Magazine Cultura

Non solo tristezza.

Creato il 03 dicembre 2014 da Scurapina

Quando muore qualcuno in genere se ne parla solo bene, forse perché abbiamo un po’ di ipocrita ritegno a ricordarla così com’era, con tutti i pregi e gli inevitabili difetti.

Ora che il compagno di tutta una vita se n’è andato ho cercato di trovare qualche difetto, se non altro per onestà intellettuale,e forse posso dire che era (troppo) taciturno, che aveva un pudore dei sentimenti che qualche volta mi infastidiva, che organizzava tutte le sue cose in un ordinato disordine nel quale ora non riesco a raccapezzarmi.

In compenso aveva tanti pregi: era forte e coraggioso, era intelligente curioso e onesto, era buono di una bontà disarmante, era un lottatore mite.

Non mi basta dire di lui che lo amavo (e lo amo), ma mi piaceva, mi era simpatico, lo stimavo: abbiamo affrontato la vita fianco a fianco, tenendoci per mano, sostenendoci l’un l’altro.

Se ora pensando a lui mi viene da sorridere non è perché io non sia infinitamente triste, ma per tutta la gioia che questi ultimi quarantatré anni insieme mi hanno regalato.

DSCF0084

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Einstein non ci sapeva fare col gelato.

    Einstein sapeva fare gelato.

    Nel romanzo “Se il sole muore” di Oriana Fallaci, l’astronauta Pete Conrad racconta, alla giornalista che, quando era uno studente all’Università di Princeton,... Leggere il seguito

    Da  Scurapina
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, SCUOLA
  • Non sono (solo) una donna.

    sono (solo) donna.

    In un tripudio di mimose mi sento sempre più a disagio, a disagio per una festa che è diventata l’ennesimo motivo per uscire a cena, per vendere qualche fiore i... Leggere il seguito

    Da  Scurapina
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, SCUOLA
  • Non è finzione.

    Anche in passato i grandi casi di cronaca nera suscitavano l’interesse e la curiosità un po’ morbosa ella gente, lo testimonia, ad esempio, il caso... Leggere il seguito

    Da  Scurapina
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, SCUOLA
  • Non di solo pane.

    solo pane.

    Mi ha colpito, stupito e commosso il racconto, bello quasi come una fiaba, dell’invito esteso a centocinquanta clochard che vivono intorno a San Pietro di... Leggere il seguito

    Da  Scurapina
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, SCUOLA
  • E non sorridevano mai.

    sorridevano mai.

    Alcuni anni fa, grazie ad un lavoro di ricerca sulla scuola italiana, insieme ai ragazzi abbiamo raccolto e studiato una mole incredibile di documenti:... Leggere il seguito

    Da  Scurapina
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, SCUOLA
  • Il campanile che non c’è.

    campanile c’è.

    Mi capita, quando facciamo una visita d’istruzione a Milano e  passiamo per Piazza del Duomo, di soffermarmi per un attimo e di chiedere ai ragazzi cosa notano... Leggere il seguito

    Da  Scurapina
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, SCUOLA
  • La scuola non serve a niente

    La ‘povna apre gli occhi al venerdì in una casa di Costanza e, prima di uscire al lago e al sole, dedica un pensiero rapido al librario appuntamento. Leggere il seguito

    Da  Povna
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, SCUOLA