Magazine

Not Kill Your Soul ... Vivi

Creato il 15 gennaio 2011 da Siamoufficialmenteallafrutta1
Not Kill Your Soul ... ViviAbbiamo deciso di pubblicare oggi qualcosa di forte in seguito ad una mail arrivataci.... speriamo che forse tra voi qualcuno leggendo questa storia possa rispsecchiarsi e capire che la via dell'autolesionismo non è mai quella giusta. Se riesci ad oltrepassare l'istante in cui dici : Non cè la farò mai, solo allora cè l'avrai fatta perchè è passato. é una storia di speranza. perchè la speranza non muore mai .
Siamo ufficilamente allra frutta
"Soffro.. soffro ogni istante in cui sento il mio cuore battere, soffro ogni istante che tu sei li a guardarmi e a giudicarmi, soffro perché forse è l’unica cosa che ho imparato a fare e che la vita sino ad oggi ha saputo insegnarmi. Soffro perché non ho ormai alternativa e perché mi sembra l’unico modo di poter provare ancora qualcosa, quel qualcosa che mi faccia sentire vivo in un vita dominato dall’asservimento dell’uomo, a cosa poi?? È da tanto che me lo chiedo, che so le risposte ma non voglio vederle perché per una volta voglio fare come fanno tutti, come fanno gli struzzi, mettere la testa nel terreno e fare finta di nulla, godere della mia ignoranza e vivere brandelli di felicità in instanti di vita vissuta rubati alla finzione di un sogno che chiamo vita. Le persone che sono stato, sono tante, troppe, diverse e uniche, come i dolori che ho sentito e che mi hanno segnato e che porto ancora nel mio cuore...sofferenze...compagne di una vita che, come cicatrici entrano a far parte della nostra esistenza. Ogni istante di vita che abbiamo vissuto, ogni sensazione che abbiamo provato, ogni pensiero che abbiamo fatto, ogni sentimento che abbiamo provato, fanno parte di quella che risulta essere la pellicola della vita che stiamo vivendo, come fosse un copione che crea quell’infinito mistero che pervade tutto e dirige tutto…fato, destino, dio...siamo solo marionette, come lo sono io che in questo momento sto scrivendo come in preda ad una frenesia mistica che mi fa battere tasti e mi fa buttare giù dei pensieri di cui non sono ancora certo, e non so nemmeno bene cosa voglio dire o dove voglio arrivare. Sò che ho un universo variopinto di misteri tormentati da raccontare, ma a volte le parole sono troppo poco per comunicare ciò che sento e ciò che voglio dire... la sofferenza di guardarti allo specchio, di riscoprirti grande e di aver vissuto una vita che non avresti voluto. Vorrei raccontare il dolore agghiacciante che provi quando dopo aver vomitato, ripetute e ripetute volte con quel dito famelico che si è fatto strada in te condotto dalla sola voglia di farti male perché non ti accetti, ti ricomponi, calmi il tuo respiro e il rossore delle tue gote, asciughi le lacrime dei tuoi occhi che non sono fatti per piangere, ma solo per sorridere ai commensali del pranzo luculliano di cui sei tu la portata principale, tu e il tuo dolore, la sofferenza del tuo sguardo perso nel vuoto, la tua inezia  nell’ essere diverso e nel non poter essere come loro. Questo e molto altro ancora, riempie il loro appetito insaziabile, di cui solo ciò che sei può colmare. Vorrei scappare per quelle colline verdi che ho sempre sognato nei miei sogni e che non ho mai potuto percorrere per paura… per dovere, perché avrei dovuto avere il coraggio di fare le mie scelte perché le volevo davvero, ma scegliamo davvero? O è solo una illusione? Stiamo scegliendo anche in questo momento di leggere o scrivere le parole che sto scrivendo o sono solo movimenti involontari che eseguiamo  meccanicamente? forse siamo nati così…Scegli la vita..."
Monde de Reve

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • The Soul Catcher

    Soul Catcher

    Un fotografo di professione, 'catturatore di anime', è stato al The Place Summer sabato scorso a farsi imprigionare dalle emozioni di NAIF ...[ 31.luglio. Leggere il seguito

    Da  Andreag
    MUSICA
  • Kill the referee

    Kill referee

    Oggi si parla di calcio, ma da un punto di vista differente.In Kill The Referee (Les Arbitres) gli arbitri sono i protagonisti. Leggere il seguito

    Da  Fidel
    CINEMA, CULTURA
  • Forget me not

    Forget

    A chi non è mai capitato di dimenticare qualcosa di prezioso in giro per strada, in un negozio, al cinema, su un taxi, al ristorante, in una camera d'hotel.... Leggere il seguito

    Da  Coolandcontagious
    LIFESTYLE
  • Grande Italia: siamo ancora vivi!

    Missione compiuta! Gli Azzurri vincono al Tel Aviv tornando in corsa quantomeno per il secondo posto! L’81 a 76 finale non basta per ribaltare la differenza... Leggere il seguito

    Da  Basketcaffe
    BASKET, SPORT
  • Vivi Slounge con Freddy

    Vivi Slounge Freddy

    Ragazzi, dal 7 settembre, preparatevi a vivere e pensare SLOUNGE. Cosa??? Ve l’ho detto: SLOUNGE! Uno stile di via rilassato ma sinuoso, disteso ma pronto... Leggere il seguito

    Da  Ioleinfashion
    LIFESTYLE
  • Murati Vivi

    Murati Vivi

    Che il Times avesse perso una ampissima fetta di utenti in seguito al passaggio ai contenuti a pagamento della propria edizione on line è noto. Leggere il seguito

    Da  Pedroelrey
    EDITORIA E STAMPA, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Summer's not over yet

    Summer's over

    Qui la temperatura è ancora piacevole e la voglia di star fuori con gli amici ora che un po' tutti abbiamo ripreso fiato dopo il lavoro estivo è ancora tanta. Leggere il seguito

    Da  Musadinessuno
    LIFESTYLE