Magazine Attualità

Nuove frontiere per i droni

Creato il 29 gennaio 2016 da Stenazzi

Nuove frontiere per i droni

La situazione per quel che riguarda la connessione Internet in Italia è disastrosa, purtroppo, ma non sempre tutte le notizie sono cattive.

Una splendida iniziativa è quella della Heli-Lab, una startup catanese che ha avviato un progetto per portare internet in alcune aeree della Sicilia, avvalendosi dei droni. I quadricotteri telecomandati sono impiegati in una vasta gamma di attività, vengono utilizzati anche nell'agricoltura, nell'industria e per scopi assicurativi.

I compiti che si possono assegnare ai droni sono diversi e aumentano con il passare degli anni. Adesso sono dei veri e propri PC, che sono in grado di raccogliere una vasta quantità di dati in volo e trasferirli direttamente al cloud.

Joseph Shoulder Pad, co-fondatore di Heli-Lab, ha detto:

"Dal momento che i droni non sono collegati alle rete, possono diventare un hotspot, oppure un router che permette di sfruttare la banda. Sono un modo utile per non lasciare zone completamente isolate se colpite da calamità naturali. In questo modo, la Protezione Civile e i soccorritori possono beneficiare di un enorme vantaggio".

Come ho già scritto, l'uso dei droni nell'agricoltura sostituisce gli sforzi umani, infatti sono protagonisti di una serie di migliorie nei processi alimentari. Dai dati raccolti dai droni, gli agricoltori possono iniziare a capire e sfruttare i loro campi per produrre coltivazioni in modo più efficiente.

Essere in grado di memorizzare i dati nel cloud, permette loro di modellare gli schemi passati per effettuare delle previsioni sui futuri cicli delle colture.

L'American Farm Bureau Federation, stima che il ritorno degli investimenti per gli agricoltori potrebbe essere dai $12 per il mais e dai $2 ai $3 per la soia ed il grano.

Il prossimo traguardo sarà quello di dotare i droni di una connessione internet, che sarà molto utile per scambiare delle informazioni precise in tempo reale con altri droni che volano nella stessa area.

I quadricotteri hanno ancora molta strada da fare: potrebbero nascere ulteriori limitazioni dall'ENAC (Ente Nazionale per l'Aviazione Civile), ma in linea di massima tra non molto saranno utilizzati per scopi ben differenti.

Anche i big (Leggi Amazon & DHL) vorrebbero utilizzare i droni per le loro consegne. Sarebbe davvero bello, un giorno, acquistare un prodotto su Amazon e vederselo recapitare in una via del centro, poichè geolocalizzato dal nostro smartphone.

E tu, che cosa ne pensi sui quadricotteri? Hanno un grande potenziale oppure finiranno nel dimenticatoio? Ti fideresti mai a far controllare la tua casa da un drone, quando sei in vacanza?


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :