Magazine Società

Padre, Figlio e Spirito …assente

Creato il 01 febbraio 2011 da Peterpasquer

Padre, Figlio e Spirito …assente“…come ogni altro frutto dell’ingegno umano, le nuove tecnologie della comunicazione chiedono di essere poste al servizio del bene integrale della persona e dell’umanità intera. Se usate saggiamente, esse possono contribuire a soddisfare il desiderio di senso, di verità e di unità che rimane l’aspirazione più profonda dell’essere umano.” (Papa Ratzinger)
Queste parole del Papa mi trovano d’accordo. Utilizzerò, pertanto, il mezzo tecnologico a mia disposizione per assolvere tali propositi.

Nella sua lunghissima storia la Chiesa ha ucciso, condannato, umiliato, offeso, atei, scienziati, omosessuali, donne (talora streghe) e persino bambini. Ha permeato la nostra cultura nel bene e nel male. Nel bene, diffondendo principi e valori universali comunque riscontrabili anche prima della sua esistenza, nel male, prevaricando sulla coscienza di moltissimi con la sua presunta Verità, con le sue mistificazioni, falsità storiche. Pensiamo alla Bibbia, ad esempio. Aldilà del suo valore letterario, della sua importanza culturale, non ha alcun valore storico.
La Bibbia non è un libro di storia. Eppure proviamo a convincere un cattolico del contrario. Ci dirà – contro qualsiasi evidenza di tipo antropologico-scientifico – che è tutto vero, compreso il fatto che l’uomo è nato dal fango e che la donna è nata da una sua costola. O al massimo, giustificherà l’evidenza di certe assurdità tirando in ballo l’allegoria e le “metafore divine”, tradendo egli stesso l’assunto di cui si fa portatore. Insomma, facciamola breve, un libro di storia attendibile riporta fatti documentabili, non si esprime con metafore o allegorie. E si potrebbe continuare parlando delle traduzioni di convenienza fatte sui Vangeli (non tutti ovviamente, ne bastavano quattro e quei quattro lì…), del famoso “Index Librorum Prohibitorum” (la lista di quei libri da bandire o da mandare al rogo), delle censure perpetrate ai danni di artisti da Caravaggio fino a Scorsese (ricordiamoci i toni inquisitori con cui si espresse la Commissione Episcopale Italiana su “L’ultima tentazione di Cristo” prima di rimediare lo schiaffo della sentenza di Venezia).Sia chiaro, il mio non è un attacco alla fede dei cattolici, dei cristiani o di chi comunque crede in qualcosa al di sopra di sé. Io semplicemente punto il dito contro le contraddizioni di cui la Chiesa preferisce non discutere tra un’omelia e l’altra. Punto il dito contro il potere forte che essa rappresenta, un potere economico, politico e d’informazione fin troppo pervasivo. Un potere – insisto – che si è fatto portavoce di Dio senza il consenso dei cristiani, per legge. Umanissima legge. Un precedente (vedi Trattato di Nicea) che gli dà l’onere di parlare a suo nome come meglio crede, come se dell’Altissimo ne detenesse ogni copyright.Padre, Figlio e Spirito …assenteAlla luce di tutto questo mi sembra chiaro, dunque, che abbia del ridicolo indignarsi per una vignetta come quella realizzata da Vauro ad “Annozero”. Da che pulpito viene la predica? Se poi è vero, come riporterebbe la denuncia presentata alla questura di Bari, che trattasi di “offesa a capo di stato estero” allora la questione si fa ancor più comica. Quanti capi di stato sono stati bersagliati dalla satira? Quante ne ha subite Clinton dopo lo scandalo con la Lewinsky? Papa Ratzinger è forse un capo di stato più in alto degli altri? Senza considerare che il suo potere è per la maggior parte applicato fuori dal suo territorio, cioè nel nostro Paese che, in quanto a leggi e leggine, lo agevola da secoli. E che dire di tale Monsignor Giacomo Babini Vescovo Emerito di Grosseto? Le sue dichiarazioni in proposito lasciano basiti.Ve le riporto direttamente dal sito Pontifex.Roma:
Padre, Figlio e Spirito …assente“[...] sia Vauro che Santoro dimostrano davvero tutto il senso della loro volgarità, di un essere grossolano e senza alcuna voglia di dialogo e ricerca. Comunque anche la Rai ha sbagliato e sbaglia nel lasciargli campo libero, certi programmi andrebbero eliminati per legge e spero avvenga presto, ora basta.”
“[...] certo, Berlusconi dal canto suo e a quella età, delle bischerate le fa e potrebbe anche limitarsi, ma nessuno fiata mai sulle bischerate di chi va a trans, a omosex e trasforma le proprie vacanze in situazioni imbarazzanti? […] Lo ripeto il libertinaggio è sempre sbagliato, sia omo che etero, ma almeno quello di Berlusconi è secondo natura sempre che sia vero, ma ho la sensazione che si cerchi di attaccarlo in ogni modo, questa è una gogna mediatica e giudiziaria, oggi non vedo politici migliori e più adatti di lui a governare il Paese, lo lascino in pace e basta.”
Alcune domande: il suddetto Monsignore può davvero permettersi una simile presa di posizione in fatto di decisioni spettanti alla Rai? E perché la Chiesa si tura il naso pur di non sentire il puzzo d’immoralità che circonda la vicenda del cosiddetto “Ruby-gate”? Forse perché il presidente Silvio Berlusconi è il rappresentante di una politica da sempre comoda al Vaticano?
Questo è volgare, questo è offensivo. Non la vignetta di Vauro.Se l’ironia manca a certi uomini di Chiesa che se la prendano con Dio per non avergliela distribuita. Dio – ammesso e concesso che esista – non penso possa esserne privo. Un Dio privo di qualcosa non è un Dio. Chi è senza ironia è un individuo “polifemico”. Mi piace ricordare, a tal proposito, il grande José Saramago quando, durante un incontro con alcuni studenti, pronunciò la famosa, scandalosa battuta: “Dio è un figlio di puttana!”Molti cattolici si scagliarono feroci contro il nobel portoghese, incapaci di cogliere l’ironia insita in quell’affermazione. E più insistevano con l’accusa di blasfemia e più s’inchiodavano alla croce della stupidità. Domando: può Dio, creatore dei cieli e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili, avere una madre?Si chiama cecità. Che è anche il titolo di uno dei romanzi più belli di Saramago. Guarda caso parlava di dittatura…

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine