Magazine Cultura

“Nu Pàssaru” (poesia)

Creato il 14 gennaio 2011 da Cultura Salentina

di Pippi Toma

passer

Nu Pàssaru

Nu pàssaru, cìu-cìu, già mpinnatu
Se spannocchiava l’ale ntra lu nidu
ca quiddha mmane, comu ete ritu,
ttuccava ‘sse ne ula ca stajatu.
-
Matre natura l’ìa pruitutu
t’u territoriu sou, (cussì chiamatu
ddh’eqiulibriu ca l’era ssuggettatu,
cu pozza stare bonu e nu patutu);
-
ma quannu lu cì-cì doppu nu picca
ca ìa sbattutu l’ale nnanti e rretu
se ccorse ca cu mangia ttuccâ llicca
-
lu culu a personaggi t’ogne cetu,
percé quiddh’hàbitat ficera ‘ssicca,
li vinne lu complessu te l’Amletu!

(Pippi Toma, Maglie 15.10.1985)


Un passerotto
Un passerotto, cip-cip, divenuto adulto / stiracchiava le ali stando nel nido / perché quella mattina era giunto il momento, / ormai svezzato, di dover volare andando via. / Madre natura l’aveva provveduto / del suo territorio (cioè / l’equilibrio delle risorse del terreno, /rapportato alle sue necessità di sopravvivenza); / ma dopo qualche tempo quando il passerotto/ svolazzando di qua e di là / prese conoscenza che per sostentarsi doveva fare il lecchino / a personaggi  di ogni partito, / che nel frattempo si erano impossessati di tutto, / fu preso dal complesso di Amleto, essere o non essere?.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine