Magazine Cultura

parlando di libertà – La storia di Gregorio

Da Foscasensi @foscasensi

La mamma di Fiammetta ogni giorno spruzzava l’acqua in un vaso di cristallo. Dentro c’era una pianta che non si era mai vista. Aveva le foglie scure e radici simili a vermetti. In cima alle foglie c’erano molte bocche verdi e profumate. Quando una mosca si posava sulle bocche, gnam!, la pianta se la mangiava in un batter d’occhio.

Naturalmente a Fiammetta dispiaceva per le mosche perché anche se sono fastidiose in fondo non fanno male a nessuno. Un giorno, quando la pianta carnivora aveva proprio esagerato, la sgridò. “Vergognati, ghiottona!” disse alla pianta.

La pianta si risentì: “Prima di tutto ho un nome – rispose –. Mi chiamo Gregorio”.
“Gregorio? Cioè saresti un maschietto?”
“Direi di sì, mia cara. Anche noi piante siamo divise in maschietti e femminucce, almeno in una certa parte dei casi. E poi non mi va di essere chiamato ghiottone”.
“Ma se ti ho appena visto mangiare quindici mosche!” ribatté Fiammetta.
“Non posso farci nulla, quando arriva la sera mi prende il languorino”.
“Non puoi mangiare dell’altro?”
“Magari – sospirò Gregorio –. Sai, io vengo da molto lontano, per la precisione dall’isola di Tropicolla. Quando sono arrivato qui, insieme a tanti altri fratelli e sorelle, ero poco più di un vasetto. Della mia vecchia casa non è rimasto quasi nulla: ricordo la giungla e i miei genitori che si facevano delle incredibili scorpacciate di caprotto”.
“Vuoi dire di capra?” lo corresse Fiammetta.
“Non ho detto: capretto, ho detto: caprotto”, rispose Gregorio accigliato. “Non dirmi che non conosci le vocali!”
“Certo che le conosco: a, e, i, o…”
“Bene, bene – la interruppe Gregorio – non occorre che tu le elenchi tutte. Piuttosto, se puoi procurarmi un bel piatto di caprotto ti sarei molto grato”.
“Ma non so proprio di che si tratta!”
“Non lo so nemmeno io, ero troppo giovane quando mi hanno messo in un vaso. So solo che era buonissimo mentre le mosche che ci sono qui sanno di noccioline scadute”.

Fiammetta non trovò una briciola di caprotto in dispensa, nel frigorifero e nemmeno al supermercato. Così accompagnò Gregorio al porto e lo affidò alla prima nave in partenza per l’isola di Tropicolla. Quando il bastimento salpò verso l’oceano Fiammetta salutava Gregorio con la mano e urlava il suo nome a squarciagola.
Dopo due settimane il postino consegnò una cartolina illustrata: c’era un gruppo di piante carnivore in posa come una foto di famiglia e sullo sfondo un mare tropicale azzurro splendente.

C’era scritto:

Cara Fiammetta,
il caprotto è buonissimo ma la libertà è anche meglio.

Tuo amico per sempre,
Gregorio


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La mafia

    di Dale Zaccaria La mafia pervade tutto oramai. Non è più un fatto sociale, politico, economico, è un processo culturale. Anche gli stessi ambienti letterari... Leggere il seguito

    Da  Peppinoimpastatoproject
    CULTURA
  • COSI' E' LA VITA di C. De Gregorio

    COSI' VITA Gregorio

    Queste sono le prime dieci righe di Annalisa: Le cose migliori che mi sono successe negli ultimi tre anni sono state a un funerale. Incontri, viaggi, emozioni,... Leggere il seguito

    Da  Vale
    CULTURA, LIBRI
  • La perrita

    perrita

    Torno,dopo anni,a parlare di cani a Cuba dopo un celeberrimo post di alcuni anni fa,post la cui continua citazione da parte di un personaggio che scriveva in... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La scrittura.

    scrittura.

    PRAGMATA ASSOCIAZIONE.la principale e più sorprendente delle invenzioni dell’uomo: la scrittura. Attraverso di essa si è fissata la storia, si sono redatte le... Leggere il seguito

    Da  Costantino Posa
    POESIE, TALENTI
  • La strada

    strada

    Giacomo Balla, Ritratto di Benedetta MarinettiC’è una strada che passa attraverso la donna e che porta ad un lontanissimo cancello, in fondo, laggiù, da cui si... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA
  • La cosa

    cosa

    La prima volta che l’ho incontrato avevo bevuto parecchio.Da quando è successa la cosa bevo spesso parecchio.È apparso senza che me ne accorgessi, forse ero... Leggere il seguito

    Da  Naimablu
    RACCONTI, TALENTI
  • BOSCHI & BOSSOLI di Michael Gregorio

    BOSCHI BOSSOLI Michael Gregorio

    "La storia è ambientata in Italia centrale ai nostri giorni dove l’infiltrazione mafiosa e la speculazione edilizia stanno trasformando il paesaggio in un... Leggere il seguito

    Da  Diegothriller
    CULTURA, GIALLI, LIBRI

Dossier Paperblog

Magazines