Magazine Cultura

Occhiali - Emma Dante

Creato il 09 marzo 2011 da Alboino
Senz’ombra di dubbio il teatro italiano all’estero oggi è rappresentato da Emma Dante e aggiungiamo a ragione, poiché l’autrice siciliana oggi è l’unica che sa mettere in scena la contemporaneità del malessere quotidiano. Il suo nuovo spettacolo che ha avuto il debutto in quel di Napoli e che oggi è in giro per l’Europa (Milano, Liegi, Roma, Mosca, Venezia, Ruen, Genova – no, Santarcangelo dei teatri proprio no-), è un trittico di cantiche per gli emarginati (gli eroi preferiti dalla Dante) che va sotto il nome di “Occhiali”. Tre distinti episodi indissolubilmente legati dai temi di marginalità: povertà, vecchiaia e malattia. Un trittico sul lirismo dei dimenticati e degli alienati, sulla miopia dei figli di un Dio minore, sulla marginalità in generale in cui si fondono teatro, danza, musica, canto, sonorità dialettali (il siciliano e il napoletano) che riescono a regalarci struggenti quadri di apartheid sociale.
Si inizia con “Acquasanta” dove un uomo appare in scena ancorato al palcoscenico, segno evidente che si è salvato dalla burrasca, e comincia a ricordare la sua intera vita di mozzo; subito dopo arriva Nicola il personaggio del “Castello della Zisa” che ha occhi aperti che non vedono. E’ in uno stato catatonico e di lui si prendono cura due donne bellissime che pregano, lo sfamano e lo accudiscono in tutti i suoi bisogni. Nicola si è incantato da bambino, quando fu tolto alla zia e dalla sua casa nel quartiere della Zisa dove guardava dalla finestra il favoloso Castello in cui è rinchiusa l’infanzia e la spensieratezza. Da quel giorno Nicola è un “animula” persa. Il terzo episodio vede in scena due ballerini o meglio si comincia col osservare una veneranda signora sola, ingobbita, memore di una esistenza piena di empiti. Questa donna recupera il suo passato frugando in due bauli da cui spunta un vestiario di altre età più spigliate ma soprattutto la presenza del marito defunto; un senile partner che danzerà abbracciato a lei tutta la colonna sonora del Novecento che ripercorre le loro vite. Si va da Jovanotti alla “Parlami d’amore Mariù” cantata da Vittorio De Sica.
Importante sapere che tutti i personaggi di questa piece teatrale portano gli occhiali (da qui il titolo) dal momento che l’autrice li ha immaginati “mezzi cecati, malinconici e alienati; sono vecchi, brutti, poveri e malati. Hanno vissuto storie drammatiche e hanno coltivato una difesa, uno schermo. La lente li protegge dalla vita. Si parla di marginalità, ma in realtà il tema è l’amore ” e tutti parlano rigorosamente in dialetto perlopiù siciliano, come del resto in tutto il teatro della drammaturga palermitana che ha reso europea la lingua della Sicilia. E comunque ancora una volta bisogna ammirare la grandezza della Dante che propone un’opera struggente, lacerante, eppure incantata. Se per caso capitate in città europee dove in cartellone c’è questo spettacolo non lasciatevelo sfuggire.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Opinioni: La lingua ai tempi di Dante

    Opinioni: lingua tempi Dante

    Segnalazione a cura di G.Brembilla tratta dal Blog di Marco Bracconi Escort e mignotte Un buon governo, nel terzo millennio, non si muove ideologicamente. Non v... Leggere il seguito

    Da  Maurizio Lorenzi
    CULTURA
  • The Hole - Joe Dante

    Hole Dante

    Se The Hole fosse uscito tra la fine degli anni '80 e i primi anni '90 sarebbe un capolavoro! Joe Dante costruisce una favola dark, un horror per famiglie, con... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Emma Holly

    Emma Holly

    Oggi, rispondendo ad una vostra richiesta, vi parlo dell'autrice Emma Holly. Autrice in parte INEDITA in Italia. Le sue opere maggiori, urban fantasy sono... Leggere il seguito

    Da  Weirde
    CULTURA, LIBRI
  • Tra stelle, Dante e De Gregori

    stelle, Dante Gregori

    Se il Sole richiama per l'uomo il concetto di vita, ciascuna stella rappresenta per l'Universo una parte di anima. Le stelle sono tante, senza dubbio troppe.... Leggere il seguito

    Da  Alessandro
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Un incontro con Emma Dante

    incontro Emma Dante

    La Vicaria, il Teatro di Emma Dante a Palermo in zona Zisa, è un Teatro “nascosto”. Nascosto in una via poco nota della città, fuori dal centro storico e dai... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • C.E. Brock (5) - Emma

    C.E. Brock Emma

    Eccoci al penultimo appuntamento con le tavole di Brock. Oggi vi mostro quelle realizzate per Emma. (Qui la Leggere il seguito

    Da  Estel
    CULTURA
  • Antonio Pennacchi e l'operaio che conosce Dante

    Antonio Pennacchi è uno che ha lavorato per anni e anni da operaio, e non credo che ci siano altri che sono arrivati a vincere lo Strega dopo aver fatto i... Leggere il seguito

    Da  Paciampi
    CULTURA, LIBRI

Magazine