Magazine Diario personale

Non c'è pietà per nessuno

Da Johakim @Johakim



Non c'è pietà per nessuno Ecco quello che siamo: siamo un popolo di martiri. Un piccolo popolo, senza patria, nascosto dietro le dune di sabbia o negli anfratti delle boscaglie. Persone invisibili, senza nome. Un nome che si manifesta all'alba del giorno dopo, quando ormai è troppo tardi. Ed i tuoi fratelli gridano "all'orrore!". Gli stessi fratelli che per anni non sapevano nemmeno quale fosse il tuo pensiero, gli stessi fratelli che oggi rimpiangono di non averti conosciuto. Io per prima. Quella gente che, fissa davanti agli schermi colorati, una bottiglia di birra in mano, fanno lo slalom fra cosce di ragazze e reality show. Questo siamo: un popolo di cartapesta. Paghi delle nostre belle case, delle nostre auto potenti e dei nostri debiti, purchè si possa apparire ciò che non siamo. Eppure hai un fratello, quello che non hai mai conosciuto, che si alza al mattino e spera che il bambino che ha soccorso ieri fra la polvere possa ancora avere un futuro. Quello che ha lasciato tutto per attraversare le trincee, indossare la propria pelle e non chiedere nulla a nessuno. A lui quando "manca la benzina" è solo perchè la camionetta ha smesso di correre in mezzo alle bombe. Quello che è armato del suo bisturi e seguita a dire che ogni figlio di questa terra è figlio di tutti. Mio, di te che stai leggendo e di chi non leggerà mai il mio sconforto. Fratelli che vivono nell'ombra e muoiono sulle pagine dei giornali. A loro è dedicata la notizia, la stessa che fra poco verrà dimenticata da tutti, soprattutto da noi che restiamo vivi con la morte incollata alle vene e non ce lo ricordiamo mai che abbiamo a disposizione solo un attimo per vivere. Uomini. Gente comune. Poco più che ragazzi. Nati col desiderio di dare, di fare. Troppo o poco che sia non ha importanza, loro sono li. Noi a guardare, a commentare, a disapprovare, ma in definitiva a non esserci mai. Sento piangere le loro madri, i loro padri e le loro compagne. Affossati nell'impotenza, a sorreggere una bandiera che appoggeranno sulle loro bare. Un tricolore nel quale il rosso ha preso il sopravvento e sul quale il nero si sta facendo strada, infido come il demonio. A voi fratelli invisibili, a voi è dedicato oggi il mio pensiero e la mia parola. La vostra, non si potrà più sentire.


http://guerrillaradio.iobloggo.com/



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Non ci sono scarti

    sono scarti

    C’è un video in Rete che vi consiglio di guardare. Si intitola «Non siamo scarti» e consiste in una lettera aperta al ministro Tremonti, letta con ciglio... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Terza (libere associazioni, non solo muratorie!)

    Non vi aspetterete che vi auguri un wicchissimo "buon solstizio", spero.Il mio conservatorismo, anche in ambito linguistico, dovrebbe esservi ormai arcinoto... Leggere il seguito

    Da  Tmartino
    DIARIO PERSONALE, POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • Senza te (non) morirei. (Anzi).

    Senza (non) morirei. (Anzi).

    Sottotitolo 1: C'è che mi constringi a prenderti in considerazione.Sottotitolo 2: Cose che se si potessero eliminare anche solo di 1/3 la qualità percepita di... Leggere il seguito

    Da  Danielabigi81
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI
  • Tristesse (non mia) in metro!

    Tristesse (non mia) metro!

    Sì, ok, bla bla bla sul neologismo francesizzante, ma ciò che sto per scrivere, obiettivamente galvanizzata (anche) dalle infinite potenzialità della moderazion... Leggere il seguito

    Da  Sorellajc
    DIARIO PERSONALE, EROTISMO, MONDO LGBTQ, TALENTI
  • non voglio sprecare nulla

    Io di questα vitα non voglio sprecαre neαnche un secondo. E’ troppo breve per essere tristi, per deprimersi per le delusioni e soffrire per quαlcuno che... Leggere il seguito

    Da  Saraconlacca
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Non solo parole.

    Con le parole possiamo fare molto: creare delle aspettative e non mantenerle, cioè promettere e non mantenere. Con il tempo si impara a non crearsi... Leggere il seguito

    Da  Saraconlacca
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Non sai...

    sai...

    Non sai quanto mi piace la tua aria un po' così, tra l'imbranato e il rivoluzionario, tra i pensieri pensierosi e l'azione più pura, e talvolta indispensabile.... Leggere il seguito

    Da  Frufru
    DIARIO PERSONALE, TALENTI

Dossier Paperblog