Magazine Calcio

Pagelline da Cagliari

Creato il 03 aprile 2010 da Gianclint
Pagelline da Cagliari
VOTO 10 a Massimo Oddo. In un mondo dove tutto e tutti cambiano anche nel giro di una giornata. Dove non ci sono più certezze, uomini che diventano donne, donne che diventano uomini, gente che sale e scende dal carro, addirittura l'Inter ancora in corsa su tutti i fronti ad aprile, lui no. Lui non cambia mai, rimane sempre lo stesso, che sia per 90, 40, 30 o 5 minuti. Fa sempre vomitare. Una costanza.
VOTO 9 a Leonardo. La rosa è quella che è, se un discreto giocatore s'infortuna, tocca inserire una pippa e Leonardo non sa più che fare. A Cagliari l'ho visto coi miei occhi. In pieno stato confusionale, si alza in piedi stagliando la sua figura contro l'orizzonte cagliaritano, fiero e bello come uno di quei bronzi di Riace che si trovano ai mercatini cinesi di via Paolo Sarpi, capelli fluenti al vento perfetto per uno spot della Johnson & Johnson, scruta il la battaglia con gli occhi della tigre mentre i Survivor intonano la sua canzone da bordo campo, e con quell'aria di chi sa e di chi ha capito tutto, si volta verso Tassotti e gli dice: "Inizia a scaldarti."
VOTO 8 a Ronaldinho. In questa partita è stato magnifico. Almeno credo... non l'ho per niente visto.
VOTO 7 ad Andrea Pirlo. Riesce nella mirabolante impresa di farsi cagare da solo. Batte così Seedorf inventore dell'autodribbling, dando vita all'autocaghing.
VOTO 6 al Cagliari. Hanno letto ed interpretato correttamente il "regolamento del calcio secondo Mauro Suma", applicando l'articolo 1 alla lettera: "Il Milan deve vincere sempre, se non lo lasci vincere non sei uno sportivo. Sei un falloso, un catenacciaro, un cultore dell'anticalcio, un onestone, un condizionatore di arbitri e un aizza pubblico."
VOTO 5 a Marchetti e Astori. Hanno già firmato per il Milan, oggi ne abbiamo avuto la conferma.
VOTO 4 a Strasser, Verdi e Zigoni. Non mi sono piaciuti per niente, e si che avevano un maestro della panchina come Flavio Roma da cui imparare.
VOTO 3 ad Ambrosini. A fine partita non si degna neanche di ringraziare l'arbitro Brighi che l'ha graziato due volte due, dopo avergli sventagliato un giallo. Avremmo dovuto finire in dieci. Anzi considerando la presenza contemporanea di Ronaldinho, Seedorf, Oddo e Zambrotta, abbiamo rischiato di finire in 6.
VOTO 2 al pubblico di Cagliari. Talmente presi dal fischiare i giocatori del Milan perché non fermavano il gioco con un giocatore a terra, non si sono accorti di aver fischiato Seedorf reo di aver proseguito un'azione con a terra... Ambrosini!
VOTO 1 a Cellino. Beccato al volo dalle telecamere, mentre si accendeva una canna grossa come un baobab, sul 2 a 2 per il Cagliari, con annesso sorriso beffardo dicendo: "adesso li apriamo in due!" Visto che dopo 10 minuti è scomparso dalle tribune, probabilmente ha continuato a seguire la partita dal pronto soccorso. Il fumo danneggia la vostra salute ragazzi, non seguite il suo esempio.
VOTO 0 a Galliani. Chissà perché quando si vince si affretta ad apparire bello e sorridente (oddio... bello...) davanti alle telecamere, ma quando si perde sparisce nel nulla. A proposito di chi scende e sale dal carro a seconda dei risultati. Ma questa volta il voto 0 glielo do per un solo motivo. Aveva passato la canna a Cellino. Vergogna, è un atteggiamento antisportivo.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines