Magazine Architettura e Design

Oslo. Superfici e linee, un edificio a spigolo

Creato il 06 febbraio 2014 da Alchimag
Deloitte Office Building
Deloitte Office Building
Deloitte Office Building
Deloitte Office Building
Deloitte Office Building
Deloitte Office Building
Deloitte Office Building
Deloitte Office Building
Deloitte Office Building
Deloitte Office Building
Deloitte Office Building
Deloitte Office Building
Deloitte Office Building
Deloitte Office Building

Inaugurato a inizio anno, l’ultimo progetto realizzato ad Oslo dal team Snøhetta è un’architettura unica che gioca in facciata sul disegno di superfici e linee che si intersecano grazie all’uso di diversi tipi di coperture a pannello che sembrano spezzare la stessa struttura.

Il nuovissimo Deloitte Office Building, vicino alla Stazione centrale di Bjørvika, ospita uffici ma anche diverse sale conferenze, una mensa con terrazze adiacenti fino a negozi e piccoli caffè. Come un taglio in facciata, l’intero volume è attraversato trasversalmente da una rientranza, movimentando così la bidimensionalità della facciata, senza interferire però con le forme dell’intero edificio.

Gli stessi giochi di direttrici verticali e orizzontali, fessure e interruzioni si ritrovano naturalmente anche all’interno dove la luce naturale filtra attraverso finestre dalle forme geometriche molto accentuate. Domina il bianco e il legno e tutto concorre ad enfatizzare la spigolosità dell’intera struttura

Snøhetta è uno studio internazionale (la sede principale è a Oslo, ma è possibile trovarne una più piccola anche a New York), che si occupa sia di architettura che di design degli interni, fino all’architettura di paesaggio.

La filosofia che contraddistingue i lavori dello studio risiede già nel nome: Snøhetta infatti è ripreso dal nome della montagna più alta del parco naturale del Dovrefjell (Norvegia) e soprattutto ha una forte valenza simbolica. Rappresenta una forma complessa, ma anche un paesaggio o un oggetto architettonico, riuscendo a coniugare in un’unica parola l’approccio sostenibile che caratterizza questo studio.

I loro progetti tendono infatti ad adattarsi alla cultura, al clima e al sistema ecologico nel quale andranno ad integrarsi, perché l’architettura non può essere rispondere solo a regole di statica e ordine, bensì deve essere l’equilibrio tra paesaggio e artificio.

 http://snohetta.com/

(C.R.)

 


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog