Magazine Arte

Paul cadmus (1904-1999)

Creato il 14 ottobre 2011 da Catone
Paul Cadmus fu uno degli artisti gay più controversi
L’artista americano Paul Cadmus (B1904–D1999) iniziò a dipingere all’inizio degli anni ‘30, ma rimase ignoto, al di fuori del circolo bohemienne di New York, fino a che divenne famoso per uno scandalo artistico scoppiato sul molto pubblicizzato dipinto, The Fleet In!


Paul Cadmus, The Fleet’s In, 1934The Fleet In!, 1933
Il dipinto (mostrato sopra) raffigura dei marinai in licenza con atteggiamenti turbolenti e lussuriosi e suscitò la rabbia e le ire nelle alte sfere della US Navy, non solo per la sua rappresentazione della Marina, ma anche per le sue ovvie connotazioni sessuali che contrastano con il mito della vita della marina. Sospettosamente è sparito per decenni la vista del pubblico, solo più tardi per alzare in possesso di un ammiraglio deceduto. Quel dipinto, come pure molti dipinti e disegni successivi di Paul Cadmus, era caratterizzato da eroici stretti muscolosi bei ragazzi, e Paul Cadmus più tardi fu riconosciuto come uno dei primi artisti americani contemporanei di quello che fu in seguito chiamato "lo stile di vita gay. Paul Cadmus ricordò in un'intervista con Howard Feinstein per la rivista "The Advocate" che per quanto riguardava "The flotte In" e altri lavori " stavo solo registrando ciò che avevo visto e pensato, certamente in quel momento non stavo cercando di promuovere"i diritti dei gay".


Paul Cadmus, Sailors and Floosies, 1938Sailors and Floosies, 1938
Cadmus era nativo di New York; era nato il 17 dicembre 1904 ed era cresciuto per le strade e i blocchi caseggiati di Upper West Side, vicino Amsterdam Avenue e 103rd Street. (Immagine) I suoi genitori erano entrambi artisticamente dotati. Suo padre era un artista commerciale che lavorava nell’industria pubblicitaria, e sua madre illustrava libri per bambini prima del suo matrimonio, ma la famiglia, che includeva la sorella minore di Cadmus, era ancora abbastanza povera. New York era in una delle sue molte fasi di transizione, la povertà era tutta intorno e la grande depressione era proprio dietro l'angolo. Cadmus ha detto di quel periodo: "il nostro appartamento era in un edificio orrido e abbiamo vissuto lì con le altre famiglie di lavoratori colpite dalla povertà, abbiamo vissuto ogni giorno con scarafaggi e cimici, insufficiente riscaldamento in inverno e raffreddamento inadeguato nei mesi estivi". È anche noto che Paul Cadmus soffrì di rachitismo, una condizione causata da un’alimentazione povera di vitamine, ma che a New York nei primi anni del ' 900 milioni vivevano nelle stesse condizioni.
Paul Cadmus, Gilding the Acrobats, 1935

Paul Cadmus va in Europa.La National Academy of Design è dove i suoi genitori si erano incontrati e all'età di quattordici Paul Cadmus seguì le loro orme e si iscrisse ai corsi di arte. Non molto tempo dopo Paul Cadmus abbandonò la scuola superiore di stato e incoraggiato dai suoi genitori entrò nell'Accademia come studente d’ arte a tempo pieno. Cadmus era affascinato dall'arte del Rinascimento italiano, un periodo che è il fondamento di tutta l'arte classica, come lo conosciamo oggi, un periodo che aveva riscoperto i principi fondamentali della geometria umana figurativo. Paul Cadmus studiò e perfezionò queste entità con serietà e questo lo si può vedere in tutta la sua belle e sensibili raffigurazioni dei suoi modelli maschili. Paul Cadmus rimase sei anni presso l'Accademia, vincendo molti riconoscimenti, premi e borse di studio. Nel 1924 trascorse gli ultimi due anni della sua formazione accademica presso l’ Art Students League di New York City. Alla fine della sua formazione Paul Cadmus era un artista compiuto e un illustratore richiesto per la sua grande abilità. Nel 1930 Cadmus aveva trovato un lavoro permanente per una piccola New York agenzia pubblicitaria, tuttavia Paul Cadmus aveva maggiori ambizioni e volle seguire le orme di tanti grandi artisti e scrittori americani, molti dei quali avevano affinato le loro carriere artistiche lasciando la patria e facendo vela verso l'Europa. Nell'autunno del 1931 con un vecchio amico e collega studente da Art League, Jared French, Paul Cadmus partì per l'Europa; la loro intenzione era quella di vivere frugalmente e dipingere come e quando lo volessero, senza l’incombenza di dover lavorare a scadenza o per pagare le bollette.
cadmus_06Shore Leave 1933 
Paul Cadmus e Jared French indirizzarono la loro strada verso le Isole Baleari appena fuori della costa mediterranea della Spagna l'isola principale che delle quali è Maiorca, che non era la trappola turistica che è oggi .Lì i due artisti trascorsero due anni in languida creatività artistica finché le loro finanze non furono esaurite. Paul Cadmus ricorderà in seguito nelle interviste con Tully "ho dipinto in realtà una piccola quantità di soggetti di Maiorca, nella maggior parte dei dipinti dipingevo c'erano scene che erano nella mia memoria dalle mie esperienze americane, la pittura Shore Leave, notte di marinai, spogliatoio,. Egli sembrava godere l'ironia della situazione. Tully seguito richiamate.
Quando Cadmus e francesi tornarono in America, l'intero paese era nel mezzo di una grave depressione economica causata dal crollo di Wall Street del 1929, non pienamente sarebbe recuperare fino all'avvento della seconda guerra mondiale così per Paul Cadmus e per qualsiasi altro artista divenne molto difficile trovare lavoro. Cadmus chiese e ottenne un lavoro per un programma di governo che gli fruttava un salario di sussistenza di 32 $ a settimana per dipingere per un progetto di lavori pubblici di arte.
cadmus greenwich village cafeteria 1934 Greenwich Village Cafeteria 1934
Dopo un paio di mesi di lavoro nel progetto arti pubbliche Cadmus aveva prodotto due opere: Greenwich Village Cafeteria e il famigerato " The Fleet’s In " esposti presso la Corcoran Gallery (dove lavorava Robert Mapplethorpe che sarebbe stato censurato molto più tardi) a Washington DC, dove causarono controversie e polemiche. Come accennato in precedenza, il dipinto rivela bel giovane U.S. in congedo che fa baldoria con giovani donne vistosamente agghindate ( probabilmanta prostitute) e che tutti i personaggi sembrano essere di un umore sfrenato , indubbiamente aiutato dall'alcol. Tutto questo era abbastanza disdicevole per le alte sfere della Marina, anche perché nel lato sinistro del dipinto si vede un marinaio accettare una sigaretta da un gentiluomo con un un grigio vestito. Il gentiluomo indossa una cravatta rossa, e questo era considerato al momento uno dei segnali in codice utilizzato dagli omosessuali per identificarsi l’un l'altro. Bisogna ricordare che tutto questo avveniva prima dei movimenti di liberazione gay negli anni sessanta. Questo accadeva quando i gay erano quasi sempre costretti a rimanere omosessuali non dichiarati per paura di ritorsioni legali, sociali e professionali
Paul Cadmus, lo scandalo che lo ha portato all'attenzione del pubblico.Naturalmente, tutto questo era un aspersione troppo lontano per la Marina e alcuni del pubblico più conservatore, ha causato una tonalità e piangere all'interno del dipartimento della Marina e naturalmente era allegramente trasmessi e alimentato la stella della sera da Washington. Il giornale Sull’ Washington Evening Star apparve un articolo e una foto del "depravato quadro" un giorno prima dell'apertura della mostra e un ex Ammiraglio US Navy "Hugh Rodman" lesse l'articolo di giornale si indignò per la rappresentazione della sua amata Marina e le calunnie omosessuali che Cadmus con la sua opera aveva gettato su di essa. Rodman usò la sua influenza per ottenere che il dipinto di Paul Cadmus fosse rimosso dalla mostra prima che fosse aperta per pubblica esposizione. Da quel momento il titolo che campeggiava sui quotidiani nazionale fu: " Cadmus painting scandal "
"Non c'è cosa migliore della cattiva pubblicità" Lo scandalo generato gettò un’enorme pubblicità e notorietà sul giovane artista e Cadmus poi dirà che doveva ringraziare era l’ammiraglio Rodman per la sua fama nazionale e per il successo avuto.
Paul Cadmus continuò a dipingere immagini che scontento sia l'autorità e l'opinione pubblica che in genere è necessario essere lusingato dalla propria rappresentazione.
Paul Cadmus, Coney Island, 1935 Coney Island, 1934
Uno di questi lavori che ancora una volta generò polemica fu la pittura 1935 "Coney Island", che doveva essere presente in una mostra presso il Museo Whitney quell'anno. I residenti e i commercianti di Coney Island minacciarono di citare in giudizio il Museo perchè la pittura dava un'impressione non troppo lusinghiera degli abitanti di Coney Island e così il dipinto venne ritirato sotto le proteste degli ammiratori di Cadmus che ora erano veramente tanti..
Quando la biblioteca pubblica di Port Washington, New York era in costruzione sotto gli auspici della WPA, Paul Cadmus chiese di presentare le sue idee e i suoi schizzi. I murales erano una forma di decorazione alla moda nella costruzione di progetti pubblici e privati negli anni ‘30 e molti ora venerati e famosi artisti si guadagnarono da vivere lavorando in questo campo. In questo caso particolare il lavoro di Paul Cadmus fu respinto perché voleva dipingere dipinti murali satirici raffiguranti le occupazioni per il tempo libero e le abitudini della società americana benestante. Aspects of Suburban Life. Public Dock Aspects of Suburban Life: Public Dock, 1936
Questo fu l'inizio del 1930 quando gli artisti di tutto il mondo stavano sposando idee socialiste come Diego Rivera. Paul Cadmus non faceva eccezione ma il Consiglio respinse il suo sarcasmo politico per il progetto della libreria. Cadmus più tardi prese il concetto che egli aveva in origine per il progetto della libreria e lo trasformò in una serie di suoi dipinti più famosi: gli aspetti della vita suburbana.
 Regatta, 1935, by Paul Cadmus
Golf e Main Street erano tutti i dipinti presi da collezionisti privati, come era tutto il suo lavoro in questo periodo, ora egli era rappresentato dalle prestigiose Midtown Galleries di Madison Avenue. La mostra di Paul Cadmus nel 1937 ricevette oltre settemila visitatori, una fenomenale visione per quel tempo; la notorietà di Cadmus era appagata e lui gioiva ad essere sotto i riflettori.
Polo Spill 1936 1ac Aspects of Suburban Life: Polo, 1936
Golf 1ac Aspects of Suburban Life: Golf, 1936
Paul Cadmus non era più la scelta di critici.Negli anni immediatamente dopo la seconda guerra mondiale, la popolarità e lo stile di lavoro di Paul Cadmus iniziò a declinare sia per la critica che per il pubblico. Era ancora profondamente radicato nel realismo sociale perfezionato da lui nel 1930 e divenne fuori moda. Ora una rinata e ringiovanita America era alla ricerca di qualcosa di più moderno, meno cerebrale, più colorato ed espressivo. I critici d'arte, che una volta avevano applaudito la sua audacia ora lo respingevano. Il suo lavoro ora stava cominciando ad essere respinto anche dai curatori dei musei e dagli organizzatori delle mostre. Uovo Tempera era stato mezzo preferito di Paul Cadmus dal primi anni quaranta, è stato un processo scrupoloso che torna ai suoi primi ammirazione del Rinascimento, tuttavia dipinto questo modo poteva portarlo a sei mesi per finire un dipinto e questo insieme con la sua crescita sociale e alla moda irrilevanza diminuita la carriera considerevolmente in questo periodo. La Paul Cadmus stat era svanendo ma mai è stato completamente estinto e fu farinosa in attesa per il tempo di passare e un nuovo apprezzamento del suo splendore di essere apprezzato da una nuova generazione di appassionati d'arte...
Paul-Cadmus-Nude2
Paul Cadmus produce solo due dipinti all’ anno fino alla fine del 1980, lavoro fuori dalla tradizione tradizione nella sua casa di Weston Connecticut USA. La casa e lo studio erano stati un regalo del direttore del balletto di New York: Lincoln Kirstein. Kirstein è stato uno dei molti eminenti amici e ammiratori del suo lavoro che si erano radunati vicino a Cadmus negli anni precedenti...Luminari del mondo del balletto come George Balanchine, scrittori e studiosi come W. H. Auden e Christopher Isherwood.e E. M. Forster tutti erano amici intimi di Cadmus. Il tempo e un nuovo pubblico finalmente riscoprirono Paul Cadmus negli anni ottanta, l'interesse si riaccese quando la pittura che lo rese infame The Fleets In! andò finalmente in mostra. Cadmus era ignaro di ciò che era accaduto alla pittura dopo la confisca da parte dell’ammiraglio Rodman. Scoprì più tardi che quando Henry Roosevelt morì nel 1936 aveva erroneamente donato la pittura a "L'Alibi Club di Washington DC. Il dipinto rimase appeso lì per anni all'insaputa di chiunque nel mondo dell'arte o Camus se stesso; Tuttavia esso venne alla luce quando uno studente facendo la sua dissertazione di laurea, lo scoprì e poi montò con successo una sfida legale per averlo restituito alla proprietà pubblica. Prima di diventare l'autore di un libro su Paul Cadmus, Philip Eliasoph sosteneva che poiché Cadmus era stato pagato dall'erario per il progetto pubblico di opere d'arte, la pittura doveva appartenere al pubblico. Eliasoph vinse la causa e ora la pittura può essere vista regolarmente nel mostre dei musei in tutti gli Stati Uniti. Dall'inizio del 1964, John Anderson, che era una cantante di cabaret ex e performer visse con Paul Cadmus come suo partner. John può essere visto nel David Sutherland 1986 documentario PBS su Paul Cadmus intitolato "Paul Cadmus, John può essere visto anche in molti dei dipinti e disegni di Paul Cadmus come fu il modello per molti dei dipinti e incisioni di Paul, John è il bel ragazzo alto solitamente rappresentato angelicamente con riccioli biondi.
Paul Cadmus, The Haircut, 1986
Paul Cadmus morì il dicembre 1999:12 pochi giorni prima del suo novantacinquesimo compleanno, morì nella casa - studio presso Weston Connecticut che John e Paul aveva condiviso insieme da oltre 35 anni.
Paul-Cadmus-The-Venetian-Chair
Altre opere di Paul Cadmus
What I Believe 1947-48 1acHand Signed What I Believe
Main Street 1936 1ac Main Street 1936
Seeing the New Year In 1939 1ac Seeing the New Year in
Subway Symphony, 1975-76 Subway Symphony, 1975-76, Courtesy DC Moore Gallery, NYC
Paul Cadmus, Herrin Massacre, 1940 Paul Cadmus, Herrin Massacre, 1940. Tempera and oil on panel, 35 ½ x 26 ¾ in.Gift of Thomas J. Lord and Robert E.  White, Jr. in memory of Arthur and Marie Bell Lord and R. Emmett and Irene Foster White
Paul-Cadmus-Bar-Italia Bar Italia,1953
Paul Cadmus, Night in Bologna, 1958 Night in Bologna, 1958***************************

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Paul – alieno sporcaccione

    Paul alieno sporcaccione

    L’impressione è che Gregg Mottola volesse puntare molto più in alto con questo Paul di quanto non gli sia riuscito. La presa in giro del genere alieni sulla... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • Paul

    Paul

    “I’m an alien, I’m a little alien, I’m an Englishman in New York” Alla domanda “Cos’è la fantascienza?” George Lucas ha sottolineato le questioni morali e... Leggere il seguito

    Da  Jackragosa
    CINEMA, CULTURA
  • Paul

    Paul

    rosa gialla. Caro compagno Willi, ti prego di voler scusare la cattiva scrittura, ma non è possibile diversamente. Sono ammanettato [Nelle carceri di Brandeburg... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Review 2011 - Paul

    Review 2011 Paul

    I due "brother-man" Nick Frost e Simon Pegg si ricongiungono in una parodia cinefila dell'alien-movie, dopo aver svuotato l'action con "Hot Fuzz" e l'horror... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • Paul (Greg Mottola) ★★/4

    Paul (Greg Mottola) ★★/4

    Paul, USA/Gran Bretagna, 2011, 104 min. Il grande duo britannico composto da Simon Pegg & Nick Frost, autore del geniale Shaun of the Dead (a tutt’oggi la... Leggere il seguito

    Da  Eda
    CINEMA, CULTURA
  • Paul

    Paul

    Avevo annunciato il film in questo post. Paul è un film di Greg Mottola (Suxbad e Adventureland) scritto e interpretato da Simon Pegg e Nick Frost (L'alba dei... Leggere il seguito

    Da  Watanabe
    CULTURA
  • Paul - Greg Mottola

    Paul Greg Mottola

    Dopo l'horror parodiato in Shaun of the Dead (film geniale!) e l'action americano in Hot Fuzz (film geniale!), la coppia britannica Simon Pegg e Nick Frost si... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA