chiunque entri in questa comune, in questo negozio da artigiano, condividendone l’obiettivo, riesca a dare un grande contributo per il raggiungimento del risultato finale.

Un specie di squadra vincente che, attraverso il gioco a zona, riduce l’importanza del singolo talento, a favore di un gruppo che vince divertendosi, si esalta giocando al meglio, e non si abbatte per un incidente di percorso.

Ma un gruppo è sempre condotto da un leader, termine assolutamente positivo se considerato nel senso del “conduttore intelligente”.

Marco Milano mi è sembrata l’anima di tutto il progetto e a lui in primis chiedo scusa per questo mio divagare, con poco ordine, tra i pensieri ed emozioni, provocate dalla tempesta di stimoli derivanti dalle sue “immagini musicali”.

In un mondo in cui si utilizza il termine “globalizzazione” per qualsiasi elemento associato ad altri, il “blocco” riguardante “Ilgioco del silenzio/ Come sta Annie? Twin Peaks 20th anniversary show” mi è sembratol’ esperienza artistica globalizzante per antonomasia.

Possibile collocare questa musica in una categoria?

Tutti lo fanno, e spesso con il solo buon desiderio di dare indicazioni e di facilitare le scelte.

Io non sono in grado di incasellare i Nichelodeon e il loro lavoro, perché non ho mai sentito/visto niente del genere.

Invento un mio contenitore personale, che sovrasta il prog, il pop, il rock, il blues e allo stesso tempo li contiene tutti. E’ il recipientedella buona musica. Non quella universalmente riconosciuta tale da quelli che “se ne intendono”, ma da quelli come me, che se ne infischiano della performancetecnicamente perfetta, ma cercano i brividi sulla pelle.

Non credo che Nichelodeon sia una proposta per tutti e non penso venderanno milioni di dischi (vivere di musica, per chi ama la musica, non é elemento trascurabile), ma forse qualche brivido, ripeto, ai più sensibili, lo faranno venire.

E forse lo scopo sarà stato raggiunto.

Ma forse le mie parole possono essere sostituite dai protagonisti…



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Melapesante: il ritorno dei Syndone

    Melapesante: ritorno Syndone

    Dopo 18 anni di assenza la prog-rock band torinese confeziona il nuovo disco: un seducente concept-album dedicato alla simbologia della mela nella storia... Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA
  • il grande complotto

    Prima di occuparsi unicamente di pettegolezzi, ricoprirsi di tatuaggi orrendi che manco un rapper scemo e prendersi a ceffoni in televisione con Sgarbi,... Leggere il seguito

    Da  Tvaddict
    CULTURA, MUSICA
  • 12 - Il Country Rock

    Country Rock

    Grateful DeadUn gruppo che ha fatto storia, che è diventato nel bene e nel male simbolo di uno stile di vita, che ha coniugato musica e letteratura... Leggere il seguito

    Da  Robertocassandro
    CULTURA, JAZZ / BLUES, MUSICA
  • Se il vicino non gradisce il Violino

    vicino gradisce Violino

    Ecco una storia che sembra arrivare direttamente da quei film degli anni 50 e che invece è accaduta alla fine degli anni 90 alla Barona. Protagonista un... Leggere il seguito

    Da  Violinistinet
    CULTURA, CURIOSITÀ, MUSICA
  • Il tempo del canto

    Allora, comincio con una premessa. Mi è sempre piaciuto cantare. Cantavo nei miei vent’anni con gli amici, accompagnandomi con una chitarra che strimpellavo. Leggere il seguito

    Da  Stregazelda
    CULTURA, MUSICA
  • Il discorso dei re

    discorso

    è San Valentino ma chissenefregaè la settimana del Festival di Sanremo ma arichissenefregaci sono stati i Grammy e un poco cefrega visto che il premio per il... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CULTURA, MUSICA
  • Il Festival

    Festival

    Sono anni che non guardo il Festival di Sanremo, ma ogni volta che mi avvicino a un televisore in questa stagione dell’anno vedo immagini di repertorio che... Leggere il seguito

    Da  Sogniebisogni
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE, MUSICA, PROGRAMMI TV, TELEVISIONE