Magazine Arte

"N.Y. la vita intorno" (a Ground Zero)

Da Athos Enrile @AthosEnrile1

Quando ho saputo della mostra fotografica di Franco Olivetti, presentata nella Pinacoteca di Savona l’11 settembre scorso, sono stato immediatamente attratto dal soggetto, New York

Titolo della rappresentazione infatti : “NY la vita intorno” (a Ground Zero).

Sono totalmente incapace di valutare una fotografia dal punto di vista artistico e ogni mio scatto, ogni mio video, hanno la mera funzione di fissare dei ricordi. In realtà qualcosa a livello inconscio avviene, se è vero che una fotografia “professionale” riesce a tirarmi fuori i pensieri più reconditi, e forse l’essere capaci a far emergere le emozioni e i ricordi nascosti negli anfratti della nostra mente è solo affare per professionisti.

Detto questo, posso affermare che una qualsiasi mostra fotografica non mi spinge ad uscire di casa, e non lo dico con orgoglio.

In questo caso ho pensato che valeva la pena vedere New York attraverso occhi altrui, quelli del professionista appunto.

Il mio commento alla mostra non può suscitare interesse, ma ciò che ho visto mi da modo di parlare di una città che lascia il segno.

Chi mi conosce sa del mio amore infinito per un mondo lontano, l’America, capace di regalare momenti emozionanti, diversi ogni cinquanta miglia. Ovviamente è il punto di vista di un uomo di passaggio, perché viverci comporta, probabilmente, qualche problema in più.

Sono stato molte volte negli Stati uniti, e ho visto stati e città differenti, ma nessun luogo mi ha impressionato come New York City. La caoticità che colpisce inizialmente, e che può far pensare a un luogo invivibile, smette di essere un problema col passare delle ore, e a ogni angolo di strada, quelli della mia generazione scoprono che ciò che era rappresentato nei filmetti americani dei nostri pomeriggi antichi esiste davvero e si può toccar con mano.

Avrei miriade di immagini da raccontare, dai gospel di Harlem a Little Italy, da Central Park al Greenwich Village.

Recupero uno stralcio di un mio vecchio racconto, dove descrivevo un viaggio da Philadelphia a N.W., in auto, con due amici. E’ questo il mio omaggio alla “Grande Mela”.

E’ giovedì mattina quando terminiamo le varie traduzioni e scopriamo di avere il pomeriggio libero.

Chiediamo informazioni:” Quanto impieghiamo, in auto, per arrivare a N.Y.?”

Sono due ore, solo due ore e decidiamo di partire.

Non avrei mai pensato di arrivare con l’auto davanti all’entrata principale dell’Empire.

Avevamo costeggiato Central Park, e ora eravamo sulla Fifth Avenue, e dopo aver sgranato gli occhi davanti a Tiffany eravamo alla ricerca di un parcheggio ... in pieno centro. Ma non e’ poi così difficile. Li, regna una certa efficienza.

E’ d’obbligo una puntata sulla cima del grattacielo, anche se gli ultimi piani si devono fare a piedi. Come mai? Qualcosa non va?” Mi guardo attorno cercando i visi della security, alla ricerca di espressioni confortanti. Che spettacolo! “.

In una giornata piena di sole, dall’ultimo piano si vede tutta Manhatthan. I ponti celebri, la Statua della Libertà, le avenues che si incrociano perfettamente a 90 gradi con le streets, con una variante, Broadway, scheggia impazzita in un lay out perfetto. Credo che orientarsi a N.Y. sia molto più semplice che in una qualsiasi città italiana. E’ sufficiente conoscere due coordinate e il gioco e’ fatto. Non ci sono le vie dei santi, quelle dei musicisti o delle città … due numeri e la via e’ trovata.

Scusa, sai indicarmi dov’e’ l’Hard Rock Café?” Sure”.

Con i numeri magici ci dirigiamo verso il luogo di culto. Sono molto emozionato e anche Maurizio cela male gli stati d’animo. All’interno c’e’ gente di ogni nazionalità e la musica fa parte del menù, ma non si può scegliere. C’e’ eccitazione in chi e’ li per la prima volta, si palpa nell’aria e si legge nei volti.

Il mio feeling del momento non si può descrivere. Ci accomodiamo al piano superiore. Ogni tavolo, ogni angolo, e’ un pezzo di storia. Ci sono bacheche ovunque, piene di cimeli storici. Il flauto di Ian Anderson, la chitarra di Jimmi Page, un vestito nero di John Lennon. Mi affaccio dalla balaustra vedo sulla parete laterale una batteria completa, appesa. Scopro che e’ quella di Ringo Starr. Che brrrrrrrrrividi! Una foto devo farla per forza!

Maurizio, ogni volta che riparliamo di quella sera , alza la maglia e mi dice:” Guarda, mi viene la pelle d’oca aricordarla ...”.

Riprendiamo la macchina in una città che più passano le ore più si anima. Prima una passeggiata sui marciapiedi enormi, tra barboni, ragazzi, negri, bianchi, cinesi, pakistani .. .ecco la sintesi del mondo. N. Y. Di notte ha un fascino discreto.

Attraversiamo il ponte di Brooklyn mentre io mi addormento. All’andata ero stato” messo in mezzo “ per la mia paura di restare senza carburante:” E bravo Athos … macome si fa a pensare di rimanere all’asciutto proprio qui …. ma la vedi la TV?”

Al ritorno lascio l’incombenza e mi appisolo, soddisfatto come poche volte nella vita. In fondo, lo stato di beatitudine non può essere lungo e piccoli momenti felici possono dare grandi soddisfazioni.

Beato e’ chi trae beneficio da cose minuscole, magari microscopiche per occhio esterno ,ma enormi per chi le sa cogliere. Si può misurare tutto ciò? Io uso il mio solito metodo … se per un attimo mi manca il respiro … ho colto un briciolo di felicità.

La visone di New York mi ha dato questa possibilità.

Franco Olivetti

Nasce a Roma il 19 febbraio 1956, fotografa dal 1978.Nel 1988,Kodakutilizza una sua immagine di mongolfiere per pubblicizzare la pellicolaEktachrone 100 hc. In seguito ha realizzato immagini per le case editriciSansoni,Ventaglioe per i mensiliArco Informagiovani,Roma Rome,Notiziario Lions. Durante la sua carriera ha tenuto corsi di fotografia sulle piu' svariate tecniche: camera oscura bianco nero, stampa da diapositiva, duplicati diapositive, viraggi totali e parziali, riprese in esterno con pannelli riflettenti, fotografia ed elaborazioni digitali, uso di piu' flash, etc...

Ha vinto innumerevolipremi nazionali ed internazionali, tra cui uno indetto dal quotidianoLa Repubblica, uno dall'Ambasciata Francese, uno dalComune di Romaed uno dallaSquibb Meyersa Londra. Viene pubblicato nel 1993 nella selezione internazionale delMinolta Mirrordi Osaka (Giappone).



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Talenti a chilometro zero

    Talenti chilometro zero

    Casa della MusicapresentaPrimo appuntamento di Talenti a Chilometro Zerouna vetrina di artisti del territorio con importanti ospitiMARTEDì 6 LUGLIOPIAZZA... Leggere il seguito

    Da  Gspit
    CULTURA, MUSICA
  • Zero bis

    BICEFALO - Vuoto o con il cervello? E... il cuore? Socialismo è una bella parola, e a quanto so nel socialismo tutti i membri della società sono eguali,... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • ZERO il film inchiesta sull’ 11 settembre

    ZERO film inchiesta sull’ settembre

    Fast Tube by Casper Fast Tube by Casper Fast Tube by Casper Fast Tube by Casper Fast Tube by Casper Fast Tube by Casper Fast Tube by Casper Fast Tube by Casper... Leggere il seguito

    Da  The_one
    CULTURA
  • Zero o le cinque vite di Aémer

    Sull’onda della morte di Denis Guedj, ho iniziato l’ultimo suo libro che avevo acquistato: Zero o le cinque vite di Aémer. Si fa divorare. Leggere il seguito

    Da  Gouthier
    CULTURA, SCIENZE
  • Magazine - Il "ground zero" del post-punk

    Magazine "ground zero" post-punk

    LO SPELEOLOGO di NICOLAS ICARDI Oggi vi parlerò dei Magazine,un gruppo nato a Manchester nel 1977 fondato da Howard Trafford Devoto… Leggere il seguito

    Da  Lesto82
    CULTURA, MUSICA
  • Meno di zero

    Meno zero

    Stamattina ho finito di leggere "Meno di zero", il primo romanzo di Bret Easton Ellis.Da un po' di tempo sentivo parlare di questo scrittore come di uno dei... Leggere il seguito

    Da  Emsi
    CULTURA, LIBRI
  • Bawl "Year Zero"

    Bawl "Year Zero"

    I fratelli Cullen, dall'Irlanda con furore, avevano sfornato una serie di singoli davvero intriganti, paragoni forse azzardati con gli Smiths, ma c'è da dire ch... Leggere il seguito

    Da  Martelloide
    CULTURA, INDIE, MUSICA