Magazine Concerti e Festival

Nine Below Zero a Savona

Creato il 07 marzo 2011 da Athos Enrile @AthosEnrile1
Nine Below Zero a Savona
Nine Below Zero a Savona

Quando ho letto che i Nine Below Zero si sarebbero esibiti a Savona, istintivamente sono andato alla ricerca di ciò che avevo registrato un paio di anni fa,nel corso della downtown blues che si svolse nelle piazze diVarazze. A volte il contorno è importante quanto la musica.

Nell’occasione i NBZ occuparono il palco principale, nella miglior ora possibile, le 21, per poter incantare un pubblico ben predisposto a lasciarsi trasportare, e la performance fu all’insegna della condivisione. Vedere il filmato nel link allegato può esemplificare il mio pensiero:

http://athosenrile.blogspot.com/2009/05/varazze-downtown-12-h-no-stop-music.html

Sono rimasto sorpreso nel sapere che il concerto di sabato 5 marzo si sarebbe tenuto al Centro del Biliardo, luogo che peraltro bazzico per diversi motivi, quasi sempre di ordine culinario, ma mai avrei pensato a un simile evento.

Bel palco e discreto spazio ma, senza nulla togliere alle strutture di casa nostra, non potevo dimenticare di aver visto i NBZ, nel 1980, allo stadio di Sanremo, come gruppo “spalla” dei Dire Straits. E di strada da allora ne hanno fatta parecchia.

Che dire… dimostrazione di professionismo ( perché il loro entusiasmo non è mancato) e un altro elogio a Marco Traverso, che dopo anni di Raindogs, mega concerti come quelli di Jack Bruce e Johnny Winter, e dopo le varie Downtovn a sfondo blues, continua nel suo impegno musicale di assoluta rilevanza.

La risposta del pubblico, come spesso avviene dalle nostre parti, non é stata granché, se si pensa al valore e alla fama dei musicisti on stage.

Due soli concerti italiani, Torinola sera prima e appunto Savona, avrebbero dovuto spingere verso il tutto esaurito. Sono queste occasioni uniche, in cui i musicisti del territorio possono osservare da vicino e “rubare” qualche segreto, e gli uomini più “antichi” possono ritrovare le loro radici, magari provando a far incontrare i loro figli con la buona musica.

Oppure è solo questione di partecipare ad un buon concerto. Punto.

Ma ancora una volta devo registrare la mia personale delusione, una delle tante che riempiono questo blog quando parlo della mia città.

Attorno alle 22 aprono “Les Trois Tetons”, gruppo di una certa fama a Savona, con all’attivo un paio di album costituiti da brani originali e qualche tournèe estera.

E’ ovviamente una serata a tema essendo il R&B, il cibo per i presenti, ma c’è un altro tratto di continuità tra i due gruppi.

Mentre “Les Trois Tetons si stanno esibendo arrivano i Nine Below Zero e, nonostante la necessita di un attimo di tranquillità pre-concerto, si fermano alcuni minuti ad osservare/ascoltare, dimostrando interesse non di circostanza. Quando il chitarrista e cantanteDennis Greaves si blocca davanti al palco, mi chiedo se ha ricordo di quanto avvenuto a Varazze, nell’occasione già citata, quando Zac, frontman de “L3T”, in occasione del bis veniva spinto sul palco e si esibiva in un brano degli Stones, accompagnato dal resto del gruppo che sembrava gradire ( vedere link precedente).

La musica di Zac e soci è di prima qualità. La loro performance è all’altezza della situazione e anche per loro sfodero il mio solito concetto logoro, che riporta al fatto scontato che, nascere al posto giusto al momento giusto, determina i differenti percorsi della vita.

E così mi viene naturale realizzare un’immagine dove “L3T” suonano, in qualche fumoso locale londinese di metà anni ’60, accanto a colleghi che di lì a poco entreranno nella mitologia… ascoltiamoli:

(http://www.3tetons.it/)

I tempi richiesti dallo spettacolo fanno si che la prima parte debba terminare entro un certo orario, e quando viene comunicato che è il momento dell’ultimo brano, parte “Midnight Rambler” e si fa fatica a rimanere composti.

Tocca proprio a Zac fare da trait d’union e presentare l’attrazione principale.

I NBZ sono: Dennis Greaves (chitarra, voce), Mark Feltham (armonica, voce), Gerry McAvoy (basso) e Brendan O'Neill (batteria)

Impossibile chiarire ciò che certa musica può trasmettere in alcune situazioni, momenti in cui è poco importante il gradimento per una delle tante categorie in cui ci piace “incasellare” gli artisti, perché sono attimi che trascendono ogni regola, e non dipendono da gusti personali, ma dall’alchimia che per qualche motivo si viene a creare, mischiando audience e artisti che perseguiranno un obiettivo comune.

Supportato dalla possente sezione ritmica Greaves da il meglio di sé, in bilico tra voce ritmica e svisate. Il suo ruolo di leader sul palco viene condiviso con Felthman, che canta e suona divinamente l’armonica. Sono sempre attento alle dinamiche da palco e al modo, spesso naturale, che viene utilizzato per comunicare. Quello dell’armonicista è di assoluta apertura e l’allargamento continuo delle braccia è qualcosa che il pubblico capta e, magari inconsciamente, assimila. Dettagli… enormi.

Il gruppo ripercorre un po’ di storia e si diverte sul palco, mentre “l’agitazione positiva” aumenta.

Angelo Lucardi, un mio coetaneo che di cose da raccontare ne avrebbe a bizzeffe, scatta da ogni posizione (sue le foto di questo articolo), mentre i telefonini cercanola sequenza giusta da immortalare.

E’ un susseguirsi di riff R&B e sano rock blues che incita al movimento, sino a quando “il mescolarsi dei ruoli” diventa anche fisico. Nel corso del bis, infatti, sul palco resta il solo O’Neill, mentre il resto della band si unisce al pubblico per incitare il batterista.

Ottima l’acustica e un plauso al solito Alessandro Mazzitelli, il re del service, il solito musicista aggiunto.

Lo spettacolo finisce dopo la mezzanotte e con estrema compostezza il pubblico scema.

C’è ancora il tempo per acquistare il solido CD/DVD e farlo firmare dai protagonisti.

Una bella, inaspettata serata di musica. Un vero peccato perdere certe occasioni!

(http://www.ninebelowzero.com/)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Nine Inch Nails - Downward Spiral

    Nine Inch Nails Downward Spiral

    Il capolavoro di Trent Reznor, i NIN non sono altro che una suo creatura in tutto e per tutto.Downward Spiral è il disco che riesce a vincere la sfida... Leggere il seguito

    Da  Ceppo
    CULTURA, MUSICA
  • SBAND 2011-JU-BAMBOO Savona

    SBAND 2011-JU-BAMBOO Savona

    Ieri sera ho fatto una nuova esperienza … ho assistito a “Sband 2011”, quinta edizione della tradizionale gara tra band emergenti, organizzata dal JU-BAMBOO di... Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA
  • SBAND 2011-JU-BAMBOO Savona, 2° serata

    SBAND 2011-JU-BAMBOO Savona, serata

    Seconda serata di “SBAND 2011”, gara tra band liguri che si svolge al JU-BAMBOO di Savona. Era ancora venerdì, ed era il 1 aprile. Qualche nota sul primo... Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA
  • TV on the Radio - "Nine types of light"

    Radio "Nine types light"

    La cosa più straordinaria di questo disco è la sua imprevedibilità. "Nine types of light" è un lavoro camaleontico, difficile da definire anche nella sua forma ... Leggere il seguito

    Da  Wordsinsound
    CULTURA, MUSICA
  • Alice Nine – BLUE FLAME (by Narishi)

    Alice Nine BLUE FLAME Narishi)

    regular edition cover recensione scritta da Narishi Blue Flame è l’ultimo successo degli Alice Nine che ha svaligiato i negozi musicali giapponesi e che ha... Leggere il seguito

    Da  Ickopowah
    CULTURA, MUSICA
  • Brian Auger a Savona

    Brian Auger Savona

    La mia settimana di musica “storica”, iniziata con i Colosseum, è proseguita giovedì sera, 7 luglio, con un concerto organizzato a Savona da Raindogs,... Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA
  • Dana Fuchs a Savona

    Dana Fuchs Savona

    Fotografia di Angelo Lucardi“Metti una sera a Savona, nel centro storico” è una manifestazione che nel mese di luglio mi ha dato qualche soddisfazione, talune... Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA