Magazine Cultura

Non c'è due senza 3!

Creato il 24 febbraio 2013 da Ihaveadream81
Ebbene sì, finalmente dopo 3 anni che il disegno se ne stava lì a marcire in un cassetto, l'anno scorso mi sono decisa e ho preso l'appuntamento per il mio terzo tatuaggio, LUI!
Non c'è due senza 3! Io trovo che sia eccezionalmente Estupendo, da quando l'ho fatto sono davvero esaltatissima.. :) Dunque, ricapitolandolo, il disegno me lo fece 3 anni fa Silvia mentre ero in Australia. Avevo già fatot il cuoricino e avevo voglia di farne un altro (non di cuoricino, un altro tatuaggio); così le avevo chiesto di disegnarmi tre lune, avevo trovato su internet che la luna nelle tre fasi principali, affiancate l'una all'altra rappresentava un simbolo per il cambiamento presso i celti.  E diciamo che in quel momento stavo vivendo un bel cambiamentone per la mia vita! E che in generale la mia vita è sempre fatta di continui rivoluzionamenti, ora un po' meno di prima.  Era stata un'impresa incredibile riuscire ad avere il disegno in tempo per il giorno in cui avevo prenotato il tatuaggio dal mitico James Brown: era i giorni in cui c'era stata quell'eccezionale eruzione vulcanica in Islanda e Silvia era bloccata in Italia senza computer e annessi, quindi aveva dovuto mandare il disegno via fax a Rosalina che lo aveva scannerizzato e poi mandato a me. Io lo avevo poi girato a Simone che lo aveva 'digitalizzato'. Ma quando poi ero arrivata al cospetto del sommo Jim lui mi aveva detto che non se la sentiva di tatuarmi quel disegno sulla schiena perchè poi col tempo la luna piena sarebbe diventata a forma di uovo e che se proprio volevo me lo avrebbe fatto, ma che lui come professionista non se la sentiva. E allora avevamo annullato tutto e mesi dopo sulla schiena ho fatto da lui quello della croce del sud con la frase di Thoreau in mezzo.  Quindi le lune mi erano rimaste sul gobbone fino a poco fa, non sapevo dove altro farle.  MA.  Ma io ho sempre adorato i tatuaggi sugli avrambacci femminili. E infatti mi ero rivolta pure qui a Bovisio da un tizio che però non m'era sembrato molto propenso e coinvolgente, mi aveva lasciato il numero e mi aveva detto di chiamarlo per fissare l'appuntamento. Io ho poi lasciato stare.  E niente, poi non so come, un giorno ho deciso di farmi dare da Sergio il contatto della ragazza che aveva fatto il suo tatuaggio, l'ho chiamata, ho preso l'appuntamento ed è andata.  Alle lune ci abbiamo aggiunto questo splash of color che avevo visto su un tatuaggio un volta su Pinterest  EVVIVAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!  E ora non mi resta che dirmi: let the change begin!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Rowling o non Rowling?

    Rowling Rowling?

    Grande movimento in questi giorni per l'uscita del nuovo libro della Rowling dal titolo "The Casual Vacancy". I primi lettori dicono sia bello, intrigante. E pe... Leggere il seguito

    Da  Marcodallavalle
    CULTURA, LIBRI
  • I paracadutisti non parlano

    paracadutisti parlano

    Tre anni di blogging fanno di me un ottuagenario. In rete tutto è più veloce, e questi tre anni pesano. Anzi, dirò di più, se ripenso a quel piccolo angolo dell... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione: NON TI MUOVERE

    Recensione: MUOVERE

    "Non ti Muovere"TRAMA:Una mattina Angela ha un incidente con il suo scooter. Trasportata d'urgenza in ospedale, viene identificata da un'anestesista come la... Leggere il seguito

    Da  Chaneltp
    CULTURA, LIBRI
  • Muos: «cesso non autorizzato»

    Muos: «cesso autorizzato»

    Quando sabato 6 ottobre ho visto svettare le altissime antenne di contrada Ulmo a Niscemi, ho realizzato che il Muos non somiglia per niente alle immagini che... Leggere il seguito

    Da  Ilsignork
    CULTURA
  • Non si paga, non si paga!

    A Madrid questa stagione è possibile vedere al Teatro Santa Isabel la commedia Sin paga, nadie paga, basata sull'omonima opera teatrale di Dario Fo e Franca... Leggere il seguito

    Da  Molly
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Pascal non ha ragione

    Pascal ragione

    *«La svolta del nuovo equilibrio fra soggetto e oggetto instaurato da Pascal, fra appello personale e prove oggettive, è paradigmaticamente espressa da alcuni... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine