Magazine Cinema

Odio le Bionde - Giorgio Capitani

Creato il 08 maggio 2011 da Frank_manila
Odio le Bionde - Giorgio Capitani Ancora anni '80, ancora Italia e ancora Montesano! Bisogna partire sempre dal presupposto che, come i 2 precedenti (Noi Uomini Duri ed Il Volpone) visionati dallo staff del blog, il film è una commedia innocua che mira principalmente all'intrattenimento. Questa volta abbiamo Montesano in un ruolo che è un mix di Woody Allen e comicità slapstik (tipo Chaplin e Keaton!), ma nonostante le buone premesse (la storia è intrigante ed intricata) non raggiunge la piena sufficienza. Vuoi per via di una regia semplicistica - molto simile alla moderna fiction televisiva... ed infatti Capitani ha fatto tanta, ma tanta, fiction -, vuoi per una evidente forzatura ed arretratezza delle gag visive e narrative, il film riesce a stento a strappare qualche sorriso di circostanza, tipo quelli imbarazzanti che si fanno di fronte a  battute glacialmente mortali (le stesse che il popolino volgare chiama freddure). La pellicola racimola punti, ed arriva al 6-- (con una ricerca sull'Umbria da portare per la prossima volta), anche grazie alla sua naturalezza di mostrare nudi femminili ad ogni buona occasione (come ad esempio far entrare l'attore in una stanza!). Da notare infine la presenza di Jean Rochefort, Corinne Clery e di Michele Mirabella.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • 10 cose che odio di te

    cose odio

    Una commedia adolescenziale di un po’ di anni addietro. Niente di eccezionale. La storia è molto semplice ed anche abbastanza intuitiva, ma vedere un cast di... Leggere il seguito

    Da  Sabato83
    CINEMA, CULTURA
  • Non odio gli indifferenti, ma il qualunquismo

    A me più che gli indiferrenti, fanno paura i qualunquisti, quelli che dicono che così fan tutti, che è da sciocco indignarsi, che non sei furbo abbastanza, che... Leggere il seguito

    Da  Bruno Corino
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • Prosavox: Giorgio Manganelli

    Prosavox: Giorgio Manganelli

    Tratto da "Centuria, cento romanzi fiume" di Giorgio Manganelli Musiche di: György Kurtág, da "Kafka Fragmente" Charles Ives, "The Unanswered Question" Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Odio la TIM!

    Odio TIM!

    Tempo fa avevo scritto un messaggio in cui esprimevo tutto il mio profondo odio per la TNT Traco. Oggi ne scriverò un altro in cui esprimerò tutto il mio... Leggere il seguito

    Da  Stepianii
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Odio gli indifferenti

    Odio indifferenti

    Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L’indifferenza è abulia, è... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Incontri che segnano: Giorgio

    Credo nella fatalità degli incontri, penso che la vita abbia una forma attraverso gli incontri. Senza l' Incontro (anche non sacro e spirituale) esiste solo... Leggere il seguito

    Da  Carlo_lock
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Perchè odio Becky Bloomwood

    Perchè odio Becky Bloomwood

    Attenzione: questo post non è politicamente corretto né diplomatico. Se sei un amante del soggetto in oggetto, non troverai lodi per lei. Se sei una shopaholic... Leggere il seguito

    Da  Valepi
    CULTURA

Magazines